"cercano le chiarità le cose oscure" 




 


Tuesday, December 31, 2019

2019 31 DICEMBRE DETERMINAZIONE N 982 MAGGIORE CROCE ANTONIO Liquidazione della sesta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18.

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 982 del 31-12-2019
Oggetto: Liquidazione della sesta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18.
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO – FINANZIARIO
Premesso
- che con atto consiliare n.2/2018, si è provveduto al riconoscimento del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore dei Sigg. Lo Bianco A. ed altri, per le motivazioni e considerazioni ivi espresse;
− che la suddetta deliberazione è stata modificata dal Consiglio Comunale, prima con atto n. 38/2018 e successivamente, in vista della richiesta di mutuo alla CdP, con deliberazione CC n. 42 del 23 dicembre 2018 con la quale è stato determinato che all’estinzione del debito come sopra riconosciuto, si sarebbe provveduto mediante un piano di rateizzazione in due anni, esercizio 2018 ed esercizio 2019, secondo le seguenti specifiche:
− quanto ad € 350.000,00, secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Bianco A.+18, con la quota di avanzo vincolata a tal fine destinata in sede di Bilancio di previsione 2018-2020;
− quanto ad € 1.325.000,00, a completamento della quota spettante ai Sigg. Lo Bianco A.+18, con mutuo della CdP già richiesto ed attualmente in fase di istruttoria, cui è stato assegnato il numero di posizione 6050497;
− quanto ad € 1.242.436,34 secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Iacono P.+2, suscettibile di riduzione come dichiarato dai creditori nel medesimo accordo, mediante ulteriore mutuo con la CdP da richiedere nel 2019;
− che in data 28 dicembre 2018, a seguito esito favorevole dell’istruttoria, questo Ente ha stipulato con la Cassa depositi e Prestiti, il contratto di mutuo dell’importo di € 1.325.000,00 per il pagamento di una parte della quota del debito in favore di Lo Bianco A.+18;
− che con atto n. 49 dell’11 marzo 2019, la Giunta Comunale ha preso atto dello schema di transazione definitiva tra il Comune e i creditori della quota Lo Bianco +18, le cui generalità complete sono ivi elencate, per l’importo complessivo di € 1.675.000,00, con la quale è stato stabilito di procedere al pagamento di detta somma come di seguito specificato:
a) quanto a € 1.325.000,00, pagamento in unica soluzione entro il 15 maggio 2019, previa richiesta di erogazione della somma alla CdP del mutuo già concesso e liquidazione ai creditori;
b) quanto a € 350.000,00 mediante utilizzo dell’avanzo vincolato in n. 12 rate mensili a partire dal 15 luglio 2019;
che la quota di € 1.325.000,00, oggetto del mutuo sopra citato, è stata pagata ai creditori in data 24 maggio 2019 con mandato n. 20190000871 intestato al Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti creditori Lo Bianco+18, giusta procura speciale agli atti di ufficio;
RITENUTO
− pertanto, di dovere procedere al pagamento della sesta rata della quota di € 350.000,00 del debito come fissato nella transazione citata;
− di potere liquidare la somma di € 29.166,66 in favore del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Stra-sburgo n.135, nella qualità di procuratore dei creditori suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, previa imputazione della medesima sui capitoli 350001 – 73000 – 42006 – 156000 – 350000 del corrente bilancio di previsione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata;
VISTO
− il D.Lgs. n. 267/00 e ss.mm.ii. (TUEL)
− l’O.R.EE.LL. vigente in Sicilia;
D E T E R M I N A
per le motivazioni espresse in narrativa che qui si intendono riportate,
1) IMPEGNARE la somma di € 29.166,66 sui seguenti capitoli 350001 – 73000 – 42006 – 156000 – 350000 del corrente bilancio di previsione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata, quale sesta rata della quota di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore dei creditori Lo Bianco+18.
2) LIQUIDARE in favore dei creditori Lo Bianco+18, le cui generalità complete sono elencate nell’atto di transazione definitivo, nella persona del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, la somma di € 29.166,66 (ventinovemilacentosessantasei/66) quale sesta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito complessivo a loro spettante, in forza della transazione definitiva firmata tra il Comune di Isola delle Femmine ed i medesimi creditori.
3) AUTORIZZARE l’Ufficio di Ragioneria, ad emettere mandato di pagamento per il medesimo importo, in favore del procuratore speciale dei creditori Dr. Ferrante Michele Antonio, sopra ge-neralizzato, mediante bonifico bancario intestato al medesimo procuratore, riportanti le seguenti coordinate: IBAN: IT34M0312743391000000002570 - BIC: BAECIT2B - Rapporto: 01/273/00002570 - conto corrente intrattenuto presso Unipol Banca S.p.A., Ag. di Isola delle Femmine (PA).
Cap. 350001 Imp. 1574/2019 per € 13.166,67
Cap. 73000 Imp. 1575/2019 per € 4.600,00
Cap. 42006 Imp. 1576/2019 per € 1.200,00
Cap. 156000 Imp. 1577/2019 per € 8.200,00
Cap. 350000 Imp. 1578/2019 per € 2.000,00
Il Responsabile del Servizio
Il Responsabile del Settore
(CROCE ANTONIO)
(CROCE ANTONIO)
Visto di regolarità contabile
In ordine alla regolarità contabile, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 151, comma 4, del T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (DLgs n. 267/2000) attesta la copertura finanziaria, come da impegno di spesa assunto:
N. 2019/1574 - 1575 - 1576 - 1577 - 1578 .
Si attesta altresì che il programma dei pagamenti conseguenti alla presente determinazione è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, ai sensi dell’art. 9, comma 1, del D. L. n. 78/2009, convertito dalla legge n. 102/2009.
Isola delle Femmine lì, 31-12-2019
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Relata di pubblicazione
Si attesta che copia della presente determinazione viene affissa all’Albo pretorio on-line di questo Comune da oggi 31/12/2019 e vi rimarrà pubblicata per quindici giorni consecutivi.
Il Responsabile del servizio
()

Firmato digitalmente da
ANTONIO
CROCE
C = IT
Data e ora della firma: 31/12/2019 16:44:29
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 821 del 03-12-2019
Oggetto: Liquidazione della quinta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bi-lancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18.
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
PREMESSO
− che con atto consiliare n.2/2018, si è provveduto al riconoscimento del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore dei Sigg. Lo Bianco A. ed altri, per le motivazioni e considerazioni ivi espresse; − che la suddetta deliberazione è stata modificata dal Consiglio Comunale, prima con atto n. 38/2018 e successivamente, in vista della richiesta di mutuo alla CdP, con deliberazione CC n. 42 del 23 dicembre 2018 con la quale è stato determinato che all’estinzione del debito come sopra riconosciuto, si sarebbe provveduto mediante un piano di rateizzazione in due anni, esercizio 2018 ed esercizio 2019, secondo le seguenti specifiche:
− quanto ad € 350.000,00, secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Bianco A.+18, con la quota di avanzo vincolata a tal fine destinata in sede di Bilancio di previsione 2018-2020;
− quanto ad € 1.325.000,00, a completamento della quota spettante ai Sigg. Lo Bianco A.+18, con mutuo della CdP già richiesto ed attualmente in fase di istruttoria, cui è stato assegnato il numero di posizione 6050497;
− quanto ad € 1.242.436,34 secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Iacono P.+2, suscet-tibile di riduzione come dichiarato dai creditori nel medesimo accordo, mediante ulteriore mutuo con la CdP da richiedere nel 2019; − che in data 28 dicembre 2018, a seguito esito favorevole dell’istruttoria, questo Ente ha stipulato con la Cassa depositi e Prestiti, il contratto di mutuo dell’importo di € 1.325.000,00 per il pagamento di una parte della quota del debito in favore di Lo Bianco A.+18;
− che con atto n. 49 dell’11 marzo 2019, la Giunta Comunale ha preso atto dello schema di transazione definitiva tra il Comune e i creditori della quota Lo Bianco +18, le cui generalità com-plete sono ivi elencate, per l’importo complessivo di € 1.675.000,00, con la quale è stato stabilito di procedere al pagamento di detta somma come di seguito specificato:
a) quanto a € 1.325.000,00, pagamento in unica soluzione entro il 15 maggio 2019, previa richiesta di erogazione della somma alla CdP del mutuo già concesso e liqui-dazione ai creditori;
b) quanto a € 350.000,00 mediante utilizzo dell’avanzo vincolato in n. 12 rate mensili a partire dal 15 luglio 2019; Firmato digitalmente da ANTONIO CROCE C = IT Data e ora della firma: 03/12/2019

12:20:37
− che la quota di € 1.325.000,00, oggetto del mutuo sopra citato, è stata pagata ai creditori in data 24 maggio 2019 con mandato n. 20190000871 intestato al Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti creditori Lo Bianco+18, giusta procura speciale agli atti di ufficio;
RITENUTO
− pertanto, di dovere procedere al pagamento della quarta rata della quota di € 350.000,00 del debito come fissato nella transazione citata;
− di potere liquidare la somma di € 29.166,66 in favore del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Pa-lermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei creditori suddetti, giusta pro-cura speciale agli atti di ufficio, previa imputazione della medesima sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata;
VISTO
− il D.Lgs. n. 267/00 e ss.mm.ii. (TUEL)
− l’O.R.EE.LL. vigente in Sicilia;
D E T E R M I N A
per le motivazioni espresse in narrativa che qui si intendono riportate,
1) IMPEGNARE la somma di € 29.166,66 sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsio-ne, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transa-zione firmata, quale quinta rata della quota di € 350.000,00 del debito fuori bilancio ricono-sciuto in favore dei creditori Lo Bianco+18.
2) LIQUIDARE in favore dei creditori Lo Bianco+18, le cui generalità complete sono elencate nell’atto di transazione definitivo, nella persona del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Via-le Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, la somma di € 29.166,66 (ventinovemilacentosessantasei/66) quale quinta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito complessivo a loro spettante, in forza della transazione definitiva firmata tra il Comune di Isola delle Femmine ed i medesimi creditori.
3) AUTORIZZARE l’Ufficio di Ragioneria, ad emettere mandato di pagamento per il medesimo importo, in favore del procuratore speciale dei creditori Dr. Ferrante Michele Antonio, sopra generalizzato, mediante bonifico bancario intestato al medesimo procuratore, riportanti le seguenti coordinate: IBAN: IT34M0312743391000000002570 - BIC: BAECIT2B - Rapporto: 01/273/00002570 - conto corrente intrattenuto presso Unipol Banca S.p.A., Ag. di Isola delle Femmine (PA).

Imp. 1365/2019
Il Responsabile del Servizio
Il Responsabile del Settore
(CROCE ANTONIO)

(CROCE ANTONIO)
Visto di regolarità contabile
In ordine alla regolarità contabile, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 151, comma 4, del T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (DLgs n. 267/2000) attesta la copertura finanziaria, come da impegno di spesa assunto:
N. 2019/1365.
Si attesta altresì che il programma dei pagamenti conseguenti alla presente determinazione è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, ai sensi dell’art. 9, comma 1, del D. L. n. 78/2009, convertito dalla legge n. 102/2009.
Isola delle Femmine lì, 03-12-2019
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Relata di pubblicazione
Si attesta che copia della presente determinazione viene affissa all’Albo pretorio on-line di questo Comune da oggi 03/12/2019 e vi rimarrà pubblicata per quindici giorni consecutivi.
Il Responsabile del servizio
()
Proposta n. DETER - 903 - 2019





















COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 723 del 15-10-2019
Oggetto: Liquidazione della quarta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18.
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
PREMESSO
− che con atto consiliare n.2/2018, si è provveduto al riconoscimento del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore dei Sigg. Lo Bianco A. ed altri, per le motivazioni e considerazioni ivi espresse; − che la suddetta deliberazione è stata modificata dal Consiglio Comunale, prima con atto n. 38/2018 e successivamente, in vista della richiesta di mutuo alla CdP, con deliberazione CC n. 42 del 23 dicembre 2018 con la quale è stato de-terminato che all’estinzione del debito come sopra riconosciuto, si sarebbe provveduto median-te un piano di rateizzazione in due anni, esercizio 2018 ed esercizio 2019, secondo le seguenti specifiche:
− quanto ad € 350.000,00, secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Bianco A.+18, con la quota di avanzo vincolata a tal fine destinata in sede di Bilancio di previsione 2018-2020;
− quanto ad € 1.325.000,00, a completamento della quota spettante ai Sigg. Lo Bianco A.+18, con mutuo della CdP già richiesto ed attualmente in fase di istruttoria, cui è stato assegnato il numero di posizione 6050497;
− quanto ad € 1.242.436,34 secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Iacono P.+2, suscet-tibile di riduzione come dichiarato dai creditori nel medesimo accordo, mediante ulteriore mutuo con la CdP da richiedere nel 2019; − che in data 28 dicembre 2018, a seguito esito favorevole dell’istruttoria, questo Ente ha stipulato con la Cassa depositi e Prestiti, il contratto di mutuo dell’importo di € 1.325.000,00 per il pagamento di una parte della quota del debito in favore di Lo Bianco A.+18;
− che con atto n. 49 dell’11 marzo 2019, la Giunta Comunale ha preso atto dello schema di transazione definitiva tra il Comune e i creditori della quota Lo Bianco +18, le cui generalità com-plete sono ivi elencate, per l’importo complessivo di € 1.675.000,00, con la quale è stato stabilito di procedere al pagamento di detta somma come di seguito specificato:
a) quanto a € 1.325.000,00, pagamento in unica soluzione entro il 15 maggio 2019, previa richiesta di erogazione della somma alla CdP del mutuo già concesso e liqui-dazione ai creditori;
b) quanto a € 350.000,00 mediante utilizzo dell’avanzo vincolato in n. 12 rate mensili a partire dal 15 luglio 2019;
− che la quota di € 1.325.000,00, oggetto del mutuo sopra citato, è stata pagata ai creditori in data 24 maggio 2019 con mandato n. 20190000871 intestato al Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti creditori Lo Bianco+18, giusta procura speciale agli atti di ufficio;
RITENUTO
− pertanto, di dovere procedere al pagamento della quarta rata della quota di € 350.000,00 del debito come fissato nella transazione citata;
− di potere liquidare la somma di € 29.166,66 in favore del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Pa-lermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei creditori suddetti, giusta pro-cura speciale agli atti di ufficio, previa imputazione della medesima sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsione, in corso di formazione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata;
VISTO
− il D.Lgs. n. 267/00 e ss.mm.ii. (TUEL)
− l’O.R.EE.LL. vigente in Sicilia;
D E T E R M I N A
per le motivazioni espresse in narrativa che qui si intendono riportate,
1) IMPEGNARE la somma di € 29.166,66 sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsio-ne in corso di formazione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei bene-fici contenuti nella transazione firmata, quale quarta rata della quota di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore dei creditori Lo Bianco+18.
2) LIQUIDARE in favore dei creditori Lo Bianco+18, le cui generalità complete sono elencate nell’atto di transazione definitivo, nella persona del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Via-le Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, la somma di € 29.166,66 (ventinovemilacentosessantasei/66) quale quarta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito complessivo a loro spettante, in forza della transazione definitiva firmata tra il Comune di Isola delle Femmine ed i medesimi creditori.
3) AUTORIZZARE l’Ufficio di Ragioneria, ad emettere mandato di pagamento per il medesimo importo, in favore del procuratore speciale dei creditori Dr. Ferrante Michele Antonio, sopra generalizzato, mediante bonifico bancario intestato al medesimo procuratore, riportanti le seguenti coordinate: IBAN: IT34M0312743391000000002570 - BIC: BAECIT2B - Rapporto: 01/273/00002570 - conto corrente intrattenuto presso Unipol Banca S.p.A., Ag. di Isola delle Femmine (PA).
Imp. 1117/2019
Il Responsabile del Servizio
Il Responsabile del Settore
(CROCE ANTONIO)
(CROCE ANTONIO)

Visto di regolarità contabile
In ordine alla regolarità contabile, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 151, comma 4, del T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (DLgs n. 267/2000) attesta la copertura finanziaria, come da impegno di spesa assunto:
IMP. N. 20190001117.
Si attesta altresì che il programma dei pagamenti conseguenti alla presente determinazione è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, ai sensi dell’art. 9, comma 1, del D. L. n. 78/2009, convertito dalla legge n. 102/2009.
Isola delle Femmine lì, 15-10-2019
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Relata di pubblicazione
Si attesta che copia della presente determinazione viene affissa all’Albo pretorio on-line di questo Comune da oggi 15/10/2019 e vi rimarrà pubblicata per quindici giorni consecutivi.
Il Responsabile del servizio
()
Proposta n.DETER - 773 - 2019

Firmato digitalmente da
ANTONIO CROCE C = IT
Data e ora della firma: 15/10/2019 11:52:13
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 665 del 16-09-2019
Oggetto: Liquidazione della terza rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
PREMESSO
− che con atto consiliare n.2/2018, si è provveduto al riconoscimento del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore dei Sigg. Lo Bianco A. ed altri, per le motivazioni e considerazioni ivi espresse; − che la suddetta deliberazione è stata modificata dal Consiglio Comunale, prima con atto n. 38/2018 e successivamente, in vista della richiesta di mutuo alla CdP, con deliberazione CC n. 42 del 23 dicembre 2018 con la quale è stato determinato che all’estinzione del debito come sopra riconosciuto, si sareb-be provveduto mediante un piano di rateizzazione in due anni, esercizio 2018 ed esercizio 2019, secondo le seguenti specifiche:
− quanto ad € 350.000,00, secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Bianco A.+18, con la quota di avanzo vincolata a tal fine destinata in sede di Bilancio di previsione 2018-2020;
− quanto ad € 1.325.000,00, a completamento della quota spettante ai Sigg. Lo Bianco A.+18, con mutuo della CdP già richiesto ed attualmente in fase di istruttoria, cui è stato assegnato il numero di posizione 6050497;
− quanto ad € 1.242.436,34 secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Iacono P.+2, suscettibile di ridu-zione come dichiarato dai creditori nel medesimo accordo, mediante ulteriore mutuo con la CdP da richiede-re nel 2019; − che in data 28 dicembre 2018, a seguito esito favorevole dell’istruttoria, questo Ente ha stipu-lato con la Cassa depositi e Prestiti, il contratto di mutuo dell’importo di € 1.325.000,00 per il pagamento di una parte della quota del debito in favore di Lo Bianco A.+18;
− che con atto n. 49 dell’a11 marzo 2019, la Giunta Comunale ha preso atto dello schema di transazione de-finitiva tra il Comune e i creditori della quota Lo Bianco +18, le cui generalità complete sono ivi elencate, per l’importo complessivo di € 1.675.000,00, con la quale è stato stabilito di procedere al pagamento di detta somma come di seguito specificato:
a) quanto a € 1.325.000,00, pagamento in unica soluzione entro il 15 maggio 2019, previa richiesta di erogazione della somma alla CdP del mutuo già concesso e liquidazione ai creditori;
b) quanto a € 350.000,00 mediante utilizzo dell’avanzo vincolato in n. 12 rate mensili a partire dal 15 luglio 2019;
− che la quota di € 1.325.000,00, oggetto del mutuo sopra citato, è stata pagata ai creditori in data 24 maggio 2019 con mandato n. 20190000871 intestato al Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti creditori Lo Bianco+18, giusta procura speciale agli atti di ufficio;
RITENUTO
− pertanto, di dovere procedere al pagamento della terza rata della quota di € 350.000,00 del debito come fis-sato nella transazione citata;
− di potere liquidare la somma di € 29.166,66 in favore del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei creditori suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, previa imputa-zione della medesima sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsione, in corso di formazione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quan-to potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata;
VISTO
− il D.Lgs. n. 267/00 e ss.mm.ii. (TUEL)
− l’O.R.EE.LL. vigente in Sicilia;
D E T E R M I N A
per le motivazioni espresse in narrativa che qui si intendono riportate,
1) IMPEGNARE la somma di € 29.166,66 sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsione in corso di formazione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata, quale terza rata della quota di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore dei creditori Lo Bianco+18.
2) LIQUIDARE in favore dei creditori Lo Bianco+18, le cui generalità complete sono elencate nell’atto di transazione definitivo, nella persona del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, la somma di € 29.166,66 (ventinovemi-lacentosessantasei/66) quale terza rata della quota residua di € 350.000,00 del debito complessivo a loro spettante, in forza della transazione definitiva firmata tra il Comune di Isola delle Femmine ed i medesimi creditori.
3) AUTORIZZARE l’Ufficio di Ragioneria, ad emettere mandato di pagamento per il medesimo importo, in favore del procuratore speciale dei creditori Dr. Ferrante Michele Antonio, sopra generalizzato, me-diante bonifico bancario intestato al medesimo procuratore, riportanti le seguenti coordinate: IBAN: IT34M0312743391000000002570 - BIC: BAECIT2B - Rapporto: 01/273/00002570 - conto corrente in-trattenuto presso Unipol Banca S.p.A., Ag. di Isola delle Femmine (PA).
Imp. 1014/2019
Il Responsabile del Servizio
Il Responsabile del Settore
(CROCE ANTONIO)
(CROCE ANTONIO)


COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 602 del 12-08-2019
Oggetto: Liquidazione della seconda rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bi-lancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18.
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
PREMESSO
− che con atto consiliare n.2/2018, si è provveduto al riconoscimento del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore dei Sigg. Lo Bianco A. ed altri, per le motivazioni e considerazioni ivi espresse; − che la suddetta deliberazione è stata modificata dal Consiglio Comunale, prima con atto n. 38/2018 e successivamente, in vista della richiesta di mutuo alla CdP, con deliberazione CC n. 42 del 23 dicembre 2018 con la quale è stato de-terminato che all’estinzione del debito come sopra riconosciuto, si sarebbe provveduto median-te un piano di rateizzazione in due anni, esercizio 2018 ed esercizio 2019, secondo le seguenti specifiche:
− quanto ad € 350.000,00, secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Bianco A.+18, con la quota di avanzo vincolata a tal fine destinata in sede di Bilancio di previsione 2018-2020;
− quanto ad € 1.325.000,00, a completamento della quota spettante ai Sigg. Lo Bianco A.+18, con mutuo della CdP già richiesto ed attualmente in fase di istruttoria, cui è stato assegnato il numero di posizione 6050497;
− quanto ad € 1.242.436,34 secondo accordo firmato dai Sigg. Lo Iacono P.+2, suscet-tibile di riduzione come dichiarato dai creditori nel medesimo accordo, mediante ulteriore mutuo con la CdP da richiedere nel 2019; − che in data 28 dicembre 2018, a seguito esito favorevole dell’istruttoria, questo Ente ha stipulato con la Cassa depositi e Prestiti, il contratto di mutuo dell’importo di € 1.325.000,00 per il pagamento di una parte della quota del debito in favore di Lo Bianco A.+18;
− che con atto n. 49 dell’a11 marzo 2019, la Giunta Comunale ha preso atto dello schema di transazione definitiva tra il Comune e i creditori della quota Lo Bianco +18, le cui generalità com-plete sono ivi elencate, per l’importo complessivo di € 1.675.000,00, con la quale è stato stabilito di procedere al pagamento di detta somma come di seguito specificato:
a) quanto a € 1.325.000,00, pagamento in unica soluzione entro il 15 maggio 2019, previa richiesta di erogazione della somma alla CdP del mutuo già concesso e liqui-dazione ai creditori;
b) quanto a € 350.000,00 mediante utilizzo dell’avanzo vincolato in n. 12 rate mensili a partire dal 15 luglio 2019;
− che la quota di € 1.325.000,00, oggetto del mutuo sopra citato, è stata pagata ai creditori in data 24 maggio 2019 con mandato n. 20190000871 intestato al Dr. Ferrante Michele Antonio, Firmato digitalmente da nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti creditori Lo Bianco+18, giusta procura speciale agli atti di ufficio;
RITENUTO
− pertanto, di dovere procedere al pagamento della seconda rata della quota di € 350.000,00 del debito come fissato nella transazione citata;
− di potere liquidare la somma di € 29.166,66 in favore del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Pa-lermo, Viale Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei creditori suddetti, giusta pro-cura speciale agli atti di ufficio, previa imputazione della medesima sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsione, in corso di formazione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei benefici contenuti nella transazione firmata;
VISTO
− il D.Lgs. n. 267/00 e ss.mm.ii. (TUEL)
− l’O.R.EE.LL. vigente in Sicilia;
D E T E R M I N A
per le motivazioni espresse in narrativa che qui si intendono riportate,
1) IMPEGNARE la somma di € 29.166,66 sul capitolo 350001 del corrente bilancio di previsio-ne in corso di formazione, dando atto che il mancato pagamento di tale rata esporrebbe l’Ente ad un danno molto più grave in quanto potrebbe comportare la decadenza dei bene-fici contenuti nella transazione firmata, quale seconda rata della quota di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore dei creditori Lo Bianco+18.
2) LIQUIDARE in favore dei creditori Lo Bianco+18, le cui generalità complete sono elencate nell’atto di transazione definitivo, nella persona del Dr. Ferrante Michele Antonio, nato ad Aarau (Svizzera) il 29 marzo 1980, (C.F.: FRRMHL80C29Z133E), residente in Palermo, Via-le Strasburgo n.135, nella qualità di procuratore dei suddetti, giusta procura speciale agli atti di ufficio, la somma di € 29.166,66 (ventinovemilacentosessantasei/66) quale seconda rata della quota residua di € 350.000,00 del debito complessivo a loro spettante, in forza della transazione definitiva firmata tra il Comune di Isola delle Femmine ed i medesimi creditori.
3) AUTORIZZARE l’Ufficio di Ragioneria, ad emettere mandato di pagamento per il medesimo importo, in favore del procuratore speciale dei creditori Dr. Ferrante Michele Antonio, sopra generalizzato, mediante bonifico bancario intestato al medesimo procuratore, riportanti le seguenti coordinate: IBAN: IT34M0312743391000000002570 - BIC: BAECIT2B - Rapporto: 01/273/00002570 - conto corrente intrattenuto presso Unipol Banca S.p.A., Ag. di Isola delle Femmine (PA).
Il Responsabile del Servizio
Il Responsabile del Settore
(CROCE ANTONIO)
(CROCE ANTONIO) 
Visto di regolarità contabile
In ordine alla regolarità contabile, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 151, comma 4, del T.U. delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (DLgs n. 267/2000) attesta la copertura finanziaria, come da impegno di spesa assunto:
n. 2019/923.
Si attesta altresì che il programma dei pagamenti conseguenti alla presente determinazione è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, ai sensi dell’art. 9, comma 1, del D. L. n. 78/2009, convertito dalla legge n. 102/2009.
Isola delle Femmine lì, 12-08-2019
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Relata di pubblicazione
Si attesta che copia della presente determinazione viene affissa all’Albo pretorio on-line di questo Comune da oggi 12/08/2019 e vi rimarrà pubblicata per quindici giorni consecutivi.
Il Responsabile del servizio
()

                                                                                                                                                             Deliberazione n.107/2019/PRSP

REPUBBLICA ITALIANA
La Corte dei conti
Sezione di controllo per la Regione siciliana
nell’adunanza del 12 marzo 2019, composta dai Magistrati:
Adriana La Porta 
Luciano Abbonato
Francesco Antonino Cancilla                - Presidente 
               - Consigliere
               -  Primo Referendario – relatore 
   
******
Visto l’art. 100, secondo comma, e gli artt. 81, 97 primo comma, 28 e 119 ultimo comma della Costituzione;
visto il R.D. 12 luglio 1934, n. 1214 e successive modificazioni;
vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 e successive modificazioni;
visto l'art. 2 del decreto legislativo 6 maggio 1948, n. 655, nel testo sostituito dal decreto legislativo 18 giugno 1999, n. 200;
visto il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni, recante il Testo Unico degli Enti Locali (T.U.E.L.) e, in particolare, l’art. 148 bis;
visto l’art. 7, comma 7, della legge 5 giugno 2003, n. 131;
visto l’art. 1, commi 166 e 167, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006);
visto, altresì, l’art. 1, comma 610, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006), il quale espressamente prevede che le disposizioni della predetta legge “sono applicabili nelle regioni a Statuto speciale e nelle province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con le norme dei rispettivi statuti”;
vista la relazione di deferimento del magistrato istruttore in merito alla relazione dell’organo di revisione del Comune di Isola delle Femmine sul rendiconto dell’esercizio 2015 e sulle misure correttive conseguenti alla deliberazione n. 90/2018/PRSP di questa Sezione; 
vista la deliberazione n. 202/2018/PRSP di questa Sezione; 
viste la memorie presentate dall’ente il 5 novembre 2018 (acquisita al prot. CdC n. 9727 in pari data), il 6 novembre 2018 (acquisita al prot. CdC n. 9789 in pari data) e il 17/12/2018 (acquisita al prot. CdC n. 11090); 
-vista la deliberazione n. 40/2019/PRSP di questa Sezione emessa all’esito dell’adunanza pubblica del 19 dicembre 2018;
-vista l’ordinanza del Presidente della Sezione di controllo n. 69/2019/CONTR, con la quale la Sezione medesima è stata convocata per l’adunanza ai fini degli adempimenti di cui al citato articolo 148 bis del TUEL;
-vista la memoria, con allegati, depositata il 5 marzo 2019 dal Comune di Isola delle Femmine, acquisita in pari data al prot. CdC n. 2020; 
-vista l’ulteriore documentazione depositata dai rappresentanti del Comune in occasione dell’adunanza pubblica odierna;
-uditi il relatore, Primo Referendario Francesco Antonino Cancilla, nonché, per il Comune di Isola delle Femmine, il Sindaco, avv. Stefano Bologna, il Segretario generale, avv. Ernesto Amaducci, e il Responsabile del settore economico finanziario, dott. Antonio Croce;
******
I)- rilevato che con la deliberazione n. 40/2019/PRSP la Sezione ha ritenuto necessaria l’acquisizione di ulteriori elementi istruttori per verificare se la situazione del Comune di Isola delle Femmine presentasse un grave squilibrio finanziario tale da configurare i presupposti per la dichiarazione del dissesto;
II)- rilevato, in particolare, che con la deliberazione n. 40/2019/PRSP è stato chiesto al Comune di riferire sui saldi e sugli equilibri dell’esercizio 2018, quali risultanti dal rendiconto già approvato o dal preconsuntivo, per quanto riguarda: la composizione del risultato di amministrazione (parte accantonata, parte vincolata, parte destinata agli investimenti e parte disponibile), il saldo di cassa e l’anticipazione di tesoreria (fondo di cassa libero, fondi vincolati, anticipazione di tesoreria utilizzata e non restituita, utilizzo per cassa di entrate vincolate), l’andamento dei residui (totale dei residui attivi, di quelli passivi, determinazione e quantificazione del Fondo crediti di dubbia esigibilità), l’andamento delle riscossioni, il rispetto dei vincoli di finanza pubblica e del pareggio di bilancio, la presenza di procedure esecutive;
III)- rilevato che con la memoria, depositata il 5 marzo 2019, acquisita al prot. CdC n. 2020, il Comune ha dedotto che: a)- pur essendo ancora in corso la procedura di approvazione del rendiconto, nondimeno dai dati di preconsuntivo dell’esercizio 2018 è emerso un miglioramento del risultato di amministrazione, che avrebbe consentito di coprire integralmente la quota di disavanzo derivante dalla rideterminazione del risultato di amministrazione del 2014 ai sensi dell’art. 3, comma 15, del d.lgs. 118/2011; b)- il Fondo crediti di dubbia esigibilità (FCDE) ammonterebbe alla fine del 2018 -secondo i dati preconsuntivo- all’importo di euro 8.533.355,42 determinato secondo il metodo ordinario; c)- l’anticipazione di tesoreria non restituita a fine 2018 -secondo i dati di preconsuntivo- ammonta ad euro 2.324.629,59, mentre la cassa vincolata è pari ad euro 115.560,95; d)- la situazione di cassa -in conseguenza di talune misure adottate (miglioramento della riscossione coattiva dei tributi, istituzione dell’imposta di soggiorno, razionalizzazione delle spese correnti) e della contabilizzazione di trasferimenti statali e regionali- è in netto miglioramento rispetto all’esercizio precedente; e)- la percentuale di riscossione volontaria dei tributi è migliorata rispetto all’esercizio precedente;
IV)- rilevato che, così come richiesto con la deliberazione n. 40/2019/PRSP, il Comune ha depositato nel corso dell’adunanza del 12 marzo 2019 una specifica dichiarazione firmata congiuntamente dal Sindaco, dal Responsabile del Settore finanziario e dal Segretario generale, con la quale gli stessi, espressamente consapevoli della loro personali responsabilità penali, patrimoniali ed erariali per il caso di falso o di ingiustificato ritardo della dichiarazione di dissesto, hanno attestato che: i)- non sussistono le condizioni per la dichiarazione di dissesto del Comune ai sensi dell’art. 244 TUEL; ii)- il Comune può garantire l’assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili e può validamente fare fronte ai debiti con le modalità ordinarie; iii)-  l’Ente può immediatamente provvedere ai pagamenti dei debiti fuori bilancio secondo le modalità e i termini previsti dalla deliberazione  consiliare n. 2 del 2018, come modificata dalla deliberazione consiliare n. 38 del 2018;
V)- rilevato che con la deliberazione n. 40/2019/PRSP è stato richiesto all’Amministrazione di fornire dettagliate e documentate informazioni sull’esecuzione della deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 15 febbraio 2018, come successivamente modificata e integrata con la deliberazione consiliare n. 38 del 26 novembre 2018, avente ad oggetto il riconoscimento del debito fuori bilancio derivante dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 8398/2016 in favore di Lo Bianco, Lo Iacono e altri;
VI)- rilevato che, in particolare, al fine di accertare la sostenibilità del debito fuori bilancio, è stato chiesto al Comune di fornire notizie in merito alla concessione del mutuo da parte della Cassa depositi e prestiti;
VII)- rilevato che il Comune -nella memoria depositata il 5 marzo 2019 e con la documentazione prodotta nel corso dell’adunanza del 12 marzo 2019- ha dedotto che: a)- la deliberazione consiliare n. 38 del 2018 è stata ulteriormente modificata con la deliberazione consiliare n. 42 del 23 dicembre 2018, in vista della concessione del mutuo da parte della Cassa depositi e prestiti; b)- i creditori Lo Bianco ed eredi hanno sottoscritto -mediante procuratore speciale- una transazione con la quale si conviene che l’importo del credito pari a euro 1.675.000 -conformemente alla deliberazione consiliare di riconoscimento- sarà così corrisposto: i)- euro 1.325.000 entro il 15 maggio 2019, previo accredito del mutuo di pari importo già deliberato dalla Cassa depositi e prestiti; ii)- euro 350.000 a mezzo di 12 rate mensili di euro 29.166,66 dal 15 luglio 2019 sino al 15 giugno 2020; c)- i creditori Lo Iacono hanno sottoscritto una transazione con la quale hanno rideterminato il loro credito in euro 1.100.000 e, quindi, in misura inferiore rispetto alla deliberazione consiliare di riconoscimento, ove risulta un importo di euro 1.242.436,34; d)- è stata convenuta con i creditori Lo Iacono la seguente rateizzazione: 1)- euro 1.000.000 entro il 31 agosto 2019 previa concessione ed accredito di un mutuo di pari importo da parte della Cassa depositi e prestiti; 2)- euro 100.000 a mezzo di 48 rate mensili ognuna di euro 2.083,33 dal 30 aprile 2021; e)- l’importo spettante ai creditori Lo Bianco trova copertura per euro 1.325.000 nel mutuo già concesso dalla Cassa depositi e prestiti e per euro 350.000 mediante utilizzo di avanzo vincolato; e)- l’importo spettante ai Lo Iacono sarebbe coperto per euro 1.000.000 (da versare entro il 31 agosto 2019) mediante mutuo da richiedere alla Cassa depositi e prestiti e per euro 100.000 mediante avanzo vincolato (con rate da aprile 2021); f)- la Cassa depositi prestiti -in relazione  all’importo spettante ai Lo Bianco- ha già concesso un mutuo di euro 1.325.000, con ammortamento ventennale (dal giorno 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2038), rata semestrale e tasso fisso del 3,48 per cento;
VIII)- ritenuto che, pertanto, per una definitiva valutazione, al fine di verificare se la situazione del Comune sia contraddistinta da un grave squilibrio finanziario, che possa condurre al dissesto, si rende necessario lo svolgimento di ulteriore attività istruttoria;
IX)- ritenuto che, conseguentemente, il Comune di Isola delle Femmine va onerato di:
1)- produrre copia del rendiconto dell’esercizio 2018, come approvato dal Consiglio comunale, munito di ogni suo allegato e del parere dell’organo di revisione; tale documentazione dovrà essere accompagnata da dettagliata relazione sui seguenti profili: i saldi e gli equilibri dell’esercizio 2018, la composizione del risultato di amministrazione (parte accantonata, parte vincolata, parte destinata agli investimenti e parte disponibile), il saldo di cassa e l’anticipazione di tesoreria (fondo di cassa libero, fondi vincolati, anticipazione di tesoreria utilizzata e non restituita, utilizzo per cassa di entrate vincolate), l’andamento dei residui (totale dei residui attivi, di quelli passivi, determinazione e quantificazione del Fondo crediti di dubbia esigibilità), l’andamento delle riscossioni, il rispetto dei vincoli di finanza pubblica e del pareggio di bilancio, la presenza di procedure esecutive; 
2)- dare specifica evidenza contabile della presenza di avanzo vincolato per un importo idoneo al pagamento dei debiti che sono derivati dalla sentenza n. 8398/2016 della Corte di Cassazione nei confronti di Lo Bianco, Lo Iacono e altri e che sono stati oggetto di specifica transazione negli accordi sottoscritti dai medesimi creditori (nel dettaglio, si tratta di euro 350.000 come avanzo vincolato da destinare al debito nei confronti dei creditori Lo Bianco ed euro 100.000 come avanzo vincolato da destinare al debito nei confronti dei creditori Lo Iacono);
3)- dare specifica evidenza in merito alla sostenibilità del mutuo concluso con la Cassa depositi e prestiti per l’importo di euro 1.325.000;
4)- dare specifica evidenza contabile dell’avvenuto pagamento di euro 1.325.000 in favore dei creditori Lo Bianco conformemente all’accordo transattivo;
5)- fornire dettagliate informazioni in merito alla conclusione con la Cassa depositi e prestiti del mutuo di euro 1.000.000, necessario per il pagamento della maggior parte del debito nei confronti dei creditori Lo Iacono, tenuto conto che tale importo -secondo l’accordo transattivo- deve essere versato improrogabilmente entro il 31 agosto 2019. L’Ente dovrà produrre la documentazione necessaria per dimostrare la conclusione del mutuo o la sua imminente definizione in maniera tale da rispettare la citata scadenza del 31 agosto 2019;
6)- fornire dettagliate informazioni sulla situazione economico-finanziaria del Comune nel corso del 2019 con specifico riferimento all’andamento della cassa, delle riscossioni, delle spese (sia correnti sia in conto capitale), al contenzioso, all’evoluzione dei residui, al mantenimento e alla salvaguardia degli equilibri;  
7)- dimostrare la presenza della liquidità sufficiente per pagare la rata del mutuo con scadenza 30 giugno 2019; 
8)- depositare dichiarazione firmata congiuntamente dal Sindaco, dal Responsabile del Settore finanziario e dal Segretario generale, con la quale gli stessi, espressamente consapevoli della loro personali responsabilità penali, patrimoniali ed erariali per il caso di falso o di ingiustificato ritardo della dichiarazione di dissesto, attestano che alla data del deposito della relazione chiesta con la presente ordinanza: a)- non sussistono le condizioni per la dichiarazione di dissesto del Comune ai sensi dell’art. 244 TUEL; b)- il Comune può garantire l’assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili e può validamente fare fronte ai debiti con le modalità ordinarie; c)- l’Ente può provvedere ai pagamenti dei debiti fuori bilancio secondo le modalità fissate negli accordi transattivi conclusi con i creditori Lo Iacono e Lo Bianco;
P. Q. M.
La Corte dei conti, Sezione di controllo per la Regione siciliana 
DISPONE
che, entro sessanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza, il Comune di Isola delle Femmine depositi presso la segreteria di questa Sezione una dettagliata relazione di chiarimento e la necessaria documentazione nei sensi indicati in parte motiva;
RINVIA
per l’esame della relazione e della documentazione che saranno prodotte dal Comune a successiva adunanza, che sarà fissata alla scadenza dell’assegnato termine con apposita ordinanza, che sarà tempestivamente comunicata all’Ente; 
O R D I N A
che, a cura del Servizio di supporto della Sezione di controllo, copia della presente pronuncia sia comunicata al Consiglio Comunale -per il tramite del suo Presidente- oltre che al Sindaco e all’Organo di revisione del Comune di Isola delle Femmine.  
Così deliberato in Palermo nella camera di consiglio del 12 marzo 2019
              Il Magistrato estensore                                                           Il Presidente
          Francesco Antonino Cancilla                         Adriana La Porta

Depositata in segreteria il 3 maggio 2019
   IL FUNZIONARIO RESPONSABILE
                 (Boris Rasura)
https://servizi.corteconti.it/banchedati/controllo/#!/dettaglio/delibera/MTU3NC0xNy8wNS8yMDE5LVNSQ1NJQw==


BOLOGNA STEFANO, CORTE DEI CONTI,, COSTI AVVOCATI,COSTI CONSULENTI,CROCE ANTONIO, ISOLA DELLE FEMMINE, LO BIANCO, LO JACONO, PALERMO, PARTINICO, PUCCIO DEBORAH,STIPENDI AMMINISTRATORI, STIPENDI CAPI SETTORE,TAG,

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 881 del 23-12-2018
Oggetto: Determinazione a contrattare (art. 192 TUEL) – Prestito Ordinario da contrarre con la CdP per il pagamento del debito Lo Bianco A: ed altri
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
IL RESPONSABILE DEL SETTORE
VISTO
- l’articolo 107 e l’articolo 109, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni, recante il Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (T.U.E.L.);
- la deliberazione consiliare n. 41 del 4 dicembre 2018, immediatamente esecutiva, di approvazione annuale del bilancio di previsione finanziario almeno per il triennio 2018/202, nel quale sono incluse le previsioni relative al prestito in oggetto (arti-colo 203 del T.U.E.L.);
- la deliberazione consiliare n 39 del 4 dicembre 2018, immediatamente esecutiva, con la quale l’Ente ha approvato il rendiconto dell'anno 2017;
ATTESA
- la ricorrenza delle condizioni di cui all’articolo 204, comma 1 del T.U.E.L. e suc-cessive modificazioni;
RITENUTO
- che il fine che s’intende perseguire con il contratto di prestito è quello di procurare le risorse finanziarie necessarie all’estinzione del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore di Lo Banco A. ed altri;
- che il contratto con la Cassa Depositi e Prestiti società per azioni (CDP S.p.A.) ha per oggetto l’assunzione di un prestito - ai sensi degli articoli 11, 12 e 13 del de-creto del Ministro dell’economia e delle finanze 6 ottobre 2004 - per l’importo di Euro 1.325.000,00 (unmilionetrecentoventicinquemila/00);
- che tale contratto deve essere stipulato in forma scritta;
- che la decorrenza dell’ammortamento è fissata al 1 gennaio del primo anno suc-cessivo a quello della data di perfezionamento;
- che la durata del prestito è di 20 (venti) anni ed il relativo tasso è fisso;
- che il contraente CDP S.p.A. è stato individuato in base ai criteri di cui al D.L. 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e s.m.i. e relativi decreti attuativi.
DETERMINA
1) PORRE IN ESSERE tutte le attività finalizzate alla formalizzazione del contratto di prestito con la CDP S.p.A. al fine di procurare le risorse finanziarie necessarie all’estinzione del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronuncia-ta in favore di Lo Banco A. ed altri.
2) ADERIRE allo schema generale di “Contratto di prestito di scopo ordinario a tas-so fisso” ed alle condizioni generali economiche e finanziarie di cui alla Circolare della CDP S.p.A. n. 1280 del 27 Giugno 2013;
3) DARE ATTO che il tasso d’interesse applicato al contratto di prestito è quello fis-sato dai competenti organi della CDP S.p.A., valido fino alla successiva rilevazio-ne nella settimana in cui la proposta contrattuale è ricevuta dalla CDP S.p.A.-
4) GARANTIRE le n. 40 (quaranta) rate semestrali di ammortamento del prestito con delegazione di pagamento a valere sulle entrate afferenti i primi tre titoli di bilancio ai sensi dell’art. 206 del T.U.E.L.-
Il Responsabile del Servizio
Il Responsabile del Settore
(CROCE ANTONIO)
(CROCE ANTONIO)

Visto di regolarità tecnica
In ordine alla regolarità tecnica, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 147 bis del T.U.E.L. attesta la re-golarità tecnica e la correttezza amministrativa dell’atto.-
Isola delle Femmine lì, 23 dicembre 2018
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Visto di regolarità contabile
In ordine alla regolarità contabile, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 147 bis del T.U.E.L. attesta la copertura finanziaria.
Si attesta altresì che il programma dei pagamenti conseguenti alla presente determinazione è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, ai sensi dell’art. 183, comma 7, del T.U.E.L.-
Isola delle Femmine lì, 23 dicembre 2018
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Relata di pubblicazione
Si attesta che copia della presente determinazione viene affissa all’Albo pretorio on-line di questo Comune da oggi 24/12/2018 e vi rimarrà pubblicata per quindici giorni consecutivi.
Il Responsabile del servizio
()


Deliberazione di Consiglio. Atto n.02 del 15/02/2018. Riconoscimento debito fuori bilancio derivante da sentenza di cassazione nella causa Lo Bianco A. ed altri (SINDACO)

Deliberazione di Consiglio. Atto n.02 del 15/02/2018. Riconoscimento debito fuori bilancio derivante da sentenza di cassazione nella causa Lo Bianco A. ed altri. (Sindaco)


Deliberazione della Giunta Comunale. Atto n.155 del 13/12/2017 - Accettazione termini e condizioni, di cui alla proposta transattiva, formulata dai Sigg.ri Lo Bianco Agostino +18, con nota prot. 16782 del 21/11/2017.


Determinazione a contrattare (art. 192 TUEL) ? Prestito Ordinario da contrarre con la CdP per il pagamento del debito Lo Bianco A: ed altri Atto n. 881/2018

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
(Provincia di Palermo)
2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Determinazione n. 757 del 06-12-2018
Oggetto: Determinazione a contrattare (art. 192 TUEL) – Prestito Ordinario
IL RESPONSABILE DEL 2^ SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
VISTO
- l’articolo 107 e l’articolo 109, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni, recante il Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (T.U.E.L.);
- la deliberazione consiliare n. 41 del 4 dicembre 2018, immediatamente esecutiva, di approvazione annuale del bilancio di previsione finanziario almeno per il triennio 2018/202, nel quale sono incluse le previsioni relative al prestito in oggetto (arti-colo 203 del T.U.E.L.);
- la deliberazione consiliare n 39 del 4 dicembre 2018, immediatamente esecutiva, con la quale l’Ente ha approvato il rendiconto dell'anno 2017;
ATTESA
- la ricorrenza delle condizioni di cui all’articolo 204, comma 1 del T.U.E.L. e suc-cessive modificazioni;
RITENUTO
- che il fine che s’intende perseguire con il contratto di prestito è quello di procurare le risorse finanziarie necessarie all’estinzione del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronunciata in favore di Lo Banco A. ed altri;
- che il contratto con la Cassa Depositi e Prestiti società per azioni (CDP S.p.A.) ha per oggetto l’assunzione di un prestito - ai sensi degli articoli 11, 12 e 13 del de-creto del Ministro dell’economia e delle finanze 6 ottobre 2004 - per l’importo di Euro 1.325.000,00 (unmilionetrecentoventicinquemila/00);
- che tale contratto deve essere stipulato in forma scritta;
- che la decorrenza dell’ammortamento è fissata al 1 gennaio del primo anno suc-cessivo a quello della data di perfezionamento;
- che la durata del prestito è di 25 anni ed il relativo tasso è fisso;
- che il contraente CDP S.p.A. è stato individuato in base ai criteri di cui al D.L. 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e s.m.i. e relativi decreti attuativi.
Firmato digitalmente da
ANTONIO CROCE
CN = CROCE ANTONIO
C = IT

DETERMINA
1) PORRE IN ESSERE tutte le attività finalizzate alla formalizzazione del contratto di prestito con la CDP S.p.A. al fine di procurare le risorse finanziarie necessarie all’estinzione del debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva pronuncia-ta in favore di Lo Banco A. ed altri.
2) ADERIRE allo schema generale di “Contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso” ed alle condizioni generali economiche e finanziarie di cui alla Circolare della CDP S.p.A. n. 1280 del 27 Giugno 2013;
3) DARE ATTO che il tasso d’interesse applicato al contratto di prestito è quello fis-sato dai competenti organi della CDP S.p.A., valido fino alla successiva rilevazio-ne nella settimana in cui la proposta contrattuale è ricevuta dalla CDP S.p.A.-
4) GARANTIRE le n. 2 rate semestrali di ammortamento del prestito con delegazio-ne di pagamento a valere sulle entrate afferenti i primi tre titoli di bilancio ai sensi dell’art. 206 del T.U.E.L.-
Visto di regolarità tecnica
In ordine alla regolarità tecnica, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 147 bis del T.U.E.L. attesta la re-golarità tecnica e la correttezza amministrativa dell’atto
Isola delle Femmine lì, 06-12-2018
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce
Visto di regolarità contabile
In ordine alla regolarità contabile, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 147 bis del T.U.E.L. attesta la copertura finanziaria.
Si attesta altresì che il programma dei pagamenti conseguenti alla presente determinazione è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, ai sensi dell’art. 183, comma 7, del T.U.E.L.
Isola delle Femmine lì, 06-12-2018
Il Responsabile del Settore
Economico Finanziario
Dr. Antonio Croce


ISOLA DELLE FEMMINE BILANCIO CONSUNTIVO 2016  N 43 29.12.2017
NEVOLOSO Discutere della relazione del Dr Croce in risposta alla presunta elusione del Patto di stabilità essendo propedeutico agli argomenti posti all’ordine del giorno e per fare maggiore chiarezza.
Si rileva che il D.Ministeriale n 36991 del 6.3.2017 all’art e prevede che il responsabile del Settore Finanziario è colui che certifica il Patto di Stabilità ed il Dr. Croce, quindi, avrebbe dovuto nei termini certificare questo dato, per cui, chiede, se si è ottemperato a questa norma di legge e se il Dr. Croce Responsabile dell’Ufficio Finanziario che doveva certificare  il rispetto del Patto di Stabilità  sia incompatibile con la verifica richiesta dal Segretario Comunale. Secondo me, afferma, doveva essere una persona terza e chiede al Segretario se vi è un conflitto d’interesse.
Risponde il Segretario Comunale, afferma la legittimità della richiesta all’ufficio Finanziario in quanto il Commissario ad Acta l’aveva invitata a promuovere con riguardo all’obiettivo   programmato per l’esercizio 2016, il procedimento sotteso alla verifica dell’ipotesi di elusione del Patto di Stabilità. Poiché un procedimento inizia con richiesta all’ufficio competente per materia, il Segretario Comunale ha chiesto la verifica all’ufficio Finanziario non essendo certamente il Segretario Comunale a doverlo verificare personalmente.
Il Consigliere Orazio Nevoloso, chiede cosa ha verbalizzato il Segretario Comunale in merito alla risposta stessa.
Il Segretario Comunale ribadisce quanto già esplicitato sopra e che non rientrava nelle sue competenze verificare personalmente quanto richiesto dal Commissario ad Acta e cioè un eventuale non rispetto del Patto di Stabilità e che non vi è stato nessun conflitto d’interesse nell’avere chiesto all’ufficio preposto una verifica.
Prende la parola il Consigliere Pagano Giuseppe, rileva che vi è necessità di avere chiarimenti da parte sia dei Revisori dei Conti che da parte del responsabile dell’Ufficio Finanziario, stante che le ultime relazioni sono appena pervenute e chiede al responsabile dell’Ufficio Finanziario di illustrare la nota appena consegnata. Prende la parola il Dottor Croce responsabile dell’Ufficio Finanziario che legge la relazione al rendiconto di gestione 2016 (qui allegato “A”).
Entra in aula il rag Colletto esperto del Sindaco.
Esce il Consigliere Croce Giovanna, presenti 12 Consiglieri Comunali.
Prende la parola il Consigliere Nevoloso Orazio, rileva che la relazione non aggiunge nulla a quello che già si sapeva in quanto mette in ordine cronologico i fatto attinenti il Rendiconto 2016 e afferma di voler iniziare il suo intervento traendo spunto dalla fine della proposta di deliberazione del rendiconto e precisamente il comma c) che recita “in base ai nuovi parametri di deficitari età strutturale di cui al decreto Ministeriale 18.02.2013, questo Comune non risulta deficitario”.
Di seguito, parte della nota n 16923 del 09.12.2016 a firma della Rag. Deborah Puccio che evidenzia a tutti gli organi istituzionali, una situazione di disavanzo strutturale le cui misure ordinarie non erano bastevoli a superare certe criticità e che oggi, afferma, sono presenti anche nel bilancio 2017. La stessa, poneva l’accento sulla causa lo Jacono che nonostante fosse stata notificata a Maggio 2016 all’Ente, veniva comunicata all’Ufficio Finanziario ad Ottobre 2016, per cui ci si chiedeva essendo in fase di elaborazione al bilancio, come arginare questo debito.
Il responsabile Dottor Puccio rilevava che l’unico modo di intervenire era estrapolare detto debito dal bilancio 2016 ed inserirlo in un processo di riequilibrio finanziario pluriennale attivando la procedura di cui all’art 243 bis da sottoporre al Consiglio Comunale, tale decisione era confermata da altri parametri deficitari e proponeva altri drastici interventi che dovevano essere agganciati al predissesto, quali l’innalzamento delle aliquote, una forte riduzione delle spese e così via. La nota concludeva dicendo che quel bilancio, mancante di una parte debitoria che noi sapevamo, era unicamente funzionale rispetto all’esigenza di assicurare la formazione dello strumento 2016 quale presupposto imprescindibile al fine di accedere alla procedura di riequilibrio ai sensi dell’art 243bis.
Questa relazione, prosegue, veniva adottata anche dalla G.M. con delibera 165/2016 venendo posta come primo punto.
Il percosso delineato aveva anche il benestare del Collegio dei Revisori che esprimevano il parere favorevole al bilancio 2016 nell’esclusiva ipotesi che l’Ente facesse ricorso immanentemente alla procedura prevista dall’art 243bis. La proposta arrivava al Consiglio Comunale e veniva fortemente criticata dall’Opposizione in quanto a nostro parere vi erano già tutti i presupposti per attuarla, in quanto la situazione era già strutturalmente compromessa, nonostante i tecnici confortati dal parere dei Revisori volessero fare questo tentativo. Tale situazione trovava responsabilità e consapevolezza nei Consiglieri di Maggioranza (leggi gli interventi di alcuni Consiglieri di Maggioranza in sede di approvazione del Bilancio 2016), rilevando che la problematica dei debiti non era da imputare all’amministrazione in carica quindi la maggioranza era consapevole di questi debiti.
Sempre in sede di approvazione del bilancio 2016 il Gruppo di Opposizione avevano chiaramente evidenziato che il Bilancio era in predissesto e che l’accesso alla procedura di riequilibrio avrebbe comportato un’ammissione formale delle responsabilità dell’Ente (legge l’intervento inserito nell’atto n 53/2016).
Ed ancora il Consigliere Caltanisetta assicurava che avrebbero con immediatezza provveduto asl ricorso alla procedura di riequilibrio.
Ma cosa succedeva poi? Nulla. Il 18.01.17 la Dott.ssa Puccio presentava la proposta per l’attivazione del predissesto, ma veniva stoppata dal Sindaco che cambiava il responsabile dell’Ufficio Finanziario, dando 30 giorni di tempo al nuovo Responsabile per relazionare SULLA SITUAZIONE CONTABILE E VERIFICARE I PASSAGGI DA FARE. Cosa strana il 17.01.2017 il Segretario, su nostra richiesta, invia una nota a firma del responsabile dott.ssa Puccio.
Il segretario risponde che la richiesta era stata fatta a Dicembre quando ancora la Responsabile dell’Ufficio Finanziario era la dott.ssa Puccio che stante tute  le incombenze dettate dal bilancio, rispondeva successivamente.
Di seguito il Consigliere Nevoloso, prosegue, chiedevano un incontro con i Revisori a febbraio ed Aprile, dove manifestavamo tutte la nostra preoccupazione condivisa dai revisori e dallo stesso Presidente del Consiglio.
Alla richiesta fatta al nuovo Responsabile dell’Ufficio Finanziario perché non si è ancora attivata la procedura dell’art 243bis ci veniva detto che vi erano stati dei problemi con il cambio del sistema informatico contabile e che stava lavorando alle misure correttive richieste dalla Corte dei Conti.
Tutto cambia, prosegue con la deliberazione 14/2017, il 18 maggio 2017 il nostro è un Comune dissestato, il 19 maggio il nostro Comune in avanzo d’Amministrazione. Questo, afferma, per noi è una cosa gravissima perché su una delle procedure, definite dall’Ass Caltanisetta routinarie, di richieste di chiarimenti da parte della Corte dei Conti, noi andiamo a fare un cambio di risultato consolidato nel 2014. Io chiedo al Segretario Comunale se era possibile cambiare un risultato consolidato 2014 senza una preventiva autorizzazione della Corte dei Conti e se questa delibera 14/2017 poteva arrivare al Consiglio Comunale senza il parere dei Revisori dei Conti.
Il Presidente rileva che si risponderà non appena finito l’intero Intervento del Consigliere Orazio Nevoloso.
Prosegue il Consigliere Nevoloso Orazio, ribadendo quindi che l’Ente da Maggio passa da un dissesto ad un avanzo
Di seguito, riferisce che il gruppo di Opposizione ha segnalato alle autorità irregolarità sulla data inerente l’incarico al nuovo responsabile dell’Ufficio Finanziario e che vi sono delle indagini in corso.
A seguito di questo esposto, l’Assessorato Enti Locali chiede al Segretario Comunale una relazione (che viene in parte letta in pubblico) sui fatti ed in cui premessa viene rimarcata la “faziosità” e che il, Segretario Comunale definisce “Minoranza” l’Opposizione
Prosegue, inoltre per meglio capire cosa stesse succedendo è stato chiesto al Dottor Tabone se poteva spiegare perché l’Amministrazione non stava facendo più ricorso alla procedura di cui all’art 243bis con propria nota, afferma il Dottor Tabone in risposta alle nostre richieste, sollevava dubbi e perplessità in ordine all’iniziativa assunta  dall’Amministrazione attraverso l’approvazione dell’atto deliberativo n 14/2017, costituendo un’alterazione illegittima della destinazione dei proventi del Codice della Strada, che concorrono a modificare artificiosamente il risultato di amministrazione al 31 12 2015 e di seguito legge la nota del dottor Tabone.
Tale nota, prosegue è stata girata al Commissario ad Acta Dottor Garofalo che tra l’altro dava incarico al Segretario Comunale di promuovere una verifica di ipotesi di elusione del patto di stabilità ed ancora il Consigliere contesta dandone una lettura del tutto personale, una nota del Segretario Comunale alla Corte dei conti, su debito Lo Jacono.
Alla fine, prosegue, vi è il lieto fine e cioè che non vi è stata elusione del patto di Stabilità: Quel disegno fatto dalla Dott.ssa Puccio, dal Dottor Tabone con il parere favorevole dei Revisori e approvato prima in Giunta e poi in Consiglio Comunale è un disegno corretto e se è corretto, il rendiconto di gestione 2016 non può essere approvato, poiché nulla ha a che vedere con la gestione 2016 e con la realtà. La ricostruzione storica, conclude, va fatta con la consapevolezza dei passi che si sono fatti. La data di Maggio è molto importante quando da un disavanzo ci si è trovati con un avanzo.
In merito alle domande poste al Segretario Comunale sulla delibera n 14/2017 misure correttive, la stessa rilevando che non era presente in quel Consiglio Comunale riferisce che sull’obbligatorietà o meno del parere dei Revisori dei Conti sulla proposta, era stata evidenziata la facoltatività dello stesso. Per quanto concerne la preventiva autorizzazione della Corte dei Conti, appare evidente che sarà la stessa Corte, qual ora fosse stata necessaria, tale autorizzazione e rilevare la non richiesta con le conseguenze del caso in esame.
Prende la parola il consigliere Pagano Giuseppe, rileva preliminarmente la complessità di questo bilancio consuntivo, la mole di documenti in allegato che ha determinato una grande quantità di lavoro, l’avvicendamento di tecnici e quant’altro che ha creato non poca confusione, per cui non ci vedo chiaro. Noi, oggi, siamo venuti qui per dire la nostra, saranno gli organi competenti a fare chiarezza facendo i dovuti accertamenti. Entrando nel merito della proposta, vorrei dei chiarimenti da parte dei Revisori e dal Responsabile dell’Ufficio Finanziario.
Chiarimenti su una nota pervenutaci stamattina a firma del Presidente del Consiglio con allegata una Relazione del responsabile dell’Ufficio Finanziario. Vorrei chiarito il punto 2) pag 3 che dice “Inoltre sulla determinazione dei vincoli atteso l’inopportunità di mantenere inutili queste quote accantonate dall’avanzo di amministrazione, il Consiglio comunale è direttamente chiamato ad esprimersi in sede di approvazione del rendiconto della gestione  dell’esercizio 2016 in considerazione del fatto che uno degli allegati obbligatori al predetto documento contabile è il prospetto informativo dell’avanzo di amministrazione con la specifica della destinazione –parte accantonata. –Parte vincolata. – parte destinata a investimenti. – parte disponibile. Spetta quindi al Consiglio comunale attribuire ad entrate libere o destinate uno specifico vincolo di destinazione. A tal fine, gli atti deliberativi che il Consiglio Comunale dovrà porre in essere, costituiscono uno specifico obbligo rispetto al quale il Bilancio dovrà essere coerente. Da questa lettura, sembrerebbe che l’Ufficio si spogli da ogni responsabilità per poi trasferirla al Consiglio Comunale.
Chiede ai revisori dei Conti, noi abbiamo un disavanzo d’Amministrazione di 400.00 mila euro, oltre il debito Lo jacono che ci determina un imminente dissesto finanziario. Di quei correttivi adottati con la delibera 47 2017 non abbiamo ancora nessuna risposta da parte della Corte dei Conti, né se sono corretti, né se non lo sono. Noi, prosegue, chiediamo ai revisori, se avremmo dovuto prima di utilizzare l’avanzo di amministrazione nel bilancio consuntivo 2016, modificare in sede di Consiglio Comunale il Bilancio Consuntivo 2014, in considerazione che siamo passati da un disavanzo di 400 mila euro ad un avanzo di 300 mila euro. E se è sì la risposta, prosegue, se necessitava che questa operazione venisse fatta previa autorizzazione da parte della Sez di controllo della Corte dei Conti?.
Perché se noi stiamo operando senza la necessaria autorizzazione e senza prima aver modificato il Bilancio Consuntivo 2014, adesso ci ritroviamo con un avanzo d’amministrazione che non è certo.
In attesa della risposta il Consigliere Pagano Giuseppe prosegue con il suo intervento.
Vorrei, partire, rivela dalla delibera del c.c. del 29.12.2016 quando adottando quella delibera si determinava di adottare subito la procedura del piano di riequilibrio.
La dott.ssa Puccio con nota 598/2017 predisponeva l’apposita proposta per la procedura di riequilibrio ed il piano di rotazione e la trasmetteva al Presidente del Consiglio Comunale per portarle in Consiglio Comunale. Il SINDACO nel frattempo con una nota al Presidente ed ad altri uffici, comunicava che il 16.01.2017 la Dott.ssa non poteva predisporre quell’atto in quanto veniva sostituita dal nuovo Responsabile Dottor Croce.
Vi è da dire che, prosegue, che la Dott.ssa Puccio aveva chiesto di non essere più nominata Responsabile dell’Ufficio Finanziario, ma il regolamento dell’Ente prevede che in attesa della nuova nomina, lo stesso soggetto rimane responsabile pro-tempore. Noi, riteniamo opportuno andare a verificare nel file quando è stata redatta la lettera del SINDACO e ci accorgiamo che il file riporta non il 13 ma il 17. Sembrerebbe, prosegue, che la nota non è del 13 ma del 17. Se il SINDACO ha redatto la sua nota il 17 GENNAIO, in realtà la proposta di delibera trasmessa il, 16 gennaio era valida ed efficace.
A tal proposito, rivela, abbiamo ritenuto opportuno informare la PROCURA DELLA REPUBBLICA, il PREFETTO e L’ASSESSORATO ENTI LOCALI UFFICIO ISPETTIVO, che si sono attivati ciascuno per la propria competenza. Sappiamo che la PROCURA ha aperto prima un FASCICOLO contro ignoti, MENTRTE ADESSO, VI SONO DEGLI INDAGATI. Chiede al Segretario Comunale se è a conoscenza di qualcuno dell’Amministrazione che è INDAGATO.
Il Segretario Comunale risponde che ad oggi non vi sono AVVISI DI GARANZIA  
Prosegue, citando la nota risposta del Segretario Comunale alla richiesta di relazione da parte dell’Assessorato Enti Locali. Per tutto quanto, mi pongo dei dubbi su questo bilancio e sulla sua validità.
Ancor Oggi, non sappiamo qual è il DEBUITO ATO e nessuna partecipata ha comunicato la propria situazione contabile. Io ritengo che la mancanza del debito sentenza Lo Jacono all’interno del Conto Consuntivo 2016, la mancata presentazione quale debito fuori bilancio in Consiglio Comunale del debito Lo jacono e altri e di tutti gli altri debiti fuori bilancio che non sono stati portati in Consiglio Comunale e che sono stati riportati nella relazione a pag 39 dai revisori, determinerebbero un FALSO BILANCIO. Quindi, rivela, ritengo necessario alla luce di questi miei dubbi e perplessità la DELIBERA DI BILANCIO VADA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PER VERIFICARE SE VI E’ UN FALSO.
Il Responsabile dell’ufficio Finanziario risponde alle domande del Consigliere pagano Giuseppe, evidenziando per ogni atto si è assunto la responsabilità e che per quanto riguarda la destinazione dell’avanzo d’Amministrazione è il Consiglio Comunale ad attribuire uno specifico vincolo di destinazione. Per quanto riguarda i proventi del Codice della Strada si è ritenuto opportuno non riportare dei vincoli non necessari in quanto di fatto erano stati impegnati.
Il Presidente del Collegio dei Revisori Dottor Albanese sulle modalità della DELIBERA 14/2017, correttivi richiesti  dalla Corte dei conti, rileva che l’esame che la Corte dei Conti fa sugli atti che ci darà una risposta su quanto operato.
Prende al parola il Consigliere Nevoloso Orazio si riallaccia alla parola del Dottor Croce riferita alla prerogativa dei Consiglieri Comunali, è vero che il funzionario predispone la proposta ma sta ai consiglieri decidere, emendare, completare lo studio e liberi nel recepire le indicazioni le norme. Ma non si può stare Tranquilli, rileva, di fronte ad una risposta che rimanda ad un responso della Corte dei Conti poiché è meglio prevenire avendo poi la disposizione dei funzionari preposti ciascuno per le proprie competenze. Quando mi siedo in Consiglio Comunale per affrontare il tema del Rendiconto della gestione e verifico tutto quello che è successo in un anno e dopo che non sono stato messo in condizione di utilizzare tutti gli strumenti di salvaguardia degli equilibri di BILANCIO previsti dalla LEGGE, non si può essere tranquilli.
Il BILANCIO 2016 è Stato approvato a fine anno e così anche per il 2017 con un anno di RITARDO. Se tutto fosse fatto nei tempi dettati dalla LEGGE, allora sì che si può essere partecipi e rientrare nel perimetro di responsabilità dello strumento Economico-Finanziario e di indirizzo che è il BILANCIO. Non certamente quando TUTTI I DOCUMENTI ARRIVANO IN FORTE RITARDO ACCOMPAGNATI DA TUTTI I PARERI SFAVOREVOLI, PER TUTTO QUESTO IO NON POSSO VOTARE. Io, prosegue, non devo convincere nessuno e quello che ho LETTO NON MI PIACE, spero che i Revisori si siano sbagliati e che l’esperto del SINDACO insieme al DOTTOR CROC$E abbiano fatto un ottimo lavoro, perché da UNA SITUAZIONE DI DISSESTO SI E’ PASSATI AD UNA SOITUAZIONE DI AVANZO D’AMMINISTRAZIONE. QTESO CONCLUDE, PER IL MIO PAESE E’ IL TOP E NON POSSO CHE ESSERNE CONTENTO MA NON ATTRAVERSO QUESTE CARTE, CREDO VI SIA UN FALSO.
Esauriti gli interventi, Il Presidente dà atto che rientra il Consigliere CROCE GIOVANNA: Presenti 13
Il Presidente dichiara chiusa la discussione ed invita i Capigruppo alle dichiarazioni di voto. Per il gruppo di maggioranza il Consigliere Palazzolo Antonino legge la sua dichiarazione di voto favorevole (qui allegato “B”)
Per il gruppo di Opposizione il Consigliere Nevoloso Orazio: tenuto conto del doppio pare del Collegio dei revisori dei Conti, tenuto conto delle criticità evidenziata a pag 49 della relazione degli stessi al bilancio Consuntivo 2016 e considerato fondamentale che la situazione al 31/12/2016 secondo questo REDICONTO, non rispecchia correttamente i risultati della gestione e tenuto conto delle diverse indagini che insistono su argomenti correlati a questo tema del RENDICONTO 2016, esprimiamo pare CONTRARIO all’approvazione.
Il Presidente invita alla votazione Presenti 13 Consiglieri Comunali Voti favorevoli 9 Voti contrari 4 Il Consiglio Comunale approva.

ISOLA DELLE FEMMINE BILANCIO PREVISIONE 2017 2019 DELIBERA CONSIGLIO COMUNALEN 45 29.12.2017

-Che con deliberazione del Consiglio Comunale n 53 del 29 dicembre 2016, esecutiva ai sensi di legge, è stato approvato il bilancio di previsione finanziario 2016/2018, nella quale oltre a dare atto del pareggio tra entrate e spese e del rispetto delle disciplina relativa al pareggio di Bilancio, il Consiglio stabiliva che l’approvazione dello strumento finanziario  era funzionale propedeutico per l’accesso alla procedura di riequilibrio finanziario ex art 243bis del TUEL, disponendo di dare mandato al responsabile dell’Ufficio Economico Finanziario di formalizzare la necessaria deliberazione consiliare;
-Che con deliberazione n 115 dell’1 settembre 2017, la Giunta ha proceduto ad approvare lo schema di rendiconto della gestione per l’esercizio 2016
-Che il Collegio dei revisori dei Conti, ha depositato la propria relazione dello schema di rendiconto esprimendo pare NON favorevole all’approvazione consiliare per una serie di presunte criticità rilevate e contenute nel testo della relazione medesima, nonché alla situazione debitoria dell’Ente con particolare riferimento al debito derivante dalla sentenza esecutiva relativa alla causa Lo Bianco A. ed altri;
- che le presunte criticità rilevate dai revisori, sono state oggetto di controdeduzioni a firma del responsabile dell’Ufficio Economico Finanziario e dell’esperto del Sindaco in materia economica, fatte proprie dalla Giunta Comunale con atto 120/2016;
-Che la Giunta con successiva deliberazione 126 dell’1 ottobre 2017, sulla scorta degli atti fin qui citati, ha proceduto ad approvare lo schema di rendiconto della gestione per l’esercizio finanziario 2016, nonché la contabilità Economica e lo Stato patrimoniale, la cui documentazione costituisce parte integrante e formale e sostanziale del presente pur   se non materialmente allegata, dando atto che le risultanze della gestione sono stati tali da lasciare intravedere circostanze ed elementi sostanziali e favorevoli ad un concreto tentativo di ripresa autonoma da parte dell’Ente, per la ricostituzione degli equilibri di bilancio e che, pertanto, sono venute meno quelle condizioni che indussero la Giunta, con proprio atto 165/2016, e successivamente il Consiglio Comunale:
a) ad approvare il Bilancio 2016 unicamente in maniera funzionale rispetto all’esigenza di assicurare la formazione dello strumento di programmazione finanziaria, quel presupposto imprescindibile al fine di poter accedere alle procedure di riequilibrio finanziario pluriennale, di cui all’art 243 bis e seguenti del TUEL”
b) a dare mandato al responsabile del Servizio Economico Finanziario, di formalizzare i relativi atti necessari e propedeutici;
- Che nel medesimo atto appena citato, la Giunta ha proposto al Consiglio Comunale di fare propria la deliberazione n 126/2016 e procedere ad approvare il Rendiconto dell’esercizio 2016;
Il Presidente introduce ed invita il SINDACO a regolarizzare sul punto
PRENDE LA PAROLA  IL SINDACO STEFANO BOLOGNA. Rileva che i due emendamenti presentati dalla maggioranza con pareri tecnici favorevoli e pareri favorevoli da parte dei revisori dei Conti, è un bilancio che ASSICURA GLI EQUILIBRI. Con questo bilancio, PROSEGUE IL RINNOVAMENTO dell’Ente INIZIATO TRE ANNI FA, non state aumentate le tasse, è un bilancio che AFFRONTA una METEORITE che è caduto sul Comune e mi riferisco, prosegue, IL DEBITO di LO JACONO. Lo stami affrontando in MANIERA CORRETTA, LEGITTIME E RESONSABILE. Tutte le ILARITA’ di chi non si è MAI ASSUNTO UN MINIMO DI RESPONSABILITA’ NON TOCCATA AMMINISTRAZIONE. NOI, SIAMO QUI PERCHE’ LA GGGGENTE CI HA VOTATO e noi stiamo cercando di risolvere con responsabilità le varie problematiche. Questo NONOSTANTE ALCUNI ODIATORI SERIALI che sono solo FOMENTATORI DI ODIO E CALUNNIE. Sono qui, con grande senso di responsabilità PERCHE’ LA GGGENTE MI HA RIELETTO; PERCHE’ HANNO CREDUTO IN ME e NON POSSO CHE FARE UNA POLITICA SERIA, affrontando un grosso problema che è quello del debito Lo Jacono    che ARRIVA DAL  1980 e che certamente SE NON OTTERREMO IL MUTUO dalla Cassa Depositi e Prestiti, CREERA’ SERIA DIFFICOLTA’ all’ente. Il Lavoro svolto dall’ufficio finanziario insieme all’esperto Rag Colletto è serio e la maggioranza avendo avuti tutti i chiarimenti necessari, LO VOTERA’. Rivolgendosi all’opposizione si augura che FRA QUALCHE LUSTRO, SIANO LORO AD AMMINISTRARE E POTERE CAPIRE COME SI POSSONO PERDERE DEI MESI DI TEMPO PER ANDARE DIENTRO LE CALUNNIE.
Prende la Parola il Dottor Croce, che legge la relazione allegata al bilancio (allegato “A”)
Il Presidente rileva che il gruppo “un’altra isola si” ha presentato due emendamenti correlati dai pareri favorevoli dell’ufficio finanziario e dai revisori dei Conti
Il Presidente dichiara aperta la discussione.
Prende la parola il Consigliere Nevoloso Orazio rileva che il riconoscimento di cui parla il Sindaco arriva in ritardo perché il risanamento lo abbiamo fatto nel bilancio 2016, dimenticando però di attivare la procedura di PREDISSESTO. Il METEORITE di cui parla il Sindaco, prosegue, è arrivato prima e precisamente NELL’APRILE 2016 e quindi non si spiega come mai lo ritroviamo nel 2017. La verità, afferma, che qui non si è più seguita la strada che era stata delineata con il PREDISSESTO e se è pur vero che gli emendamenti rivedono alcuni aspetti, il bilancio manca di FONDAMENTO. Il bilancio, rileva, è stato strutturato con un AVANZO che non c’è, basta leggere la pagina 5 della relazione dei REVOISORI dove vengono segnalate le seguenti criticità:
·       Malgrado specifico atto di indirizzo formulato dal responsabile del Settore Finanziario della Giunta Municipale, della precauzione del Collegio dei Revisori, non è stato ritenuto dover adottare le procedure di riequilibrio finanziario pluriennalle di cui all’art 243 bis;
·       Non risulta effettuato il riconoscimento di oltre Euro 3.900.000,00 derivante da sentenza di cassazione notificata all’Ente nell’aprile 2016;
·       Errata determinazione del risultato d’amministrazione dell’esercizio 2016 e della sua composizione
Debiti non rappresentati nel rendiconto di gestione che rendono non veritiero l’avanzo d’amministrazione di questo bilancio che, afferma non ha fondamento.
Se si vuole entrare nel merito di come l’amministrazione intende risanare questo bilancio, prosegue, partendo da una situazione perfetta d’AVANZO D’AMMINISTRAZIONE basta andare a pag 17 della relazione dei revisori dei conti. IL GETTITO IMU DELL’ANNO 2017 RIPORTA UNA PREVISIONE DI EURO 1.830.000,00 CON UN INCREMENTO RISPETTO AGLI ESERCIZI PREDENTI DI NOTEVOLE ENTRATE E PER LA QUALE NON E’ STATA FORNITA ALCUNA MOTIVAZIONE. Nell’anno 2018 viene previsto un gettito IMU di euro 1.910.000,00 mentre per l’anno 2019 per euro 1.950.000,00 il collegio rileva che anche per questi anni, l’incremento non viene motivato. Per la TARI il Collegio rileva che la percentuale di copertura, considerando la componente detrazione, è pari al 96,22% che non consente la copertura integrale del costo. Qualora non si considerino le detrazioni la copertura dei costi sarebbe del 103,80%. Anche per l’importo della pubblicità il cui gettito passa da euro 30.000,00 per il 2017 a euro 158.725,08 per il 2018 a 157.413,53 per il 2019. Il Collegio osserva che non viene evidenziato il criterio secondo cui vengono effettuate tali previsioni stante il forte incremento. ANCHE PER I CONTRUBUTI PER PERMESSO DI COSTRUIRE, VI E’ UN FORTE INCREMENTO FINO AD ARRIVARE NELL’ANNO 2018/2019 AD UN GETTITO PARI A EURO 430.000,00. Si chiede, da dove arriveranno questi contributi. Rileva, che l’amministrazione dovrebbe chiarire quanto esposto dai revisori a PAGINA 32 dove viene evidenziato che la previsione di spesa non tiene conto dei vincoli posti dal saldo di finanza pubblica, dal piano triennale del contenuto delle spese. Rileva inoltre, il solito problema delle partecipate in quanto ad oggi non si è in grado di potere affettuare alcuna verifica.
Il problema dei rapporti debiti/crediti dell’Ente con le proprie partecipate problema del fondo crediti di dubbia esigibilità che l’emendamento presentato dalla maggioranza, porta alle percentuali richieste dal Collegio. Vi è anche il riricorso all’indebitamento per il finanziamento per la sentenza lo jacono e non per investimenti. Tanti argomenti affrontati in questo bilancio che comunque poiché da un dato ERRATO, UNA SITUAZIONE DI AVANZO D’AMMINISTRAZIONE E QUESTA E’ UNA COSA GRAVISSIMA. VI E’ ANCORA UN RILIEVO DA PARTE DEI Revisori sul prospetto di verifica del rispetto dei vincoli di finanza pubblica. Sdecondo cui NON e’ stato redatto secondo le indicazioni della circoalre della ragioneria dello Stato n 138205 del 27/06/2017 e qui, prosegue vi è un discorso legato alla parola “NETTO” poiché i revisori e l’ufficio ragioneria ne danno un’interpretazione diversa, per il Collegio non significa SOTTRARRE ma non considerare, mentre per l’ufficio finanziario è un’operazione col segno negativo e a nostro parere quest’ultima interpretazione pregiudica gli equilibri di bilancio.
Esaurito l’intervento il Consigliere Caltaniseta riassume sinteticamente gli interrogativi di domanda del Consigliere Nevoloso che sono: rapporto tra ACCERTAMENTI e RISCOSSIONI, determinazione del fondo crediti di dubbia esigibilità, copertura del MUTUO sentenza Lo jacono e RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA’.
Prende la parola il Dottor Croce responsabile Ufficio Finanziario che rileva di aver risposto alle prime domande con le relazioni che sono state depositate.
Prende la parola il Rag Colletto esperto del Sindaco. Rileva che il bilancio può si essere non considerato VEITIERO perché INFICIATO dall’avanzo di AMMINISTRAZIONE, ma precisa che questo avanzo è stato RIDETERMINATO in sede di formazione del RENDICONTO 2016 che è la sede deputata per andare ad individuare se vi è un AVANZO e/o meno e sia i vincoli che condizionano lo stesso AVANZO non vi sono.
Non bisogna confondere la determinazione dei vincoli che abbiamo esplicitato alla  Corte dei Conti, nelle misure correttive, con l’avanzo d’amministrazione. Andando a verificare, prosegue abbiamo visto che negli allegati alle delibere del Conto Consuntivo 2014 NON RISULTANO ASSOLUTAMENTE VINCOLI, tant’è che il bilancio 2015 non riporta nessuna quota di disavanzo in quanto se il rendiconto 2014 si fosse chiuso in disavanzo questo, avrebbe dovuto essere riportato e coperto nei due anni successivi, 2015-2016. Si è fatto così nel 2015 che CHIUDENDOSI IN DISAVANZO le quote sono state RIPARTITE nel 2016/2017, questa è l’interpretazione logica. Quindi, prosegue non bisogna confondere i due momenti i vincoli di cui si è relazionato con le misure correttive e dalla determinazione dell’avanzo d’amministrazione e dei vincoli che la compongono. Il progetto allegato scomposto nelle sue parti rappresentano quella che è la reale situazione.
Vi sono degli impegni che oggi si è ritenuto di svincolare utilizzando una parte di avanzo in maniera più proficua come quella che servirà per PAGARE IN PARTE IL DEBITO LO JACONO, QUESTO, AFFERMA, è stato ritenuto opportuno e doveroso farlo. RILEVA CHE NON VI E’ NESSUN RISCHIO DI ANDARE AD APPROVARE QUESTE DUE PORPOSTE IN ESAME.
In riferimento alle criticità rilevate dai revisori sulle RISCOSSIONI e sull’UTILIZZO delle ANTICIPAZIONI di CASSA, sono più che legittime. L’amministrazione sta provvedendo ad una gara per POTER RISCUOTERE i TRIBUTI e, certamente, non giovano all’amministrazione i continui tagli e ritardi nei trasferimenti nazionali e regionali.
PRENDE LA PAROLA IL SINDACO. Per quanto riguarda il notevole incremento degli introiti dei permessi a costruire, rileva, che si pensava di concludere entro l’anno l’iter per la riqualificazione dell’area ex SICAR, che si è conclusa ad ottobre e l’ufficio andrà a proporre entro gennaio 2018 l’ultimo atto. Il completamento di questa procedura consentirà all’Ente di avere un introito anche maggio di quello stimato adesso in bilancio.
Entra il Consigliere Croce Giovanna
Prende la parola il Consigliere Pagano Giuseppe. Prende atto di quello che dice il Rag Colletto e prende atto del bilancio redatto dal Dottor Croce. Io non so, afferma, qual è la verità se quello che dice l’ufficio è falso o è vero. Io rileva, non sono nelle condizioni di dire se è corretto o meno non avendone le competenze. Però, prosegue, io devo confrontare con quanto emerge dalla relazione del Collegio dei revisori dei Conti. Quando, in seguito ci sarà il controllo della Corte dei Conti, più che andare a vedere le controdeduzioni, andranno a leggere la relazione dei Revisori in quanto referenti della Corte dei Conti. Io che devo andare ad approvare questo bilancio con tutta una serie di responsabilità, non posso non tener conto, DEGLI EFFETTI DEVASTANTI PER CHI VOTA FAVOREVOLMENTE, DI UN EVENTUALE CONFERMA DI QUANTO RELAZIONATO DAI Revisori dei Conti. Il funzionario dellla CORTE DEI CONTI A CUI ARRIVA IL CONTO CONSUNTIVO, IL BILANCIO CON I PARERI NEGATI DAI REVISORI E POI VEDO LE CONTRODEDUZIONI CHE NON HANNO VALORE GIURIDICO, SI CHIEDERA’ OSA SUCCEDE. E’ SOLO UN FATTO DI OPPORTUNITA’ GIURIDICA CHE IMPONE LA LEGGE NELL’AFFRONTARE L’APPROVAZIONE DI QUESTO PUNTO. IO NON DO’ LA COLPA ALL’AMMINISTRAZIONE DEL DEBITO FUORI BILANCIO SENTENZA LO JACONO, PERCHE’ ARRIVA DOPO PIU’ DI TRENT’ANNI, MA NON COMPRENDO E NON CONDIVIDO LA SCELTA DI RISOLVERLO, NON E’ STATA SEGUITA LA STRADA GIA’ INDICATA CHE ERA QUELLA DEL PIANO DI RIEQUILIBRIO. ALLA LUCE DEL PARERE DEI REVISORI E’ UN RISCHIO APPROVARE QUESTO BILANCIO. SE CI SONO ERRORI NE RISPONDONO I CONSIGLIERI COMUNALI. ANCORA OGGI NONN SI CONOSCONO I BILANCI DELLE PARTECIPATE.
L’emendamento presentato dalla maggioranza non può essere condiviso, tenuto conto che l’Ente utilizza L’AVANZO D’AMMINISTRAZIONE NON VINCOLATO. I REVISORI HANNO RILEVATO CHE L’AMMINISTRAZIONE NON PUO’ UTILIZZARE L’AVANZO D’AMMINISTRAZIONE CHE RICORRE L’ENTE ALL’ANTICIPAZIONE DI TESORERIA COSI’ COME PREVISTO DAL DLG 267/00, PER CUI NON SI POTREBBE COPRIERE PARTE DEI DEBITO FUORI BILANCIO UTILIZZANDO L’AVANZO. INOLTRE QUESTO AVANZO NON PUO’ ESSERE CONDIVISO, IN QUANTO COME RILEVATO DAI REVISORI, LA COMPOSIZIONE DEL RISULTATO DI AVANZO NON RISPETTA LA CORRETTA QUANTIFICAZIONE TRA PARTE ACCANTONATA E PARTE VINCOLATA SECONDO I PRINCIPI DI LEGGE E SE L’AVANZO NON E’ STATO CORRETTAMENTE INDIVIDUATO, QUESTO BILANCIO NON PUO’ ESSERE APPROVATO. Nella relazione, prosegue, i Revisori mettono in dibbuio il non rispetto del fondo crediti di dubbia esigibilità. Altra osservazione, non si prevedono ulteriori contenziosi nel triennio, ma come si fa rileva, a non prevedere che non ci saranno contenziosi? Quando all’albo pretorio costantemente vi sono incarichi a difesa dell’Ente per vari motivi, quali risarcimenti danni per buche etc. ed adesso non si prevede nessun accantonamento. Per questo gruppo consiliare sembrerebbe che questo bilancio non tenga conto e non riporti la sentenza Lo jacono per euro 3.900.000,00 e non tenga conto di tutti glia altri debiti cos’ come rappresentato a pagina 39 della relazione dei Revisori dei Conti nel parere al Bilancio Consuntivo 2016 e che questo bilancio non sia rispettoso dei vincoli stabiliti dalla legge e quindi sembrerebbe CHE VI SIA UN FALSO IN BILANCIO E FIN DA ADESSO CHIEDIAMO CHE VENGA TRASMESSO ALLA Procura della repubblica per  gli acertamenti del caso.
Rag Colletto da spiegazioni sui punti solevati dal Consigliere ed in riferimento all’utilizzo d’avanzo d’amministrazione, precisa, che questo può essere utilizzato per la copertura dei debiti fuori bilancio così come prevedere l’art 187 del TUEL precisa che controdeduzioni sono state adottate dall’Ente come modifica ed integrazione allo schema di bilancio precedentemente  approvato.
Prende la parola il Consigliere Orazio Nevoloso rileva di avere ascoltato con molta attenzione il reg Colletto, per quanto riguarda la rideterminazione del disavanzo in avanzo ma, pone l’accento sul momento da focalizzare che è prima, quando si è andati ad impegnare le somme provenienti dalle infrazioni del Codice della Strada non per le finalità dettate dalla legge, ma per fini non previsti dalle norme. Noi, prosegue, il problema l’avevano già sollevato evidenziando che era impossibile impegnare dette somme per finalità diversi e che non c’entrano nulla con le destinazioni date chiaramente dalla legge.
Dobbiamo dire, prosegue, che la MAGGIORANZA QUINDI HA SBAGLIATO QUANDO DICEVA CHE LA COLPA DELLA SITUAZIONE FINANZIARIA ERA COLPA DELLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE, poiché OGGI SI è IN AVANZO.
VI E’ STATA UNA VERA E PROPRIA ELUSIONE DEL RICORSO DELLA PROCEDURA DEL PREDISSESTO. SI E’ PERSO UN ANNO PER ARRIVARE ALLA CONCLUSIONE DI FARE UN MUTUO. Se si faceva fronte mediante risorse ordinarie, bene, invece si è passati DALL’ACCENSIONE DEL FONDO DI ROTAZIONE 243 TER AD UN MUTUO CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI, COS’E’ CAMBIATO SI CHIEDE. E’ UNA SCELTA POLITICA CON CUI SI SOTTRAE AL CONTROLLO DEGLI ORGANI SOVRAORDINATI, E CHE AVREBBE COMPARTATO TANTE RINUNCE DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE. OGGI SI CHIEDE UNA DELLE PAGINE PIU’ SOFFERTE DEL NOSTRO PAESE. ABBIAMO AVUTO TRE PARERI SFAVOREVOLI, COMMISSARIO AD ACTA, RELAZIONI, NOTE INTEGRATIVE ETC. IO RINGRAZIO LO SFORZO DEGLI UFFICI MA MI CHIEDOPER CHI ERANO TUTTI QUESTI ATTI.
IL SINDACO scrivano alla maggioranza per meglio comprendere
Il Consigliere Nevoloso Orazio continua il suo intervento, rivela che il gruppo di opposiione si avvale del parere dei Revisori dei Conti, che come già esplicitato dal Consigliere Pagano Giuseppe sono i referenti della Corte dei Conti. L’opposizione vede L’ELUSIONE DEL PIANO DI RIEQUILIBRIO E SE QUESTO COMUNE, PROSEGUE ANDRA’ IN DISSESTO LA COLPA E’ DEL SINDACO ED OGNUNO SI DOVRA’ ASSUMERE LE PROPRIE RESPONSABILITA’ DI NON AVER DATO CORSO A QUELLA DELIBERA CHE DAVA GIA’ L’INDIRIZZO PER IL RIEQUILIBRIO E CHE AVEVA IL PARERE FAVOREVOLE DEI REVISORI DEI CONTI, CERTO NON AUGURIAMO CHE QUESTO SECCEDE, MA SE SI VERIFICA BISOGNERA’ PERSEGUIRE I RESPONSABILI.

Esaurito l’intervento il presidente dichiara chiusa la discussione.
Si passa all’esame degli emendamenti presentati dal gruppo “un’altra isola….si” che riportano i pareri favorevoli sia dell’ufficio finanziario sia del collegio dei revisori
EMENDAMENTO 1
Il Consigliere Caltanisetta Giuseppe presenta il 1° emendamento a firma dei Consiglieri del gruppo di maggioranza (allegato) che riporta una integrale copertura finanziaria dell’importo oggetto dell’auspicata transazione – debito Lo Bianco ed altri – specificando che la restante parte è vincolata all’erogazione del mutuo da parte della cassa depositi e prestiti
Il presidente invita i capigruppo alle dichiarazione di voto
Per ill Gruppo di maggioranza il Consigliere Palazzolo legge la dichiarazione di voto favorevole (qui allegata)
Per il gruppo di opposizione il Consigliere Nevoloso Orazio preannuncia il voto contrario
Il presidente mette ai voti il 1° emendamento Presenti 13 consiglieri Voti favorevoli 9 Voti contrari 4
Il Consiglio Comunale approva.
EMEDAMENTO n2
Il consigliere Caltanisetta Giuseppe presenta il 2° emendamento che riporta la modifica di un errore materiale nella trasposizione degli accertamenti tributari ed un adeguamento alle prescrizioni dei revisori, procedendo ad un incremento prudenziale del fondo crediti di dubbia esigibilità 2017.
Il presidente invita i capigruppo alle dichiarazione di voto
Per il Gruppo di maggioranza il Consigliere Palazzolo legge la dichiarazione di voto favorevole (qui allegata)
Per il gruppo di opposizione il Consigliere Nevoloso Orazio preannuncia il voto contrario

Il presidente mette ai voti il 2° emendamento Presenti 13 consiglieri Voti favorevoli 9 Voti contrari 4
Il Consiglio Comunale approva
 Di seguito
Il presidente invita i capigruppo alle dichiarazione di voto sulla proposta di bilancio di previsione 2017
Per il Gruppo di maggioranza il Consigliere Palazzolo legge la dichiarazione di voto favorevole al bilancio di previsione 2017 (qui allegata)
Per il gruppo di opposizione il Consigliere Nevoloso Orazio rileva che la quantità di documenti prodotta per convincere la maggioranza ad approvare questo bilancio sarebbe già sufficiente per concludere la nostra dichiarazione di voto. Ciò nonostante, prosegue, non possiamo esimerci dal sottolineare in coerenza con la relazione dei revisori dei Conti di avere forti dubbi sulle tenute normative di questo bilancio di previsione. Su questo punto intende richiamare, prosegue, quanto già elencato dal Collegio dei Revisori a PAGINA 5 della loro relazione. Inoltre, rileva, riteniamo che alcune parti in entrate risultano sovrastimate in modo anomalo, mentre riteniamo sottostimate alcune porte di garanzie e di prudenza quali il fondo di soccombenza. Tutto ciò non sfugge poi alla gestione del debito Lo Jacono già arginato da questo Consiglio Comunale con il bilancio di previsione 2016 e attraverso l’attivazione delle procedure di cui all’art 243 bis e seguenti  e incautamente non attivate da questa amministrazione. Su una eventuale futura situazione di dissesto, che non ci auguriamo, questo gruppo di opposizione non si risparmierà nel perseguire, presso gli organi preposti, i RESPONSABILI di quello che riteniamo essere “un restyling-artificioso” della situazione contabile dell’Ente, pertanto esprimiamo fortemente voto contrario.

Di seguito Il presidente mette ai voti la proposta di deliberazione avente ad oggetto “approvazione proposta di bilancio di previsione finanziario 2017 2019 ed allegati integrata dagli emendamenti. Consigliere presenti 13 voti favorevoli 9 voti contrari 4 Il consiglio Comunale approva
Di seguito
Il Consigliere Palazzolo per il gruppo di maggioranza propone al Consiglio Comunale l’immediata esecuzione dell’atto, al fine di permettere gli uffici di provvedere agli atti conseguenziali
La proposta messa ai voti ottiene il seguente risultato Voti favorevoli 9 Voti contrari 4 Il consiglio comunale approva.



CATALDO ANTONINO,PIZZERIA ONDA BLU,G E  G DI LA GONA ANTONINO,GIAMBRUNO MONICA,ASSESSORE,BOLOGNA STEFANO,ORDINANZA DI RIPRISTINO E DEMOLIZIONE,VIALE DEI SARACENI 45 47,TAG,ABUSIVISMO EDILIZIO,,SCUOLA MATERNA,SCUOLA ELEMENTARE,SCUOLA MEDIA,CANGEMI GIUSEPPE, EDREAM SRL, GAMBINO MARCO, GIAMBRUNO MONICA, LA DUCA ANTONINO, MALLIA GERLANDO, ORLANDO SANDRO, POLLINA GIUSEPPA, SOFIA COSTRUZIONI,BOLOGNA STEFANO, CAPRITTI MICHELE, CIG Z84290468B, CO.E.PE. SRL BOLOGNETTA, D'Arpa Sandro, EDREAM SRL, RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA, RUP, SCUOLA ELEMENTARE MESSA IN SICUREZZA, TAG,,APPALTI, CAPRITTI MICHELE, CIG Z5627E641A, D'Arpa Sandro, DIGA FORANEA, GIAMBRUNO MONICA, GIORDANO FRANCESCO, ISOLA DELLE FEMMINE, MALLIA GERLANDO, PORTO, PRP, RUP, SIGMA INGEGNERIA, TAG,PIANO REGOLATORE DEL PORTO,GIORDANO IN FRANCESCO,IMMOBILIARE CALLIOPE SRL E SA BA SRL,D'ARPA SANDRO,ALIQUO' ANGELO,RMPS,TERESI DELIA,POMIERO ROSA,LA TIZIANA,BRUNO MADDALENA,BILLECI VINCENZO E LEONARDA,TOIA LA FATA,D'ALIA TOMMASO,ARDIZZONE GIORGIO,SCRIVANO RITO E SCATURRO ANGELO,1985 12 NOVEMBRE,2003 18 ANNI COMPLEANNO,SPERA GIUSEPPE,LUCIDO ANTONINO,DI MATTEO PIETRO LOTTIZZAZIONE,LA PALOMA LOTTIZZAZIONE,SICAR,TAOMINA VIA LIBERTA',BOLOGNA STEFANO INTERCETTATO AL TELEFONO,SOLEMAR,ACQUAE CALDAE,PIZZO ANTONIO,CACCETTA GIUSEPPE,GENIO CIVILE TRAPANI,CASE POPOLARI FANTASMA A ISOLA DELLE FEMMINE,BILELLO ROBERTO,HOTEL HOUSE,LO SICCO PIETRO,D'ARPA FRANCESCO,PRIVITERA FRANCESCO,ENEA VINCENZO,VASSALLO GIUSEPPE,MARATEA,SAPPADA,POMIERO GIUSEPPE,MOTO,BOLOGNA GAETANO,COMPLEANNO,FOGLIO 3 PARTICELLE 339 417 347 B 502 B, GIAMBRUNO MONICA,IMPASTATO GIOVANNI,CIG  Z5627E641A,SACCULLO RITO,LOMBINO GIOVANNA,D'AGOSTINO,RICCOBONO ROSARIO,COPACABANA SRL,BADALAMENTI GAETANO BRUNO GIOVANI,BRUNO FRANCESCO,GALLINA STEFANO,USTICANO FRANCESCA,SALICETO SRL,,BOLOGNA STEFANO, CANGEMI GIUSEPPE, MALLIA GERLANDO, MONICA GIAMBRUNO, POLLINA GIUSEPPA, PRG, TAG, CIG Z5F218E239,ART 243BIS TUELBOLOGNACROCE ANTONINODEBITI FUORI BILANCIODELIADISSESTO FINANZIARIOELENCO DOCUMENTIFORINOISOLA DELLE FEMMINELO BIANCOLO JACONOMONREALEPUCCIO DEBORAHREVISORI DEI CONTI,ANAC, APPALTI, COMMISSIONE AGGIUDICTRICE, CROCE ANTONIO, D'ARPA SANDRO, GARE, GIAMBRUNO MONICA, MALLIA GERLANDO, OFFERTA MIGLIORE, PROCEDURA NEGOZIATA, PUGLIA LAZIO, RAPPA ROCCO, Sicilia, TAG, VALGUARNERA SERGIO,,COLLURA ROSACOLLURA VINCENZAD’ARPA MARIOD’ARPA VINCENZODI TRAPANI MARIA ANGELAFASONEISOLA DELLE FEMMINEMADONIA MARIOMADONIA SALVATOREMAFIAPassaggio del Coniglio,TAG,SINDACI, Sequestro BeniZIA BEBI,COLLURA VINCENZA, D’ARPA MARIO, D’ARPA VINCENZO, DI TRAPANI MARIA ANGELA, FASONE, ISOLA DELLE FEMMINEMADONIA MARIO, MADONIA SALVATORE, mafia, Passaggio del Coniglio, Sequestro Beni, ZIA BEBI,  Alcune domande al Sindaco di Isola delle Femmine
2019 16 SETTEMBRE DETERMINA N 665 MAGGIORE CROCE ANTONIO Liquidazione della terza rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bilan cio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18 CASSA DEPOSITO PRESTITI RICHIESTA MUTUO Determinazione a contrattare (art. 192 TUEL) – Prestito Ordinario da contrarre con la CdP per il pagamento del debito Lo Bianco A: ed altri Determinazione a contrattare (art. 192 TUEL) – Prestito Ordinario BOLOGNA STEFANO, CASSA DEPOSITI E PRESTITI, Cassazione, CROCE ANTONIO, DEBITI FUORI BILANCIO, DEFFAULT, ISOLA DELLE FEMMINE, LO BIANCO AGOSTINO, LO JACONO PIETRO, LOTTIZZAZIONE LO BIANCO, PUCCIO DEBORAH, TAG,CIG 7705479A6B, CILUFFO VINCENZO, CROCE ANTONIO, SISTEMI INFORMATICI AVANZATI,,CILLUFFO CARLA,  BRUNO FRANCESCO, COMPUTER LINE,  TAG, BOLOGNA STEFANO, PORTOBELLO GASPARE,  VIDEOCAMERE,,ANAC, APPALTI, COMMISSIONE AGGIUDICTRICE, CROCE ANTONIO, D'ARPA SANDRO, GARE, GIAMBRUNO MONICA, MALLIA GERLANDO, OFFERTA MIGLIORE, PROCEDURA NEGOZIATA, PUGLIA LAZIO, RAPPA ROCCO, Sicilia, TAG, VALGUARNERA SERGIO, CIG 7705479A6B, CILUFFO VINCENZO, CROCE ANTONIO, SISTEMI INFORMATICI AVANZATI,,CILLUFFO CARLA, BRUNO FRANCESCO, COMPUTER LINE, TAG, BOLOGNA STEFANO, PORTOBELLO GASPARE,  VIDEOCAMERE, BOLOGNA STEFANO, CASSA DEPOSITI E PRESTITI, Cassazione, CROCE ANTONIO, DEBITI FUORI BILANCIO, DEFFAULT, ISOLA DELLE FEMMINE, LO BIANCO AGOSTINO, LO JACONO PIETRO, LOTTIZZAZIONE LO BIANCO, PUCCIO DEBORAH, TAG, TURISMO, COMANDANTE VIGILI URBANI, ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2009,  TASSA DI SCOPO,PUCCIO DEBORAH, CROCE ANTONIO,MULTE,SCILUFFO, BOLOGNA STEFANO, SISTEMI INFORMATICI AVANZATI SRLS VIA SALERNO, N.24CARINI, CSI SOC COOPERATIVE,CILUFFO VINCENZO,CORTE DEI CONTI,BILANCIO,DANNO ERARIALI,GARE,APPALTI,RUP,VIDEOSORVEGLIANZA,POLIZIAMUNICIPALE,RESPONSABILE DATI,,ATTINENTI AL SETTORE DEI SERVIZI PER IL TURISTA, ,CONSIGLIO DI STATO SEZ V SENTENZA N  6644 23 NOVEMBRE 2018,TASSA DI SOGGIORNO,     INIZIATIVE,ATTIVITA,,ART. 4 DEL D.LGS. N. 23 DEL 14 MARZO 2011, SERVIZI PUBBLICI LOCALI FRUIBILI ANCHE DAI TURISTI, OPERE PER IL TRASPORTO PUBBLICO URBANO, OPERE VIARIE, CON L'ESCLUSIONE DELLA MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ORDINARIA DELLE OPERE ESISTENTI, OPERE PARTICOLARMENTE SIGNIFICATIVE DI ARREDO URBANO E DI MAGGIOR DECORO DEI LUOGHI, D) OPERE DI RISISTEMAZIONE DI AREE DEDICATE A PARCHI E GIARDINI, OPERE DI REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PUBBLICI, OPERE DI RESTAURO, OPERE DI CONSERVAZIONE DEI BENI ARTISTICI E ARCHITETTONICI,OPERE RELATIVE A NUOVI SPAZI PER EVENTI E ATTIVITA' CULTURALI, ALLESTIMENTI MUSEALI E BIBLIOTECHE, OPERE DI REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'EDILIZIA SCOLASTICA, APPALTO RISCOSSIONE RUOLO MULTE 2008 NELL'ANNO 2011 DETERMINA DEL 4 SETTORE P.M. N.24,   COMANDANTE VIGILI URBANI, ISOLA DELLE FEMMINE ,CORTE DEI CONTI DELIBERA 174 2000,DEBITO ATO RIFIUTI,TRIBUTARIA,SPROPOSITO ENTRATE MULTE, DEFICIT CASSA,ZUCCARELLO,SICAR,ISOLA ECOLOGICA, SCILUFFO,SCARICHI FOGNARI,DEPURATORE, DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 13 DEL 4 GIUGNO 200INQUADRAMENTO DEL DIPENDENTE CROCE ANTONIO COMANDANTE DELLA P.M., NELLA QUALIFICA APICALE CATEGORIA GIURIDICA  D3 9, GIUNTA COMUNALE N. 214   23 DICEMBRE 2003    COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE, AFFIDAMENTO RISCOSSIONE INFRAZIONI STRADALI 2008, CROCE MAGGIORE ANTONIO MAGGIO VIGILI URBANI ISOLA BILANCIO PREV 2011 ALL. 1 PREVISIONE 800MILA EURO, CROCE COMANDANTE,NOVARES,RISCOSSIONE COATTA,RAPPA ROCCO  ANTONIO MAGGIORE VIGILI URBANI ISOLA BILANCIO PREVISIONE 2011 SPESE 506 MILA 700 EURO ALL.3 PREVISIONE, CROCE COMANDANTE MAGGIORE ANTONIO DEVO INCASSARE 2 MILIONI DI EURO DELIBERA NOVEMBRE 2009 G.M. N.105, 2017 29 DICEMBRE  CONSUNTIVO 2016 C.C. 43 CONTO CONSUNTIVO 2016 PARERE NEGATIVO REVISIORI DELIBERAZIONE CORTE DEI CONTI 90 2018 PRSP CROCE ANTONIO , 2018 18 GIUGNO GIUNTA 75 ASSENTE CALTANISETTA SCHEMA BILANCIO PREVISIONE 2018 20 NOTA INTEGRATIVA MAGGIORE CROCE ANTONIO, 2017 16 MARZO GIUNTA 33 ASSENTE CALTANISETTA  MODIFICA ATTO 10 2015 09 02 2016  INTEGRAZIONE REGOLAMENTO CROCE MAGGIOR ANTONIO ALTA PROFESSIONALITA' 2017 21 AGOSTO BOLOGNA SINDACO MAGGIORE, 2019 8 FEBBRAIO CROCE ANTONIO N 150 PROCEDURA NEGOZIATA POSTALIZZAZIONE SCILUFFO 2018 29 APRILE ANAC, 2019 20 MARZO DET 269  CROCE ANTONIO AGGIUD SCILUFFO  CAR, 2018 29 GIUGNO DELIBERA GIUNTA 83 MAGGIORE CROCE DOTTORE ANTONIO ELABORA PROGETTO VIDEO SORVEGLIANZA PER LA DELINQUENZA A ISOLA 284 MILA 661 EURO ASSENTE CALTANISETTA,DELIBERA N. 62 DEL 23.07.09 CONVENZIONE COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE CROCE ANTONIO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE MONREALE ORGANIZZAZIONE EUROPEA VV. DEL FUOCO DISTACCAMENTO DI ISOLA DELLE FEMMINE, 2007 10 MAGGIO DETERMIN DIRETTORE GENERALE DR SCAFIDI N   17 CONVENZIONE COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE CROCE ANTONIO CON LA MAGGIOLI S.P.A. PER LA GESTIONE DELLE AREE DI SOSTA A PAGAMENTO, 2007 3 MAGGIO GIUNTA N 51  CONVENZIONE COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE CROCE ANTONIO CON LA MAGGIOLI S.P.A. PER LA GESTIONE DELLE AREE DI SOSTA A PAGAMENTO, 2012 1 GIUGNO DETERMINA MAGGIORE CROCE ANTONIO N 27 CONVENZIONE PARCHEGGIO A PAGAMENTO 31 DICEMBRE 2016 PEGASO SERVIZI SOC COOP ARL CON SEDE IN VIA MONACHELLE N 49  TERMINI IMERESE,2016 21 GIUGNO COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE MAGGIORE CROCE ANTONIO GARA PARCHEGGIO A PAGAMENTO SOSTA E SICUREZZA  SAS CHIARAMONTE GULFI RAGUSA SINO AL 31 DICEMBRE 2016, 2017 22 MAGGIODETERMINA MAGGIORE CROCE ANTONIO N 240 GARA PARCHEGGIO A PAGAMENTO SOCIETA’ COOPERATIV SOCIALE GIERRE SERVIZI PIAZZA CASTRENSE 6 MONREALE , DETERMINAZIONE DEL SINDACO

N. 2 DEL 13 01 2017 SOSTITUZIONE PUCCIO DEBORAH 2 SETTOR ECONOMICO FINANZIARIO NUOVO CAPO SETTORE MAGGIORE CROCE ANTONIO LA STORIA DELLE DATE DI PROTOCOLLAZIONE, 2012 18 MAGGIO CONSIGLIO COMUNALE 18 MAGGIORE CROCE ANTONIO RESPONSABILE DATI E VIDEO SORVEGLIANZA,2015 22 SETTEMBRE GIUNTA 150 MAGGIORE CROCE ANTONIO RUP PROGETTO VIDEOSORVEGLIANZA,2017 1 GIUGNO CONSIGLIO COMUNALE N 16 AFFIDMENTO RISCOSSIONE COATTA TRIBUTI INFRAZIONI AL CONDICE STRADA MULTE,2019 13 MAGGIO MAGGIORE CROCE PROCDURA NEGOZIATA AFFIDMENTO PARCHEGGIO2019 2021 RUP CROCE ANTONIO,2011 6 GIUGNO MAGGIORE CROCE ANTONIO AFFIDAMENTO POSTALIZZAZIONE C.S.I. SOC COOP VIA PESCARA 11 CARINI,2000 26 GENNAIO  10  LUGLIO  CROCE ANTONIO PART TIME IMPIEGO DIRETTORE AZIENDALE C.S.I.SOC COOP  VIA PESCARA 11 CARINI,CROCE ANTONIO DIPENDENTE COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE DAL LUGLIO 1983, 2002 24 LUGLIO DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N 34 APPROVA LA COSTRUZIONE DELL’ISOLA ECOLOGIA A PIANO LEVANTE A RIDOSSO DI CIVILI ABITAZIONI,AL TA SRL (ALBANO E TAORMINA), BOLOGNA STEFANO, BORGETTO, BRUNO PIETRO, CROCE ANTONIO, INCENDIO, ISOLA ECOLOGICA, LO BELLO ORAZIO, PIANO LEVANTE, PORTOBELLO, SICAR,,TAORMINA BENEDETTO, TURANO , ZUCCARELLOCILUFFO CARLA,COMPUTER LINE, COMPUTER LINE DI CILLUFFO VINCENZO 11, VIA PESCARA   CARINI, 2018 29 GIUGNO DELIBERA GIUNTA 85 MAGGIORE CROCE DOTTORE ANTONIO CONVENZIONE PROT CIVILE BRUNO GUARDIA COSTIERA  11.851,42  ASSENTE CALTANISETTA,CILLUFFO VINCENZO,CILLUFFO CARLA, SISTEMI INFORMATICI AVANZATI,COMPUTER LINE,,COMANDANTE VIGILI URBANI, CROCE ANTONIO, ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2009, PORTOBELLO GASPARE, CILLUFFO VINCENZO,CILLUFFO CARLA, SISTEMI INFORMATICI AVANZATI,COMPUTER LINE,,COMANDANTE VIGILI URBANI, CROCE ANTONIO, ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2009, PORTOBELLO GASPARE, 2009 4 GIUGNO TEREMOINA GASPARE PORTOBELLO N 13 COMANDANTE DELLA STAZIONE DEI VIGILI URBANI DI ISOLA DELLE FEMMINE MAGGIORE ANTONIO CROCE, ALONGI, BOLOGNA, CIMITERO, DOSSIER, GIAMBRUNO, IMPRESA FERRANTE, LE JENE, LI MUTI, MANNINO, MINAFRA, PACI ROCCO, Peloso, PUCCIO ROSARIA, RAPPA ING ROCCO, REQUISIZIONE LOCULI, RINO CASCIO, TRIBOTO, VENTIMIGLIA, IL PRIMA E IL DOPO IL DURANTE  ALONGI VINCENZO MARIANNE CATRINE  MILICCIA VINCENZO  DIA 6 GIUGNO 2015 PELOSO VIRGA RAPPA ING ROCCO,BOLOGNA STEFANO, BRUNO FRANCO, CILLUFFO VINCENZO, CIMITERO, CRISCI FRANCESCO, Croce Antonio, GUARDIA COSTIERA AUSILIARIA, Protezione Civile, VENTIMIGLIA LUCIA,GUARDIA COSTIERA AUSILIARIA,BRUNO FRANCO,VENTIMIGLIA LUCIA,CIMITERO,PROTEZIONE CIVILE,CROCE ANTONIO,BOLOGNA STEFANO,CRISCI FRANCESCO,CILLUFFO VINCENZO,BOLOGNA STEFANO, BRUNO FRANCO, CILLUFFO VINCENZO, CIMITERO, CRISCI FRANCESCO, CROCE ANTONIO, GUARDIA COSTIERA AUSILIARIA, Protezione Civile, VENTIMIGLIA LUCIA,CUP E64B15000100000,CIG 75570112C2,TAG,SARDO CARMELO,BOLOGNA STEFANO CARDACI COSTRUZIONI SRL RTICEVCOCI ANTONINODUE ESSE COSTRUZIONI SRLGARA LAVORI COMUNEISOLA DELLE FEMMINEMINAFRA ENRICO, SARDO SALVATOREUFFICIO TECNICO COMUNALEZANGHI’ SANTO, MALLIA GERLANDO,D'ARPA SANDRO,VALGUARNERA SERGIO, DDG 793, GAMBINO MARCO, PALAZZOLO GIOVANNI, DINIEGO EDILIZIO,AIELLO GIUSEPPE,ALTADONNA GIUSEPPE, BOLOGNA STEFANOBRICOMANCANGEMI GIUSEPPE, CASTELLESE GIUSEPPEDITTA SASSARI 68 SASGIAMBRUNO MONICAIMMOBILIARE TRINACRIA SRLISOLA DELLE FEMMINEITALIA SRL MANNINO ANGELOPRGSCORDIASicarSIRCHIA LAURETTO, UTC,POLLINA GIUSEPPE,CIG Z 661CCB696,INDAGINE GEOLOGICA,IMMOBILIARE TRINACRIA SRL,MONTICCIOLO GASPARE,DIGA FORANEA,TAG,PORTO,CIG Z0D27E5E27,CUP E66C09000010006.,MALLIA GERLANDO,DICAR,GIAMBRUNO MONICA,RUP,D'ARPA SANDRO,CROCE ANTONIO,BRANCIFORTE ROSANNA,BOLOGNA STEFANO,CAPRITTI MICHELE, APPALTI, BOLOGNA STEFANO, CAPRITTI MICHELE, D'ARPA SANDRO, ELEZIONI AMMINISTRATIVE ISOLA DELLE FEMMINE 2014, MALLIA GERLANDO, RUP, SA&GI ENGIRING ARL AGRIGRENTO, SCUOLA MATERNA, SERGIO, TAG, NAVARRA ANDREA ANTONINO,COCI ANTONINO,PUGLISI BALDASSARE, SCIOGLIMENTO CONSIGLIO COMUNALE ISOLA DELLE FEMMINE,PORTOBELLO GASPARE,FINANZIAMENTO,PROGETTO,CASSA DEPOSITI E PRESTITO,NAVARRA NICOLO',SINAGRA,GEOLAB SRL,COTTONE MARCO,AERTECNO SRL,MADIA UGO,COLLURA GIACOMO,CATALANO ALBERTO,CROCE ANTONIO,2019 6 NOVEMBRE APPALTO SCUOLA ALLA DITTA SA& G  ENGIRING ARL Codice– CUP E64H15001420006 APPALTI, BOLOGNA STEFANO, CAPRITTI MICHELE, CROCE ANTONIO, D'ARPA SANDRO, ELEZIONI AMMINISTRATIVE ISOLA DELLE FEMMINE 2014, MALLIA GERLANDO, RUP, SA&GI ENGIRING ARL AGRIGRENTO, SCUOLA MATERNA, SERGIO, TAG,SIINO ANGELO,EMERINO LINO,COMAT,CONIGLIARO,VIA DELL'OLIMPO PALERMO,CARINI,CAPACI, LAVORI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE E MIGLIORAMENTO SISMICO DELLA CASA COMUNALE, SITA NEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE, DA DESTINARSI IN CASO DI CALAMITA' A STRUTTURA STRATEGICA "CENTRO DI PROTEZIONE CIVILE" – nuova determina a contrarre. CUP E64B15000100000 - CIG 725711049F, 1861 GENNAIO DI MAGGIO GIUSEPPE PRESIDENTE MUNICIPALE, ISOLA DELLE FEMMINE,1861 GENNAIO DI MAGGIO GIUSEPPE PRESIDENTE MUNICIPALE VINCENZO BOLOGNA PARROCO DI ISOLA DELLE FEMMINE,1861 SETTEMBRE VINCENZO DI MAGGIO SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE,1861 SETTEMBRE DI MAGGIO GIUSEPPE PRESIDENTE MUNICIPALE,1862 26 GENNAIO VINCENZO DI MAGGIO SINDACO,1862 1 DICEMBRE SIINO GIOVANNI ASSESSORE FUNZIONALE SINDACO MUORE 1887 18 GIUGNO,1863 15 MARZO SIINO GIOVANNI SINDACO   ISOLA DELLE FEMMINE, DOTTORE CARLO CALCATERRA MEDICO COMUNALE PARROCO DON TOMMASO PETO,  1863 15 OTTOBRE SIINO GIOVANNI SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE,1863 DICEMBRE SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE VINCENZO DI MAGGIO,1864 1 GENNAIO DI MAGGIO FRANCESCO SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE,1864 24 GENNAIO DI MAGGIO FRANCESCO SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE SIINO GIOVANNI SEGRETARIO,SIINO GIOVANNI SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE E SEGRETARIO COMUNALE NASCE 1823 MUORE A 64 ANNI IL 18 GIUGNO 1887,  1864 NOVEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE, 1861 10 DICEMBRE VINCENZO DI MAGGIO SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE,1864 DICEMBRE FRANCESCO DI MAGGIO SINDACO SEGRETARIO SIINO GIOVANNI,1865 17 GENNAIO VINCENZO DI MAGGIO SINDACO,1925 VINCENZO DI MAGGIO PODESTA’ ISOLA DELLE FEMMINE,ELEZIONI COMUNALI ANNO 1968 Candidati Sindaci e Voti di Lista • VINCENZO DI MAGGIO Lista TORRE Voti 670 • ANTONINO SPANO’Lista CARAVELLA Voti 371,ELEZIONI COMUNALI ANNO 1973 Candidati Sindaci e Voti di Lista • VINCENZO DI MAGGIO Lista  TORRE Voti 964 • ANTONINO SPANO’Lista CARAVELLA Voti 626,ELEZIONI COMUNALI ANNO 1978 Candidati Sindaci e Voti di Lista • VINCENZO DI MAGGIO Lista TORRE Voti 1.022 • LODATO GASPARE Lista D. C. Voti 303 • PRIVITERA FRANCO Lista P.C.I. Voti 458,2017 12 DICEMBRE MINAFRA 559 D.D.G. 793 MUNICIPIO ISOLA PROGETTI SUPPLETTIVI A SA.& G. ENGINEERING s.r.l. CAPRITTI MICHEL ANAC DELIBERA 124 10 8 2015, BOLOGNA, CAPRITTI MICHELE, CIMITERO, CROCE ANTONINO, DDG 793 16 APRILE 2015,DDG 3287 15 DICEMBRE 2017,DEBORAH PUCCIO, GARE, ILLUMINAZIONE, MANNINO, MINAFRA, LAVORI COMUNE, 2017 15 DICEMBRE RISTRUTTUIRAZIONE COMUNE D.D.G. 3287 1 MILIONE 100 MILA EURO ASSESSORATO REGIONALE TURISMO COMUNICAZIONI E TRSPORTI ANAC DELIBERA 124 10 8 2015, BOLOGNA, CAPRITTI MICHELE, CIMITERO, CROCE ANTONINO, DDG 793 16 APRILE 2015,DDG 3287 15 DICEMBRE 2017,DEBORAH PUCCIO, GARE, ILLUMINAZIONE, MANNINO, MINAFRA, LAVORI COMUNE, 2009, 38 MILIONI, ISOLA DELLE FEMMINE, LR 21 ART 5 2 SETTEMBRE 1998, MESSA IN SICUREZZA DEL PORTO, PATTO SICILIA, PORTO, VIA VAS DECRETO 1298 18 DICEMBRE 2009, Zuccarello,38 MILIONI, COMITATO SAN PIETRO, COOPERATIVE, CUTINO, D'Angelo, FINANZA;FATTURE, LR 21 ART 5 2 SETTEMBRE 1998, LUCIDO, PALazzotto, PESCATORI, PORTO, PORTOBELLO, RISERVA DI CAPO GALLO, RUBINO, SCAVARELLI,ISOLA DELLE FEMMINE,SFERRACAVALLO,CINISI,TURINA LUCIANA,VILLA AMARI BONOCORE MALETTO  PALERMO,FECAROTTA ARMANDO,CANDELA ANTONINO,PIZZO,ESTORSIONI,AEROPORTO PUNTA RAISI,RISTRUTTURAZIONI,COSTRUZIONI,CASERMA BICHELLI SAN LORENZO PALERMO, SICANIA SERVIZI SRL,SCUOLA MATERNA CINISI,SCUOLA MATERNA ISOLA DELLE FEMMINE,DI MAGGIO GASPARE,ASSUNZIONI,SUBAPPALTI,EVOLA ALBERTO,SPALLINA LUIGI,DISCOTECA GOA,BAIA DEL CORALLO SFERRACAVALLO,BARBERO MARCELLO,ZANGARA SALVATORE,CINA' PIETRO,DI MAGGIO ANTONINO,PASSALACQUA VINCENZO,DI MAGGIO GIUSEPPE,CALLIOPE,ISOLA DELLE FEMMINE,LOPEZ DARIO,MAIORANA NTONIO,MAIORANA STEFANO,ALAMIA FANCESCO PAOLO,BANDIERA SALVATORE,PIPITON ANTONINO,PROVENZANO BERNARDO,LO PICCOLO SALVATORE,ADDIO PIZZO 5,DI MAGGIO GASPARE,CINISI,PUGLISI FRANCESCO,DI MAGGIO LORENZO,FERDICO,TOMMASO NATALE,6 APPARTAMENTI A ISOLA DELLE FEMMINE,40 APPARTAMENTI A CARINI,ZITO FILIPPO,LO CASCIO GIUSEPPE,MARIO LUCIA,LO PICCOLO SANDRO,GIARDINELLO,CATALDO SALVATORE,CARINI,PIPITONE ENZO,PULIZZUI GASPARE,FRANZESE FRANCESCO,PECORARO GIUSEPPE,LUPARA BIANCA,PENTITI,COLLABORATORI DI GIUSTIZIA,OCCULTAMENTO DI CADAVERI,BONANNO GIOVANNI,,BONANNO GIOVANNI LUPARA BIANCA11 GENNAIO 2006,FAILLA ANTONIO,MAZZAMUTO GIUSEPPE,FAILLA ANTONIO E MAZZAMUTO GIUSEPPE UCCISI NELLA CASA DI CATALDO SALVATORE A CARINI VIA DEI LIMONI NEL 1999,MANNINO LUIGI,MANNINO LUIGI ALLEVATORE INSNSURATO DI TORRETA LUPAPA BIANCA 19 APRILE 1999, LUPARA BIANCA,FAILLA ANTONIO,MAZZAMUTO GIUSEPPE,DI MAGGIO ANTONINO,GALLINA FERDINANDO,DAVI' FEDERICO  APPALTI, BOLOGNA STEFANO, CAPRITTI MICHELE, CROCE ANTONIO, D'ARPA SANDRO, ELEZIONI AMMINISTRATIVE ISOLA DELLE FEMMINE 2014, MALLIA GERLANDO, RUP, SA&GI ENGIRING ARL AGRIGRENTO, SCUOLA MATERNA, SERGIO, TAG, Appalti, BOLOGNA STEFANO, CAPRITTI MICHELE, Croce Antonio, D'Arpa Sandro, ELEZIONI AMMINISTRATIVE ISOLA DELLE FEMMINE 2014, MALLIA GERLANDO, RUP, SA& GI ENGIRING ARL AGRIGRENTO, Scuola Materna, SERGIO, TAG, 2019 6 NOVEMBRE APPALTO SCUOLA MATERNA ALLA DITTA SA&GI ENGIRING ARL, CUP E64H15001420006,LAVORI COMUNE, CUP E64B15000100000,CIG 75570112C2,PORTOBELLO,SAVERIO ROMANO,BARRALE SAVERIO,BELMONTE MEZZAGNO,PAPPAGALLO,MAFIA,ANTIMAFIA,BRUNO,LEONCINO,PALMUTO,CAPITANO,VEDOVELLO,SQUALO,VEDOVELLO,FATTORIA DEGLI ANIMALI,CECCHINO,COMANDANTE,SQUADRISTA ROSSO,PROTEZIONE CIVILE,LICENZE EDILIZIE,SPIAGGE,PARCHI GIOCHI,MICHELE SEIDITA,PINO LIPARI,D’ARRIGO,BRIGUGLIO SINTAGMA S.P.A.,S.I.S. S.P.A.,GEODATA S.PA.,SIPAL S.PA.,FRANCESCO,D’AMICO DOMENICO,D’AMICO MARCELLO,ADIMINO SALVATORE,ADIMINO IVANA,GASPARE PULIZZI,SINTAGMA S.P.A.,S.I.S. S.P.A.A,GEODATA S.P.A., SIPAL. S.PA.,FRANCESCO FRANZESE,SALVATORE MANDARANO,GIUSEPPE FERRANTE, NINO DI MAGGIO,ALESSANDRO CUSMANO, GUSTOSITA,SERIO NUNZIO,BRUNO PIETRO,ISOLA DELLE FEMMINE,COPACABANA,FERRARELLO,CINÀ PIETRO,ZAPPULLA,PIPITONE,DI MAGGIO,FRANCESCO PUGLISI,ALMEYDA,PULIZZI,ARCH PUCCIO GIUSEPPE,SARACEN,RAZZANELLI,SPATARO,CERAULO,CALLIOPE,MAIORANA,ALAMIA PAOLO,BANDIERA,LOPEZ,GUCCIONE,SALVATORE SBEGLIA,FIORELLA PIERINA,ROBERTO ALTADONNA, ATO PA1,LICENZE ILLEGITTIME,A.R.T.A.,U.T.C.,ABUSIVISMO,RIFIUTI,GESTIONE SPIAGGE, AGGRESSIONE,ISOLA DELLE FEMMINE,PINO CIAMPOLILLO, GUSTOSITA,SERIO NUNZIO,BRUNO PIETRO,ISOLA DELLE FEMMINE,SIS S.PA,SUD EURO SCAVI,DOMENICO D’AMICO,GALLUZZO,FRANCESCO PALERMO,MEDI TOUR,NINNI DE SIMONE,IN.CA.S. INERTI. CALCAREI SUD,COPACABANA,FERRARELLO,CINÀ PIETRO,ZAPPULLA,PIPITONE,DI MAGGIO,FRANCESCO PUGLISI,ALMEYDA,PULIZZI,POLIZZI,BORGETTO,ARCH PUCCIO GIUSEPPE,SARACEN,RAZZANELLI,SPATARO,CERAULO,CALLIOPE,MAIORANA,ALAMIA PAOLO,BANDIERA,LOPEZ,GUCCIONE,SALVATORE SBEGLIA,FIORELLA PIERINA,ROBERTO ALTADONNA, SOGNO.FANTASIA,LIBERTÀ,AMORE,VOLARE,2019 12 NOVMBRE DETERMINA N 764 PROCEDURA NEGOZIATA SCUOLA MATERNA VIA DON BOSCO ISOLA DELLE FEMMINE Appalti, BOLOGNA STEFANO, CAPRITTI MICHELE, Croce Antonio, D'Arpa Sandro, ELEZIONI AMMINISTRATIVE ISOLA DELLE FEMMINE 2014, MALLIA GERLANDO, RUP, SA&GI ENGIRING ARL AGRIGRENTO, Scuola Materna, SERGIO, TAG, 26 NPVEMBRE AVVISO PUBBLICO 2019 12 NOVMBRE DETERMINA N 764 PROCEDURA NEGOZIATA SCUOLA MATERNA VIA DON BOSCO ISOLA DELLE FEMMINE


,BOLOGNA RELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014, CAPRITTI, Illuminazione, ISOLA DELLE FEMMINE.BOLOGNA CASERMA NATO ISOLA DELLE FEMMINE DEPOSITO DI ARMI E MUNIZIONI, MINAFRA,   PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE E SISTEMAZIONE DI VIA DEI VILLINI VIA VESPUCCI  C'E' CHI DICE NO Girodivite: Isola Pulita Lettera aperta al Sindaco su BONIFICA e RIQUALIFICAZIONE,

 BARBARA FOGAZZA, BOLOGNA STEFANO,CAMPO DI CALCIO, DECORO, FINANZIAMENTO, IMPASTATO, ISOLA DELLE FEMMINE, MICELI FRANCESCO, PORTO, PORTOBELLO,  RIQUALIFICAZIONE, SISTEMAZIONE, TURISMO, VIA CUTINO,

,CROCE ANTONIO, RUBINO ORAZIO, TAG, ,BOLOGNA STEFANO,MINAFRA,RIFIUTI,ATO,AGESP,SRR,DANNI ERARIALI,RACCOLTA DI FFERENZIATA, ISOLA DELLE FEMMINE,PALERMO OPERAI ATO IN SCIOPERO,ISOLA ECOLOGICA,BELLOLAMPO,CORTE DEI CONTI 223 2017 GEST,MANNINO ANGELO,MANNINO CLAUDIA,PROCURA GENERALE CORTE DEI CONTI Agesp, ATO, GELA, CAPITOLATO D'APPALTO,ECOX SRL,TERMINI IMERESE,TEKRA SRL,BOLOGNA STEFANO, CORTE DEI CONTI 223 2017 GEST, CROCE ANTONINO, DANNI ERARIALI, DIFFERENZIATA,  BELLOLAMPO, ISOLA DELLE FEMMINE, MANNINO ANGELO, MANNINO CLAUDIA, MINAFRA, PALERMO, rifiuti, SRR, BOLOGNA STEFANO,MINAFRA,RIFIUTI,ATO,AGESP,SRR,DANNI ERARIALI,   ISOLA DELLE FEMMINE,PALERMO OPERAI ATO IN SCIOPERO,ISOLA ECOLOGICA,BELLOLAMPO,CORTE DEI CONTI 223 2017 GEST,MANNINO ANGELO,MANNINO CLAUDIA,PROCURA GENERALE CORTE DEI CONTI   ATO, BOLOGNA STEFANO, CORTE DEI CONTI 223 2017 GEST, CROCE ANTONINO, DANNI ERARIALI, DIFFERENZIATA, IBELLOLAMPO, ISOLA DELLE FEMMINE, MANNINO ANGELO, MANNINO CLAUDIA, MINAFRA, PALERMO,   SRR,,SARACEN,TAG, ONORATO SALVATORE ON IMM,  SICILEAS, SICILEAS FIN IMM FARACI PORTOBELLO GASPARE, U.T.C., GIAMBRUNO MONICA,BOLOGNA STEFANO,10 OTTOBRE 2005 DIMISSIONI BOLOGNA STEFANO,FERRARO PIETRO, TAR SENTENZA  N.3394 2007  RICORSO N 84 2007,LICENZA EDILIZIA N 2 23 FEBBRAIO 2000,D'ARPA SANDRO, PRG,ISOLA DELLE FEMMINE,AIELLO FRANCESCO PAOLO,ALTADONNA  LORENZO, CASTELLESE GIUSEPPE, ALTADONNA GIUSEPPE,SOCIETA' CARINI  COSTRUZIONI SRL,IMPASTATO GIOVANNI,COMMISSIONE EDILIZIA COMUNALE, LOTTIZZAZIONE,AMODEOAPOLLONIA DECRETO 16441 13 LUGLIO 2015 AMODEO SANSONE VINCENZO PERIZIA GIURATA VAS 10 VILLETTE 20 ALLOGGI ISOLA DELLE FEMMINE,  COOPERATIVEZANGHI' CARMELO SANTO,   ISLA SRL, VIA DELLE PALME ISOLA DELLE FEMMINE, AMODEO FRANCESCO PAOLO,  GIACALONE   ALESSANDRA,   INGRASSIA   ROSALIA, ALONGI VINCENZO, BONURA MARIA ASSUNTA, CASTIGLIONE SANTO, CIMITERO, CUSIMANO, SALVATORE, ORDINANZA URGENTE E CONTIGIBILE, REQUISIZIONE LOCULO, TAG, TRIBOTO STEFANO, VENTIMIGLIA LUCIA, VIRGA MARIOLINA,DI MAGGIO VINCENZO,SPANO’ ANTONINO,,LISTA LA TORRE,LISTA CARAVELLA,1968,1973,DI MAGGIO VINCENZO,LODATO GASPARE,LISTA DC,LISTA TORRE,LISTA PCI,PRIVITERA FRANCO, 1978, PARCO DUNE,ISOLA DELLE FEMMINE,MATERIALE DI RISULTA RADDOPPIO FERROVIARIO,BOLOGNA STEFANO,TAG ,AGATE MARIANOBELLOMO GIUSEPPECOTTON CLUBITASMATTEO MESSINA DENARO SALVATOREMONTALBANO GIUSEPPE, RIINA SALVATORE, ROSTAGNOSA.MA. COSTRUZIONISANSONE GAETANOVILLA ANTICA,2019 30 OTTOBRE DELIBERA GIUNTA N 154 ROGETTO DI UN “PARCO GIOCHI INCLUSIVO” NEL PARCO GIOCHI DELLE DUNE VIALE MARINO, N°58 DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE 2012 22 MAGGIO DETERMINA ARCH D'ARPA SERGIO 48 PARCO DUNE - Liquidazione fattura n° 1 del giorno 15 febbraio 2012 dell’impresa “EDIL CAPACI DI OLIVERA VINCENZA” Codice CIG: 0611609BB3 AGATE MARIANO, BELLOMO GIUSEPPE, BOLOGNA STEFANO, COTTON CLUB, ISOLA DELLE FEMMINE, ITAS, MATERIALE DI RISULTA RADDOPPIO FERROVIARIO, MATTEO MESSINA DENARO SALVATORE, MONTALBANO GIUSEPPE, PARCO DUNE, TAG, AGATE MARIANO, BELLOMO GIUSEPPE, BOLOGNA STEFANO, COTTON CLUB, ISOLA DELLE FEMMINE, ITAS, MATERIALE DI RISULTA RADDOPPIO FERROVIARIO, MATTEO MESSINA DENARO SALVATORE, MONTALBANO GIUSEPPE, PARCO DUNE, TAG,2019 21 NOVEMBRE DETEMINA ARCHITETTO MALLIA V SETTORE 789 IMPEGNO DELLE SPESE RELATIVE AL PROGETTO DI UN “PARCO GIO-CHI INCLUSIVO” NEL PARCO GIOCHI DELLE DUNE VIALE MARINO, N°58 DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE (PA). IL RESPONSABILE DEL 5^ SETTORE LAVORI PUBBLICI, This Is My Life ,Bernie Sanders 2020,     AGATE MARIANO, BELLOMO GIUSEPPE, BOLOGNA STEFANO, COTTON CLUB, ISOLA DELLE FEMMINE, ITAS, MATERIALE DI RISULTA RADDOPPIO FERROVIARIO, MATTEO MESSINA DENARO SALVATORE, MONTALBANO GIUSEPPE, PARCO DUNE, TAG,2019 17 GIUGNO CSM, TUTTE LE TRAME DI PALAMARA, LOTTI & CO.: «SE MI INTERCETTANO, DIRANNO CHE SONO LA P5»SARACEN,TAG, ONORATO SALVATORE ON IMM,  SICILEAS, SICILEAS FIN IMM FARACI PORTOBELLO GASPARE,CHIARACANE GIUSEPPE,U.T.C.,D M 1444 1968,AREE A PARCHEGGIO,  GIAMBRUNO MONICA,BOLOGNA STEFANO,10 OTTOBRE 2005 DIMISSIONI BOLOGNA STEFANO,FERRARO PIETRO, TAR SENTENZA  N.3394 2007  RICORSO N 84 2007,LICENZA EDILIZIA N 2 23 FEBBRAIO 2000,D'ARPA SANDRO, PRG,ISOLA DELLE FEMMINE,AIELLO FRANCESCO PAOLO,ALTADONNA  LORENZO, CASTELLESE GIUSEPPE, ALTADONNA GIUSEPPE,SOCIETA' CARINI  COSTRUZIONI SRL,IMPASTATO GIOVANNI,COMMISSIONE EDILIZIA COMUNALE, LOTTIZZAZIONE,AMODEOAPOLLONIA DECRETO 16441 13 LUGLIO 2015 AMODEO SANSONE VINCENZO PERIZIA GIURATA VAS 10 VILLETTE 20 ALLOGGI ISOLA DELLE FEMMINE,  COOPERATIVEZANGHI' CARMELO SANTO,   ISLA SRL, VIA DELLE PALME ISOLA DELLE FEMMINE, AMODEO FRANCESCO PAOLO,  GIACALONE   ALESSANDRA,   INGRASSIA   ROSALIA,2019 4 DICEMBRE CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE 12 12 19 ORE 17 SARACEN HOTEL PARCO GIOCHI DUNE OPERE TRIENNALI,10 OTTOBRE 2005 DIMISSIONI BOLOGNA STEFANO, BOLOGNA STEFANO, Ferraro Pietro, GIAMBRUNO MONICA, ONORATO SALVATORE ON IMM, saracen, SICILEAS, SICILEAS FIN IMM FARACI PORTOBELLO GASPARE, TAG, U.T.C., 2019 30 NOVEMBRE Liquidazione spese legali all’Avv. Francesco Rappa – controversia Rubino Orazio. RIFIUTI ROVISTARE NEI SACCHETTI DI MUNNEZZA COSTA CARO DSENTENZA GIUDICE DI PACE CONDANNA DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Agesp, ATO, BOLOGNA STEFANO, CROCE ANTONIO, DANNI ERARIALI, ISOLA DELLE FEMMINE, MINAFRA, PALERMO OPERAI ATO IN SCIOPERO, RACCOLTA DI FFERENZIATA, rifiuti, RUBINO ORAZIO, SRR, TAG,

ECOX SRL,ISOLA DELLE FEMMINE,TERMINI IMERESE,BOLOGNA STEFANO,TAG,TRAPANI SERVIZI,RIFIUTI,PROFINECO SRL,GM SRL CONTRADA SAN GIOVANNI CINISI,NORATA GIUSEPPE,TOMMASELLO ROSSELLA,TOMMASELLO NICOLETTA,ORLANDO CASCIO LEOLUCA,SUNSERI GIOVANNI,GENOVESE GIUSEPPE,CATANIA ANGELO,PRESCRIZIONI,DECRETO AIA PROFINECO DDS 315 10 04 19, DI MARTINO GIUSEPPE,TMB,CSS,FRAZIONE UMIDA,SOSTANZE ODORIGENE,INCOMPATIBILE CON IL  CENTRO ABITATO,EMISSIONE SOSTANZE ODORIGENE,BELLOLAMPO,RAP,AZIENDE INSALUBRI,MONTALBANO GIUSEPPE,GM SRL CONTRADA SAN GIOVANNI CINISI,DDS 196 8 MARZO 2019,2019 21 OTTOBRE LEGAMBIENTE TERMINI IMERESE IN DIFESA DELLA SALUTE DEI CITTADINI DIFFIDA LA ECOX SRL DI CONTRADA CANNE MARSCHE CENTRO ABITATO PROSSIMITA' BENI AMBIENTALI EMISSIONE SOSTANZE ODORIGENE 2019 16 OTTOBRE Termini, Regione diffida l'impianto di compostaggio La difesa di Ecox: «Inviate le osservazioni richieste»2019 18 GENNAIO Rifiuti, i 5 stelle contro il nuovo impianto a Termini: "Socio della srl è Norata, presidente Rap" BOLOGNA STEFANO, ECOX SRL, GM SRL CONTRADA SAN GIOVANNI CINISI, ISOLA DELLE FEMMINE, NORATA GIUSEPPE, PROFINECO SRL, rifiuti, TAG, TERMINI IMERESE, TOMMASELLO ROSSELLA, 2019 21 OTTOBRE LEGAMBIENTE TERMINI IMERESE IN DIFESA DELLA SALUTE DEI CITTADINI DIFFIDA LA ECOX SRL DI CONTRADA CANNE MARSCHE CENTRO ABITATO PROSSIMITA' BENI AMBIENTALI EMISSIONE SOSTANZE ODORIGENE 2019 16 OTTOBRE Termini  Regione diffida l'impianto di compostaggio La difesa di Ecox Inviate le osservazioni richieste»2019 18 GENNAIO Rifiuti  i 5 stelle contro il nuovo impianto a Termini:,Socio della srl è Norata, presidente Rap, BOLOGNA STEFANO, ECOX SRL, GM SRL CONTRADA SAN GIOVANNI CINISI, ISOLA DELLE FEMMINE, NORATA GIUSEPPE, PROFINECO SRL, rifiuti, TAG, TERMINI IMERESE, TOMMASELLO ROSSELLA,RAP,BELLOLAMPO,RACCOLTA DIFFERENZIATA,ISOLA DELLE FEMMINE,BOLOGNA STEFANO,MANNINO ANGELO,TERMINI IMERESE, SAILEM,PADRONI DI PALERMO,PARISI ROBERTO,I SICILIANI,TAG,FAVA GIUSEPPE,PORTO,D’AGOSTINO GIOVANBATTISTA,ISOLA DELLE FEMMINE,ELDA PUCCI,PALERMO PUNTA RAISI,PALMA DI MONTECHIARO,ICEM,SPAGNA,MORI,SVEVI,ARABI,NORMANNI,ANGIOINI,SICILIA VERGA GIOVANNI,TOMMASI DI LAMPEDUSA,BRANCATI VITALIANO,SCIASCIA LEONARDO,PIRANDELLO LUIGI,CATANIA,MATTARELLA PIERSANTI,MATTARELLA BERNARDO,PUBBLICA ILLUMINAZIONE,LICITAZIONE PRIVATA,GARE,APPALTI,MARTELLUCCI NELLO,PARISI ROBERTO,PALERMO CALCIO,TORINO,DC,APPALTO MANTO STRADALE A PALERMO,LESCA,1974,CONTE CASSINA ARTURO,SANTO SEPOLCRO,MONREALE,MASSONERIA,CIANCIMINO VITO,ANDREOTTI GIULIO,SINDONA MICHELE,OMICIDO,SUICIDIO,PISCIOTTA GASPARE,CAFFE,SPATOLA ROSARIO,USA,FALCONE GIOVANNI,LIMA SALVATORE,GIOIA GIOVANNI CASSINALUCIANO,CASSINA DUILIO,GUARDIA DI FINANZA,RAPIMENTO,CONTE CASSINA ARTURO,PUBBLICA ILLUMINAZIONE,FOGNATURE,STRADE,LESCA SETTEMBRE 1974 SOCIETA’ DI CASSINA,MANUTENZIONE,DURANTE IL REGNO CASSINA SILURATI 4 SINDACI DI PALERMO  DAL 1970 AL 1983,LIGGIO LUCIANO,BONTADE STEFANO,CORLEONESI,GRECO MICHELE,CASTELLANA ROSA,CIANCIMINO VITO,VILLAGRAZIA DI PALERMO,CUGINI SALVO,ESATTORIE,DALLACHIESA CARLO ALBERTO,FALCONE GIOVANNI,COSTA GAETANO,CHINNICI ROCCO,INSALACO  GIUSEPPE,SICILCASSA,PRESTITI,PARISI ROBERTO,MANGANO GIUSEPPE,1985,FIAT 131,DE LISI ELVIRA,ICEM QUADRI ELETTRICI,COMPAGNIA TECNICA SICILIANA,ISOLA LONGA,SOCIETA’ ITTICOLTURA MERIDIONALE,TORINESE,CAVALIERE DEL LAVORO,VICEPRESIDENTE ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI,1980 DC 9 BOLOGNA PALERMO VOLO ITAVIA,PRESIDENTE PALERMO CALCIO,ZINO GILDA,BUSCETTA TOMMASO,PENTITI,COLLABORATORI DI GIUSTIZIA,POOL ANTIMAFIA,MAXIPROCESSO,DE FILIPPO EMANUELE,1985 OMICIDIO DI PARISI ROBERTO,CIACULLI,LUCCHESE GIUSEPPE,TAGLIAVIA FRANCESCO,TINNIRELLO  LORENZO,MUSELLA GIUSEPPE,PATTI PIERO,SALERNO FRANCO CARLOS,PIGNATONE GIUSEPPE,LIMA SALVATORE,CIANCIMINO VITO,ORLANDO CASCIO LEOLUCA,SANTORO MICHELE,SERVIZIO PUBBLICO,SAMMARCANDA,COSTANZO MAURIZIO,FERRATELLA SRL,FARSURA COSTRUZIONI, SAILEM,PADRONI DI PALERMO,PARISI ROBERTO,ITAG,FAVA GIUSEPPE,PORTO, D’AGOSTINO GIOVANBATTISTA,ISOLA DELLE FEMMINE,CASSINA ARTURO,SALATIELLO GIOVANNI,SCIASCIA LEONARDO,ICEM,FOGNATURE,BOLOGNA STEFANO,2019 3 DICEMBRE DETERMINA 821 MAGGIORE CROCE ANTONIO Liquidazione della quinta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bi-lancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18. BOLOGNA STEFANO, CASSA DEPOSITI E PRESTITI, Cassazione, CROCE ANTONIO, DEBITI FUORI BILANCIO, DEFFAULT, ISOLA DELLE FEMMINE, LO BIANCO AGOSTINO, LO JACONO PIETRO, LOTTIZZAZIONE LO BIANCO, PUCCIO DEBORAH, TAG,

1795 1872 DON  GIUSTO MACALUSO PRIMO PARROCO,

1834 - 1859 sindaco delegato dal comune di capaci di maggio erasmo

1854 ISOLA DELLE FEMMINE CHIAMATO LA TONNARA DIVENTA COMUNE INDIPENDENTE CON UN PROPRIO STATO CIVILE, 

1855 31 DICEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE

1855 DICEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO   SOLA DELLE FEMMINE

1857 MARZO SIINO GIOVANNI SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE

1857 30 MARZO SIINO GIOVANNI SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE

1857 14 SETTEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE

1858 16 LUGLIO E 22 SETTEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO DENUNCIA DI MORTE DI DUE BAMBINI NATI MORTI
1861 GENNAIO DI MAGGIO GIUSEPPE PRESIDENTE MUNICIPALE, ISOLA DELLE FEMMINE,

1861 GENNAIO DI MAGGIO GIUSEPPE PRESIDENTE MUNICIPALE VINCENZO BOLOGNA PARROCO DI ISOLA DELLE FEMMINE,

1861 SETTEMBRE VINCENZO DI MAGGIO SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE,

1861 SETTEMBRE DI MAGGIO GIUSEPPE PRESIDENTE MUNICIPALE,

1861 10 DICEMBRE VINCENZO DI MAGGIO SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE,

1862 26 GENNAIO VINCENZO DI MAGGIO SINDACO

1862 1 DICEMBRE SIINO GIOVANNI ASSESSORE FUNZIONALE SINDACO MUORE 1887 18 GIUGNO

1863 15 MARZO SIINO GIOVANNI SINDACO   ISOLA DELLE FEMMINE, DOTTORE CARLO CALCATERRA MEDICO COMUNALE PARROCO DON TOMMASO PETO  

1863 15 OTTOBRE SIINO GIOVANNI SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE,

1863 DICEMBRE SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE VINCENZO DI MAGGIO,

1864 1 GENNAIO DI MAGGIO FRANCESCO SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE,

1864 24 GENNAIO DI MAGGIO FRANCESCO SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE SIINO GIOVANNI SEGRETARIO,SIINO GIOVANNI SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE E SEGRETARIO COMUNALE NASCE 1823 MUORE A 64 ANNI IL 18 GIUGNO 1887,  

1864 NOVEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE, 

1864 DICEMBRE FRANCESCO DI MAGGIO SINDACO SEGRETARIO SIINO GIOVANNI,

1865 17 GENNAIO VINCENZO DI MAGGIO SINDACO,

1887 1900 di maggio orazio sindaco

1900 di maggio francesco sindaco

1921 DI MAGGIO VINCENZO
1858 22 SETTEMBRE SIINO GIOVANNI SINDACO ISOLA DELLE FEMMINE

1859 1 DICEMBRE DI MAGGIO VINCENZO SINDACO DI LORENZO

1889 1991 di maggio vincenzo sindaco

1991 ad aprile 1992 di maggio vincenzo sindaco

1992  al luglio 1993 mannino giuseppe sindaco

1900 1921 DI MAGGIO FRANCESCO SINDACO

1921 AL 1946 DI MAGGIO VINCENZO SINDACO

1925  AL 1946  DI MAGGIO VINCENZO PODESTA’ ISOLA DELLE FEMMINE

1946 AL 1956 DI MAGGIO FRANCESCO SINDACO

1956 AL   1960 LIMA GIUSEPPE SINDACO

1960 1964 DI MAGGIO ANTONIO SINDACO

1964 AL 1968 LIMA GIUSEPPE SINDACO

1968 ELEZIONI MUNICIPALI  VINCENZO DI MAGGIO SINDACO

1973 ELEZIONI MUNICIPALI DI MAGGIO VINCENZO SINDACO

1978  28 MAGGIO ELEZIONI MUNICIPALI DI MAGGIO VINCENZO SINDACO OLTRE ALLA LISTA CIVICA LA TORRE  DI MAGGIO VINCENZO SI CANDIDA LA LISTA DEL P.C.I. CON FRANCESCO PRIVITERA GRUPPO DI MINORANZA CON  LA LISTA DC CANDIDA LODATO GASPARE

1968 1985 DI MAGGIO VINCENZO SINDACO

1983  GIUGNO AD OTTOBRE 1985 LO BIANCO ANTONINO SINDACO

1984 NOVEMBRE DICEMBRE 1985 SINDACO FERRANTE GIUSEPPE

1986 GENNAIO GIUGNO COMMISSARIO PREFETTIZIO MENDOLA GIUSEPPE

1986 OTTOBRE NOVEMBRE COMMISSARIO PREFETTIZIO  AMBROSETTI AMILCARE

1986 DI MAGGIO VINCENZO SINDACO

1993 1995 bologna stefano sindaco

1995 1999  BOLOGNA STEFANO SINDACO

1999 2004 BOLOGNA STEFANO SINDACO

2004 2009 PORTOBELLO  GASPARE SINDACO

2009 2012 PORTOBELLO GASPARE SINDACO

2012 2014 COMMISSARIAMENTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE

2014 BOLOGNA STEFANO SINDACO

ELEZIONI AMMINISTRATIVE A ISOLA DELLE FEMMINE :

1968 19 maggio  ELEZIONI MUNICIPALI VINCENZO DI MAGGIO SINDACO

1973 ELEZIONI MUNICIPALI DI MAGGIO VINCENZO SINDACO

1978  28 MAGGIO ELEZIONI MUNICIPALI DI MAGGIO VINCENZO SINDACO OLTRE ALLA LISTA CIVICA LA TORRE  DI MAGGIO VINCENZO SI CANDIDA LA LISTA DEL P.C.I. CON FRANCESCO PRIVITERA GRUPPO DI MINORANZA CON  LA LISTA DC CANDIDA LODATO GASPARE

1983 26 GIUGNO LISTE; 1) NUOVA ISOLA 2) LA TORRE

1986 22 GIUGNO LISTE: 1) TORRE  2) NUOVA ISOLA DELLE FEMMINE 3) PER ISOLA

1995 14 MAGGIO LISTE: 1) BUON governo 2) ISOLA per tutti 3) PESCATORI DI ISOLA

1999  13 GIUGNO LISTE: 1)NUOVA TORRE  2)ISOLA PER TUTTI

2004 18 GIUGNO LISTE: 1) ISOLA PER TUTTI 2) INSIEME isola delle femmine 3)torre

2009 LISTE: 1) INSIEME PER IL RINNOVAMENTO 2) RINASCITA ISOLANA  3) PROGETTO ISOLA
2014 14 NOVEMBRE LISTE. 1) INSIEME LIBERI DI CAMBIARE 2) UN’ALTRA ISOLA SI.. 3) MOVIMENTO 5 STELLE

2019 31 DICEMBRE DETERMINAZIONE N 982 MAGGIORE CROCE ANTONIO Liquidazione della sesta rata della quota residua di € 350.000,00 del debito fuori bilancio riconosciuto in favore di Lo Bianco+18. BOLOGNA STEFANO, corte dei conti, COSTI AVVOCATI, COSTI CONSULENTI, CROCE ANTONIO, Isola delle Femmine, LO BIANCO, LO JACONO, Palermo, PARTINICO, PUCCIO DEBORAH, STIPENDI AMMINISTRATORI, STIPENDI CAPI SETTORE, TAG,