CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Sunday, July 30, 2017

L'AGORA' DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE Ufficio TRIBUTI sull’orlo di una crisi di nervi CARTELLE PAZZE

DI COSA ABBIAMO DISCUSSO:

  • 2017 LA CRISI DI NERVI CONTINUA ALL’UFFICIO TRIBUTI DI ISOLA DELLE FEMMINE COME NEL 2015 15 LUGLIO BOLOGNA SINDACO CRISI DI
    NERVI ALL’UFFICIO TRIBUTI DI ISOLA DELLE FEMMINE MIGLIAIA DI LETTERE SOLLECITO AI CONTRIBUENTI PER MANCATO PAGAMENTO TARSU 2012  IL GIORNALE DI ISOLA TARSU 2017 
  • CARTELLE PAZZE
  • IL TURISMO A ISOLA DELLE FEMMINE
  • Parchimetri Strisce Blu Autovelox  Multe Turismo
  • IL MISTERO DEI MISTERI IL CIMITERO DI ISOLA DELLE FEMMINE,SERVIZI E DISSERVIZI, REGOLAMENTO CIMITERIALE, PIANO REGOLATORE CIMITERIALE  CONCESSIONE AREE CIMITERIALI GRADUATORIA CONCESSIONE LOCULI SERVIZI DI ESTUMULAZIONE SERVIZI DI TUMULAZIONE REQUISIZIONE LOCULI ANAGRAFE CIMITERIALE ORDINANZE URGENTI E CONTINGIBILI SENTENZE T.A.R. GARE SERVIZIO DI CONTROLLO INVENTARIO CIMITERIALE IL CONSIGLIO COMUNALE LA CRISI CARDIACA DELLA GIUNTA I 500 EURO PER LOCULO CIMITERIALE 
  • La gestione dei Rifiuti
  • I costi della Politica Amministrativa (Sindaco Assessori  Consulenti) Stipendi Gettoni Presenza Telefonini…
  • L’etica degli Amministratori come MODELLO di CITTADINO CIVICO
  • L’etica dei Dirigenti dell’amministrazione come MODELLO di CITTADINO CIVICO
  • Educazione Civica Cittadina
  • L’informazione dell’Amministrazione ai Cittadini
  • La partecipazione dei Cittadini alla vita Politica Amministrativa
 Succedeva
nel 2015 si ripete nel…………….







    LA TERZA LISTA DI COMODO PRONTA A ESSERE RISARCITA


    Stefano Triboto  29 settembre 2016

    PER RECLAMO, SEGNALAZIONE, SUGGERIMENTO SI INTENDE:
    1. reclamo: espressione di disagio manifestata dal cittadino singolo o associato con il quale si evidenzia il malfunzionamento di un servizio garantito dalla Pubblica Amministrazione ovvero di cui l’Amministrazione è direttamente o indirettamente responsabile.
    2. segnalazione: comunicazione da parte del cittadino singolo o associato con la quale l’Amministrazione viene messa a conoscenza di una situazione della quale è direttamente o indirettamente responsabile in grado di produrre situazioni di criticità e/o disservizio.
    3. suggerimento: qualsiasi comunicazione, anche di apprezzamento, da parte del cittadino singolo o associato finalizzata al miglioramento della qualità della vita cittadina o dei servizi offerti.

    Amici, Cittadini vi informo che in questi giorni il responsabile dell'ufficio tributi ha mandato a diversi contribuenti un provvedimento di accertamento per omissione Tari 2014. Molti di questi provvedimenti sono illegittimi visto che molti contribuenti hanno dimostrato di aver regolarmente pagato. 
    Invito tutti i cittadini a contestare l'illegittimità con lettera protocollata come ha fatto un nostro concittadino che mi ha fatto avere copia della contestazione presentata in data 27-7-2017 protocollo n.10964 che allego. Inoltre il comune per l'invio di questi atti, molti dei quali illegittimi ha speso circa 12 euro per singolo invio.  Questo danno erariale chi lo paga? O chi lo dovrebbe pagare? Rispondete





    Valerio Vermiglio Chi è il responsabile ufficio tributi?
    Stefano Triboto Il responsabile del settore tributi è Rappa Rocco Salvatore Ieri alle 11:57Rimuovi
    Stefano Triboto Secondo me se si accerta il danno procurato è da attribuire e quindi da addebitare al responsabile del settore tributi che per svolgere tale funzione percepisce una indennità.

    Rimuovi
    Marina Santaguida Farebbero meglio a chi controllare chi non paga e chi non è inserito neanche nell' elenco dei contribuenti

    Rimuovi
    Pietro Cannella Ma è anche vero che ci sono persone che non possono pagare per mancanza di lavoro e quindi, se un comune che sia vicino ai cittadini dovrebbe controllare chi evade pur avendo le possibilità , e credetemi, a isola come in altri paesi come Carini e dintorni, ce ne sono molti, addirittura a Carini l'aliquota più bassa sulla tari la pagano le banche.


    Rimuovi
    Luca Dionisi Un settore Importante del Comune affidato ad un soggetto non per competenza, ma solamente per vantaggi elettorali. Dunque sicuramente un irresponsabile.

    Rimuovi
    Caterina Giambona Sbaglio o qualche anno fa sono arrivate x errore quelle del 2012 o 2013



    Rimuovi
    Tea Pendolino Mi dispiace per il signor Rappa evidentemente un po' troppo distratto nell'inviare tale contestazione senza esiguire i dovuti approfondimenti.. da non sottovalutare.. questa per me è la seconda contestazione che mi arriva , senza alcun successo per il signor Rappa!!

    Rimuovi
    Eva Montesano Diciamo che qualcuno "Ci prova" contando sul fatto che il cittadino possa essere distratto o che magari possa aver "perduto" le ricevute... che ben vengano le contestazioni se legittime altrimenti che sia il cittadino virtuoso a farsi valere

    Rimuovi
    Eva Montesano Con me è già successo per il 2012 e per il 2015.. quando ho chiesto di protocollare le copie delle ricevute di versamento mi è stato risposto che non c'era bisogno e un mese dopo si sono ripresentati... 😣

    Rimuovi
    Daniela Scala Infattii e'arrivata anche a mia madre ma anche cn.noi hanno fatto un buco nell'acqua xke mia madre l'ha gia'pagata e al piu'presto fara'rettificare l'errore mostrando le ricevute... e cn questo concludo che siete solo una massa di incompetenti e nn vado oltre 
    Rimuovi
    Luca Dionisi Questo Irresponsabile che gestisce i Tributi a Isola già ha sbagliato con la Tari del 2012, di nuovo sbaglia con la Tari del 2014. Ma sempre sbaglia? E ora cu u paga stu dannu?

    Rimuovi
    Eva Montesano Stefano Triboto oggi mi è arrivata l'ennesima contestazione per lo stesso tributo... ma come si fa.. sono stanca

    Rimuovi
    Stefano Triboto Purtroppo questo ufficio tributi non funziona, bisogna che qualcuno intervenga

    Rimuovi
    Eva Montesano Se è lecito: che bippp fare avanti e indietro sempre per le stesse cose.. cambiassero argomenti😉

    Rimuovi
    Stefano Triboto Non mi sembrava vero, pensavo che questa volta me la facevo franca ma mi sbagliavo. Questa sera al rientro in casa dopo una giornata di lavoro l'amara scoperta, il famigerato cartoncino di avviso di giacenza della Fulmine Group. Visto che non ero in casa per venire in possesso della raccomandata, io dovrei andare a Capaci in via D.Sommariva, 62 tra le 14:30 e le 18:30, ritirare la raccomandata per poi recarmi presso ufficio sinistri (film Fantozzi) e dimostrare di aver pagato (TARI 2014 Importo € 724,67). Fortunatamente sono in possesso di tutte le ricevute di pagamento anno per anno sino a quelle del 2016. A proposito del 2016, ho ricevuto lo sconto per aver effettuato circa 500 Kg. di deifferenziata, quindi in regola con tutti i pagamenti che per altro era obligatorio per accedere allo sconto. Ufficio sinistri adesso io non collaborerò più, ho pagato sono in possesso delle ricevute e non intendo dimostrarvi il contrario, a tempo debito mostrerò le ricevute a tutte quelle persone incaricate dai recupero crediti presso casa mia per riscuotere quanto dovuto con il massimo di danno erariale causato dalla vostra e ripetuta superficialità, visto che già vi è un precedente del 2012.

    2017 29 LUGLIO BOLOGNA SINDACO EQUITALIA ROCCO RAPPA FULMINE GROUP STEFANO TRIBOTO RICEVUTA ACCERTAMENTO TAR 2014 

    Eva Montesano Ma anch'io ho le ricevute e le ho già prodotte ben due volte in copia.. gli piace che andiamo a riempirgli gli uffici


    Isola delle Femmine, l’opposizione fa riaprire i termini per ottenere il “Bonus Tari” (Video)

    Riaperti i termini, per i cittadini di Isola delle Femmine, che vogliono presentare istanza per ottenere il bonus Tari, previsto per i contribuenti virtuosi che eseguono correttamente la raccolta differenziata dei rifiuti. La scadenza, fissata per lo scorso 28 febbraio è slittata al 14 aprile. Ciò grazie a degli emendamenti presentati dall’opposizione e approvati dal Consiglio Comunale.
    Nel corso della stessa seduta consiliare, è stato rinviato il dibattito sull’emergenza cimiteriale su cui, il gruppo del Pdr aveva chiesto chiarimenti alla Giunta Bologna.






    Rubino Antonino ha condiviso un link.
    Sconto TARI: occhio alle notizie “scorrette” propagandate dall’Amministrazione
    In questi giorni la cittadinanza è stata tempestata di notizie circa lo sconto sulla TARI 2017 per aver contribuito alla raccolta differenziata nell’anno 2016.
    Molte delle notizie diffuse non sono esatte e hanno generato false aspettative fra i cittadini. Adesso proveremo a spiegare brevemente come stanno le cose. Prima, però, dobbiamo fissare questi 2 concetti base che ogni cittadino deve conoscere:
    1. La TARI si compone di una parte fissa e una parte variabile che nel nostro caso hanno un peso di circa il 50% ciascuna. Per esempio, se un cittadino paga un tributo TARI di € 250,00 deve sapere che circa 125,00 sono parte fissa e circa 125,00 sono parte variabile.
    2. Lo sconto sulla TARI è applicabile solo sulla parte variabile fino ad un massimo del 100%.
    Ora, se un bravo cittadino è riuscito ad entrare nella prima fascia di sconto, quella dei 200,00 euro per intenderci, è portato a pensare che il proprio tributo per il 2017 sarà scontato esattamente di € 200,00. Quindi, riprendendo l’esempio di prima, il cittadino è indotto a pensare: € 250,00 è il tributo, meno € 200,00 di sconto: per quest’anno devo pagare € 50,00.
    E qua casca l’asino!
    Che non è il cittadino ma chi diffonde e propaganda l’informazione “scorretta”. Per dirla in termini social potremmo essere dinnanzi una fake-news.
    Riprendendo l’esempio di prima, un cittadino che paga un tributo TARI di € 250,00, e che è stato bravo a fare la differenziata tanto da ottenere uno sconto di € 200,00, in realtà di questo sconto potrà ottenerne soltanto € 125,00 perché questa è la sua parte variabile del contributo.
    Quindi: € 250,00 è il tributo, meno € 125,00 di sconto massimo applicabile: per quest’anno dovrà pagare € 125,00.
    E per i restanti € 75,00 di sconto non usufruito? Il gruppo di opposizione ritiene che questo sconto il cittadino non debba perderlo e per questo motivo ha chiesto di tornare nuovamente in aula quando tutti i numeri saranno chiari e conosciuti all’Ufficio Tributi. L’idea è di destinare queste somme “non utilizzabili” nella TARI 2017 per scontare la TARI 2018.
    Inoltre, abbiamo riaperto i termini di presentazione della domanda fino al 15 di aprile dopo che l’Amministrazione li aveva inspiegabilmente chiusi il 28 di febbraio, prima della pronuncia del Consiglio Comunale. Per chi non lo sapesse, la competenza della TARI è del Consiglio e non del Sindaco o della Giunta. Se il gruppo di opposizione non avesse sollevato questo problema, si sarebbe arrivati al seguente paradosso: il bonus istituito il 15 marzo e la domanda di adesione scaduta il 28 febbraio …
    E pensare che quando abbiamo fatto notare questo paradosso, qualche consigliere di maggioranza, articolando e ponderando parole e paroloni, sembrava voler dire peggio per il cittadino che non conosce le leggi e i regolamenti …

    GRUPPO PDR
    TARI 2017: con una mano ti do e con l’altra ti tolgo
    La TARI 2017 doveva essere il primo vero momento di discontinuità col passato perché proprio dal 2017 è entrato a regime il Piano ARO, la cui gestione è stata affidata all’AGESP. Tradotto: per il 2017 il costo della raccolta dei rifiuti solidi urbani (RSU) avrebbe dovuto subire un taglio netto, con una conseguente riduzione della TARI 2017. E invece NO!!!
    E qui viene fuori la sorpresa: il costo del servizio per il 2017 è stimato in € 1.542.375,29 in rialzo di € 50.000 rispetto al costo sostenuto per il 2016 pari a € 1.492.144,40. Maggioreee?!?! Ma com’è possibile?
    Come se non bastasse, per sostenere questi costi presunti, ai cittadini è stato chiesto un contributo TARI 2017 uguale a quello del 2016 e cioè € 1.601.011,77. Quindi rispetto alla stima di € 1,54 mln ai cittadini viene prelevato € 1,60 mln: perbacco sono € 50.000,00 in più!
    Ma perché nonostante l’entrata a regime dell’ARO i costi vengono stimati al rialzo? Perché?
    Se l’AGESP ha vinto la gara per circa € 894.485,64 l’anno, com’è che i costi RSU lievitano fino ad arrivare a € 1.542.375,29? Non scherziamo: sono quasi 650 mila euro in più! Quasi ci finanziamo un’altra ARO!
    È chiaro che vanno sommati i costi di conferimento in discarica, i costi del trattamento delle frazioni differenziate, il costo del personale Temporary. Ma vanno anche detratti i risparmi per la minore produzione di rifiuti, i risparmi per il minore conferimento in discarica del rifiuto indifferenziato, risparmi ottenuti dai contributi CONAI, COMIECO, COREPLA e COREVE, i risparmi per il trasferimento fino alla discarica di Bellolampo e non più fino a Siculiana.
    Basterebbero già queste considerazioni per aspettarsi un sostanziale risparmio o un NON aumento rispetto al 2016. Ma c’è clamorosamente di più!!!
    Rispetto al 2016 è cessato il contratto di servizio per la raccolta differenziata con la ECOGESTIONI che ci è costato € 87.406,74. Nel 2017 il servizio della raccolta differenziata sarà svolto dalla AGESP senza aumento dei costi rispetto a quanto offerto in gara.
    Quindi, senza fare uno sforzo estremo di calcolo, una cosa l’abbiamo capita tutti: come minimo per il 2017 l’Amministrazione avrebbe dovuto stimare un taglio di 87 mila euro che avrebbe abbassato la stima dei costi totali da € 1,54 mln a € 1,45 mln. Su questo ragionamento il gruppo di opposizione ha presentato un emendamento che avrebbe ridotto la TARI 2017 per tutti i cittadini OLTRE il bonus per quelli che hanno differenziato con la card. Chiaramente, neanche a scriverlo, l’emendamento è stato bocciato.
    Dunque a conti fatti, per coprire un costo che si dovrebbe attestare su € 1,45 mln, l’Amministrazione ne preleva € 1,6 mln: circa 150 mila euro in più…
    E quant’è il budget stanziato per il tanto propagandato bonus TARI? Poco più di 120 mila euro!
    Ma vuoi vedere allora che questo sconto per i cittadini se lo stanno finanziando i cittadini stessi? Vuoi vedere che con una mano ti do e con l’altra ti tolgo?
    Avete presente quei negozianti furbetti che vengono beccati ad aumentare il prezzo dei propri prodotti prima della stagione dei saldi? Avete presente, no? Un pantalone costa € 70,00. Qualche settimana prima dei saldi viene aumentato a € 100,00. Quando scattano i saldi viene pubblicizzato lo sconto del 30% che lo riporta ad € 70,00.
    Probabilmente l’esempio non calza…eppure qualcosa torna!!!
    Caos all’ufficio tributi di Isola: migliaia di lettere  di pagamento TARSU




    2015 15 luglio
    In questi giorni sono stati in molti a Isola delle Femmine a ricevere una lettera dal Comune con cui si sollecitano i contribuenti che hanno un’immobile a Isola a pagare la Tassa per lo smaltimento dei rifiuti
    solidi urbani (TARSU, oggi TARI) dell’anno 2012, più una somma a titolo di sanzioni e gli interessi legali.
    Anche se è vero che l’evasione della tassa negli anni
    passati c’è stata da parte di alcuni cittadini, anche a causa della disastrosa gestione del problema rifiuti da parte dell’Ato, il sollecito è arrivato a fin troppe persone, molte delle quali (forse la maggior parte) la tassa l’hanno pagata per davvero. Nasce il sospetto che le lettere siano state mandate indiscriminatamente a tutti (o quasi) e lo si vedrà nei prossimi giorni, quando l’ufficio tributi verrà preso d’assalto. Coloro che hanno pagato regolarmente la tassa, infatti, hanno 60 giorni di tempo dal ricevimento della lettera per
    rivolgersi direttamente all’ufficio tributi del Comune, sito in Piano Levante n. 14, per chiedere l’annullamento del provvedimento in sede di autotutela. Il problema si pone però innanzitutto per quanto riguarda quei soggetti che, pur avendo pagato la Tarsu, non hanno la ricevuta del pagamento e si preannunciano centinaia di ricorsi. In attesa che si faccia chiarezza sulla dinamica degli
    eventi, poniamo intanto al funzionario responsabile, Rocco Salvatore Rappa, al segretario comunale dott.ssa Anna 
    Genova e al sindaco Stefano Bologna, alcune semplici domande a cui dovrebbero rispondere per rispetto alla cittadinanza:
    1) Chi ha autorizzato la spedizione di questi avvisi
    senza verificare i pagamenti?
    2) Quanto è costato complessivamente l’invio di tali
    lettere?
    3) A chi spettava il controllo dei versamenti?
    4) Cosa deve fare il cittadino che non trova la ricevuta del pagamento?
    5) Il cittadino che ha pagato potrà essere risarcito per il disagio ricevuto?

    Speriamo di ricevere delle risposte chiare nel più breve tempo possibile e nei prossimi giorni solleciteremo ulteriormente   l’amministrazione.
    Una cosa è certa:
    in tempi di crisi non può accadere che un Comune invii migliaia di lettere di sollecito di pagamento indiscriminatamente a tutti, senza alcuna verifica. In un paese pulito, che fa la raccolta differenziata, non
    sono ammessi errori nella gestione della tassa. Bisogna garantire il servizio facendo pagare tutto a tutti. È finito il tempo degli amici: pagare tutti,
    pagare meno, chi più differenzia meno paga, queste devono essere le parole d’ordine che devono indirizzare la gestione amministrativa. Non certamente: chi paga, paga due volte!
    di Eliseo Davì




    Giuseppe Ciampolillo
    25 luglio alle ore 20:03  chiarimento di quello che avviene nel settore TRIBUTI: 
    ARTICOLO 107 d. lgs. 267/2000 (Testo unico enti locali)


    Art. 107. Funzioni e responsabilità della dirigenza

    1. Spetta ai dirigenti la direzione degli uffici e dei servizi secondo i criteri e le norme dettati dagli statuti e dai regolamenti. Questi si uniformano al principio per cui i poteri di indirizzo e di controllo politico- amministrativo spettano agli organi di governo, mentre la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica è attribuita ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo.


    2. Spettano ai dirigenti tutti i compiti, compresa l'adozione degli atti e provvedimenti amministrativi che impegnano l'amministrazione verso l'esterno, non ricompresi espressamente dalla legge o dallo statuto tra le funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo degli organi di governo dell'ente o non rientranti tra le funzioni del segretario o del direttore generale, di cui rispettivamente agli articoli 97 e 108.
    3. Sono attribuiti ai dirigenti tutti i compiti di attuazione degli obiettivi e dei programmi definiti con gli atti di indirizzo adottati dai medesimi organi, tra i quali in particolare, secondo le modalità stabilite dallo statuto o dai regolamenti dell'ente:
    a) la presidenza delle commissioni di gara e di concorso;
    b) la responsabilità delle procedure d'appalto e di concorso;
    c) la stipulazione dei contratti;
    d) gli atti di gestione finanziaria, ivi compresa l'assunzione di impegni di spesa;
    e) gli atti di amministrazione e gestione del personale;
    f) i provvedimenti di autorizzazione, concessione o analoghi, il cui rilascio presupponga accertamenti e valutazioni, anche di natura discrezionale, nel rispetto di criteri predeterminati dalla legge, dai regolamenti, da atti generali di indirizzo, ivi comprese le autorizzazioni e le concessioni edilizie;
    g) tutti i provvedimenti di sospensione dei lavori, abbattimento e riduzione in pristino di competenza comunale, nonché i poteri di vigilanza edilizia e di irrogazione delle sanzioni amministrative previsti dalla vigente legislazione statale e regionale in materia di prevenzione e repressione dell'abusivismo edilizio e paesaggistico-ambientale;
    h) le attestazioni, certificazioni, comunicazioni, diffide, verbali, autenticazioni, legalizzazioni ed ogni altro atto costituente manifestazione di giudizio e di conoscenza;
    i) gli atti ad essi attribuiti dallo statuto e dai regolamenti o, in base a questi, delegati dal sindaco.
    4. Le attribuzioni dei dirigenti, in applicazione del principio di cui all'articolo 1, comma 4, possono essere derogate soltanto espressamente e ad opera di specifiche disposizioni legislative.
    (La norma deve intendersi integrata dall'articolo 53, comma 23, legge n. 388 del 2000 come modificato dall'art. 29, comma 4, legge n. 448 del 2001)
    5. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente testo unico, le disposizioni che conferiscono agli organi di cui al capo I titolo III l'adozione di atti di gestione e di atti o provvedimenti amministrativi, si intendono nel senso che la relativa competenza spetta ai dirigenti, salvo quanto previsto dall'articolo 50, comma 3, e dall'articolo 54.
    6. I dirigenti sono direttamente responsabili, in via esclusiva, in relazione agli obiettivi dell'ente, della correttezza amministrativa, della efficienza e dei risultati della gestione.
    7. Alla valutazione dei dirigenti degli enti locali si applicano i principi contenuti nell'articolo 5, commi 1 e 2, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, secondo le modalità previste dall'articolo 147 del presente testo unico.

    FONTE DELL'INFORMAZIONE:









    4 AMICI AL BAR, 500 EURO, ALONGI, CARTELLE PAZZE, CEV, ciampolillo, CIMITERO, CROCE ANTONINO, DE BLASI FORTUNATO, EQUITALIA, FACEBOOK, MANNINO, MONTI MASSIMO, RAPPA ROCCO, GRADINO, TRIBOTO, TRIBUTI, Turismo, VERMIGLIO,

    No comments: