CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Wednesday, May 03, 2017

Borgetto: sciolto il comune per mafia. Era ora Operazione Kelevra, rapporti tra Sindaco e vicesindaco di Borgetto ed esponenti di Cosa Nostra. Documentati, ma non possono essere incriminati

Borgetto: sciolto il comune per mafia. Era ora



ED ANCHE QUESTA È FATTA. L’AVEVAMO ANNUNCIATO E IN UN CERTO MOMENTO AVEVAMO ANCHE PREVISTO CHE L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI BORGETTO NON AVREBBE MANGIATO IL PANETTONE, INVECE È RIUSCITA A MANGIARE LA COLOMBA E OGGI È STATA MANDATA A CASA, IL COMUNE È STATO SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE.
Questa decisione segue l’autoscioglimento del Consiglio Comunale che prudentemente aveva preferito abbandonare tutto qualche tempo prima e affidare il suo ruolo a un commissario. Altri tre commissari, inviati dal prefetto, avevano messo sottosopra gli archivi del Comune, esaminato delibere, interrogato il personale e predisposto una relazione, dalla quale poi l’attuale prefetto ha tratto gli elementi per formulare al ministro degli Interni Minniti la sua richiesta di scioglimento. Ci si può solo chiedere perché ci hanno messo tanto, visto che nei rapporti degli stessi carabinieri di Partinico questa proposta era chiara, al punto da chiedere l’arresto del sindaco di Borgetto. Un altro commissario adesso sarà nominato per sostituire il sindaco e farne le funzioni, in attesa che il Ministro degli Interni Minniti, nello stesso modo in cui ha proceduto allo scioglimento non disponga di una data per nuove elezioni. Attenzione, il commissariamento potrebbe durare anche anni, in attesa di una bonifica che accerti come le condizioni che hanno portato allo scioglimento siano state rimosse.
Chi ci segue avrà da tempo ascoltato e visto i nostri servizi nei quali, da tre anni denunciamo disservizi, anomalie, strani modi di dare appalti incarichi e di scrivere delibere con le quali abbiamo denunciato le varie zone d’ombra e i nascosti intrecci con i quali si sono mossi sindaco ed assessori nel distribuire le magre risorse del comune a un gruppo ristretto di amici eletti dietro precisi accordi e che hanno amministrato le magre risorse comunali privilegiando familiari e amici dietro i quali ci stavano i soliti malacarne. Al momento questi continuano a tenere il paese sotto scacco e rappresentano i volti emergenti di una mafia che aveva ed ha imposto alle attività commerciali il pizzo, che non hanno esitato a ricorrere a violenze e minacce per spremere a chi lavora una parte di quello che è stato guadagnato. L’operazione Kelevra, quella nella quale l’obiettivo principale era di incastrare Pino Maniaci, in un contorno di mafiosi locali, andava letta proprio nel contorno e nelle intercettazioni che indicavano come reali estorsori i vari Giambrone, Salto e i loro amici. Interessante il caso di Benny Valenza, al quale è stato chiesto il pizzo, che egli si è rifiutato da pagare.
E del resto sarebbe bastato leggere attentamente quello che si diceva nel video incriminato e diffuso in tutta Italia per dimostrare che Maniaci era un estorsore. La ripresa in cui  il sindaco De Luca in bella mostra contava i 460 euro a Maniaci era troppo evidente per non lasciare il sospetto che fosse precostruita ma già lì stesso c’era di che indagare: Maniaci che dice al sindaco di Borgetto di potere rivolgersi al Prefetto perché “Vito Spina non ce l’ho io in giunta” fa già un atto d’accusa sia al Sindaco, che sa bene che cosa c’è dietro alcuni rami della sua giunta, sia al suo vice sindaco, ma nessuno ha notato che questo era il nocciolo della questione ovvero che il sindaco, se pagava era per nascondere qualcosa che non andava, ovvero le presenze mafiose nella sua giunta. Maniaci avrà la possibilità di dimostrare nel processo che i famigerati 460 euro erano il pagamento della pubblicità al locale La Carcara, intestato alla moglie del sindaco. Ma anche qua era normale chiedersi “perché 460 euro e non cinquecento, tanto per fare un conto pari?”. Ci si sarebbe potuto chiedere: perché, visto che c’era la fragranza di reato, Maniaci non è stato arrestato? Oppure perché non si è proceduto contro il sindaco che non ha denunciato l’estorsione? Il perché è evidente: ai registi di questa operazione non importava incriminare il sindaco dal momento che si era prestato alla sceneggiata della ripresa: almeno non in quel momento.
MA TORNIAMO AL COMUNE: 
Nel rapporto dei carabinieri nell’operazione Kelevra leggiamo:
Il rapporto tra politica e mafia è certamente uno degli aspetti piu inquietanti dell inchiesta. La famiglia mafiosa di Borgetto aveva rivolto la sua attenzione non solo alla popolazione locale coinvolta nelle varie articolazioni delle attività lecite o illecite ma agli strati più alti politici e amministratori locali legati in un modo o nell’ altro ai mafiosi. I primi indizi rivelatori di questo rapporto di contiguità ed ingerenza della famiglia mafiosa nella politica trapelavano in alcune intercettazioni captate tra Russo Daniela e Giambrone Antonino nel periodo in cui quest’ ultimo rivestiva la carica di reggente della famiglia mafiosa borgettana. Il 5 ottobre 2012 in una telefonata Russo Daniela rappresentava al boss la realizzazione di un lavoro che sarebbe presto andato in porto essendo arrivati i finanziamenti. La donna nel prosieguo della conversazione riferiva che per entrare nell’associazione ogni iscritto deve portare 5 voti da assegnare ad un politico per le prossime elezioni. Giambrone chiedeva all’interlocutrice se fosse una cosa lecita. La donna riferiva che in politica tutto fosse consentito. Russo Daniela informava l’indagato che i posti di lavoro sarebbero stati assegnati solo dopo avere riscontrato nelle sezioni il numero dei voti pervenuti e controllato che il soggetto segnalato avesse effettivamente votato in quella sezione. La donna riferiva che in casi estremi potevano essere elargite anche somme di denaro di 30 e 50 euro per comprare i voti.  Il  monitoraggio dell utenza telefonica in suo a Russo Daniela consentiva di dimostrare che la donna stesse procacciando voti per tale Figuccia Vincenzo. Nelle elezioni regionali del 28 ottobre 2012 Figuccia Vincenzo veniva eletto al consiglio regionale siciliano nelle liste del partito MPA Movimento per l’autonomia facente capo a Micciche Gianfranco con 7433 voti di preferenza. Il suddetto politico figlio di Figuccia Angelo capogruppo del partito MPA attualmente consigliere comunale di Palermo avendo riportato 1080 voti di preferenza. 
deluca_telejatoIl 9 e 10 giugno 2013 nel comune di Borgetto DE LUCA Gioacchino veniva eletto sindaco con 2176 voti. Nella lista Svolta Popolare presentata dal candidato sindaco De Luca Gioacchino i primi due consiglieri eletti in ordine di preferenze erano stati Riina Vito 469 preferenze e Polizzi Gioacchino 418 preferenze quest’ultimo marito della nipote dell indagato Giambrone Giuseppe, Il dato non poteva che mettere in risalto una sospetta ingerenza nell’amministrazione comunale della famiglia mafiosa di Borgetto. 
Le risultanze descritte consentivano di ritenere riscontrata in termini di gravità indiziaria non solo l’accusa del voto di scambio ma di concorso esterno nel reato associativo. Le indagini dimostravano non solo l’esistenza di un accordo politico elettorale tra la famiglia mafiosa SALTO GIAMBRONE e i vertici dell’amministrazione comunale di Borgetto avente per oggetto la promessa di voti in cambio dell’affidamento di lavori alla paletta in suo ai congiunti Riina ma il coinvolgimento degli indagati in attività illecite poste in essere per agevolare il sodalizio criminale nel conseguimento dei profitti illeciti.
Saltando tutti i passaggi, dai quali si rileva un continuo rapporto tra il sindaco De Luca, il suo vice Vito Spina e i Fratelli Fabio e Vito Riina per l’utilizzo di una “paletta”, per la raccolta dei rifiuti, con continui esborsi di denaro per noleggio, carburante, riparazioni, andiamo alla conclusione:
L’ultimo tassello che andava a completare l’impianto accusatorio si aveva nell’incontro tra il sindaco De Luca Gioacchino e il boss Salto Nicolò. Nella mattinata del 24 febbraio 2015 nel corso di un servizio di osservazione i carabinieri notavano entrare nell’ufficio postale di Borgetto il capofamiglia Salto Nicolò. Dopo circa 10 minuti sopraggiungeva il sindaco De Luca. Quest’ultimo accortosi della presenza del mafioso si avvicinava salutandolo calorosamente con una stretta di mano e un abbraccio. I due indagati iniziavano a parlare tra loro a bassa voce ma notata la presenza dei militi subito si allontanavano. Il che sulla scorta di tutti gli elementi sopra stigmatizzati cristallizzava definitivamente la commistione politico mafiosa.
NOTA:
Per chi volesse approfondire l’argomento ecco altri brani e commenti di episodi che documentano lo stretto rapporto tra il sindaco e i suoi sodali mafiosi ai quali affidava lavori di raccolta dei rifiuti tramite la ormai famosa “paletta”: 
Qualche giorno dopo l’insediamento della nuova amministrazione comunale Giambrone Giuseppe e il figlio Francesco a bordo dell autovettura Lancia Ypsilon si fermavano a parlare con il consigliere di maggioranza neo eletto Riina Vito primo eletto dei candidati nella lista del sindaco De Luca Gioacchino. Dall’esterno del veicolo la voce di una persona riconosciuta senza margine di dubbio in Riina Vito. I congiunti Giambrone commentando l’elezione del consigliere ritenevano che lo stesso avesse ricevuto troppi voti “MINCHIA SBAZZICASTI HAI SBANCATO NDR PER? SEI STATO ESAGERATO NE POTEVI DARE A QUALCUNO PI? A SCARSO”. A loro dire una parte delle preferenze poteva essere destinata ad altri candidati della lista. Tale espressione faceva presagire che la famiglia mafiosa si fosse adoperata nella spartizione delle preferenze elettorali tra soggetti di comodo. Riina Vito cercava di giustificarsi sul numero di voti ricevuti. Giambrone Giuseppe parlando del genero Polizzi Gioacchino secondo consigliere di maggioranza eletto della lista presentata dal sindaco De Luca riferiva di avergli destinato 78 voti. L’intercettazione non lasciava dubbi sul fatto che Cosa Nostra avesse svolto un ruolo decisivo nel favorire l elezione di taluni personaggi dell’ amministrazione  comunale appartenenti alla lista presentata dal sindaco De Luca. 
De Luca Gioacchino all’atto dell’insediamento nominava assessori di giunta Marco Briguglio, Giuseppina Grippi, Giuseppe Pirreca e Vito Spina. Quest’ultimo ricopriva anche la carica di vice sindaco. Nei mesi successivi all’insediamento nonostante la sostituzione di alcuni assessori il sindaco De Luca ha sempre confermato nella giunta e nella carica di vice sindaco l’assessore Vito Spina. Le competenze dell’assessore Vito Spina venivano perfino ampliate al punto che lo stesso era responsabile dei settori piu importanti e delicati dell amministrazione locale urbanistica, infrastrutture, edilizia pubblica privata, servizi a rete cimiteroservizi cimiteriali e politiche comunitarie. 
L’effettiva esistenza di un accordo politico mafioso per il sostegno elettorale veniva disvelata dagli stessi indagati. Infatti Salto Nicolò per sottolineare i comportamenti negativi tenuti dai due politici ammetteva che costoro una volta vinte le elezioni non avevano più mostrato riconoscenza nei loro confronti. Questa affermazione veniva tuttavia stemperata da Giambrone Giuseppe il quale ricordava all’interlocutore due importanti aspetti. Il primo relativo all’assicurazione che aveva ricevuto sull’elargizione di una somma aggiuntiva di denaro da destinare al capofamiglia Salto Nicolò che sarebbe stata detratta dalla parte destinata allo stesso Giambrone. Di analogo tenore la seconda considerazione che riguardava l’accordo stipulato con loro sindaco e assessore Spina in merito all’utilizzo di una ruspa mezzo meccanico che il Comune doveva noleggiare almeno cinque volte al mese garantendo agli indagati un guadagno di 15 euro per ogni singolo impiego del mezzo: “NOI ALTRI ABBIAMO 15 EURO SU UNA RUSPA ED IL COMUNE LA DEVE PRENDERE”.
Ciò comprovava in termini di assoluta gravità che il sindaco De Luca fosse pienamente consapevole che quella mattina la solita ruspa sarebbe servita alla famiglia mafiosa per sistemarsi la strada davanti la propria abitazione ma lo stretto legame di cointeressenza illecita tra i congiunti Riina utilizzatori di fatto della ruspa e gli esponenti di Cosa Nostra. 
Il riscontro che dietro la paletta dei congiunti Riina si nascondessero gli interessi della famiglia mafiosa di Borgetto emergeva con evidenza plateale nella telefonata intercetta. Riina Fabio dopo avere accettato l’incarico del vice sindaco telefonava a Petruso Salvatore, ditta posta sotto la gestione della famiglia Giambrone, riferendo che non gli avrebbe sottratto il lavoro. Petruso senza aggiungere altro consapevole evidentemente che dietro Riina ci fosse l’appoggio della famiglia mafiosa riferiva che non doveva in alcun modo preoccuparsi. Riina Fabio rappresentava che non ci sarebbero stati problemi in quanto tutto restava in famiglia “STATI TRANQUILLO STAI TRANQUILLO QUA IN FAMIGLIA SIAMO”. Sul punto? Doveroso precisare che tra i Riina e i Petruso non sussistono rapporti di parentela. Il temine famiglia era chiaramente riferito alla famiglia mafiosa.
Via libera del consiglio dei ministri alla commissione straordinaria: gestirà l’ente per un anno e mezzo

Il comune di Borgetto è stato sciolto per mafia. Lo ha deciso il consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno Marco Minniti. La gestione del Comune palermitano sarà affidata per diciotto mesi a una commissione straordinaria, come riporta una nota diramata dal consiglio dei ministri. “Il Comune - si legge nella nota - era stato oggetto di scioglimento ordinario e affidamento a un commissario straordinario a causa delle dimissioni rassegnate dalla quasi totalità dei consiglieri”.
 
All’origine del primo scioglimento dell'amministrazione, dunque, motivi tecnici che giustificavano la nomina di un commissario, secondo quanto prevede l’articolo 141 del decreto legislativo 267 del 2000 (il testo unico degli enti locali). Ma lo scioglimento per mafia è notizia delle ultime ore, messa nero su bianco dal consiglio dei ministri; il comunicato parla di “ingerenze da parte della criminalità organizzata che hanno esposto l’ente a pesanti condizionamenti”. Da qui, la commissione straordinaria.
 
“Lo scioglimento per infiltrazione mafiosa del comune di Borgetto conferma che Pino Maniaci aveva ragione sulle collusioni con Cosa Nostra all’interno dell’amministrazione - ha dichiarato l’ex pm Antonio Ingroia - e rappresenta un’ulteriore dimostrazione del fatto che non è mai stato un estortore, in particolare non ha mai estorto denaro cercando di impaurire


 le sue presunte vittime sulla base di notizie false inventate allo scopo”.
 
L’ex magistrato, oggi avvocato, assiste il giornalista e direttore di Telejato dall’accusa di estorsione proprio al sindaco di Borgetto, in cambio di una “cronaca soft” sul suo tg.



Operazione Kelevra, rapporti tra Sindaco e vicesindaco di Borgetto ed esponenti di Cosa Nostra. Documentati, ma non possono essere incriminati


L’operazione prende l’avvio nel 2013 per scoprire se il sindaco di Borgetto aveva “amicizie pericolose” con i mafiosi. Pino Maniaci aveva denunciato da Telejato, da tempo, le strane parentele di un consigliere comunale con alcuni mafiosi e agitato l’ipotesi che dietro l’elezione del sindaco di Borgetto Gioacchino De Luca ci fosse la mafia. In particolare si era soffermato su una visita fatta dal sindaco, con alcuni esponenti del Consiglio Comunale, negli Stati Uniti, dove, ad accogliere la delegazione, sarebbero stati presenti noti esponenti mafiosi. Aveva poi precisato che altri mafiosi avrebbero accolto la delegazione al rientro dagli Stati Uniti. A seguito di un suo redazionale incentrato sulla presidente del Consiglio Comunale, Elisabetta Liparoto, anche lei in visita in America, Maniaci si era beccato una denuncia per diffamazione, alla quale era seguita un’altra denuncia da parte del sindaco De Luca, secondo cui Maniaci avrebbe danneggiato l’immagine di Borgetto. Non si sa se le intercettazioni al sindaco De Luca siano nate dalle accuse di Maniaci o da altri elementi d’indagine. A seguito di queste intercettazioni, in particolare di una tra l’ex sindaco Davì e un certo Polizzi, consigliere comunale, si sarebbe scoperto “per caso” che Maniaci aveva “tappiato” Polizzi, cioè gli avrebbe commissionato duemila euro per magliette con la scritta Telejato, senza pagargliele. Quindi il caso di Maniaci entrerebbe nell’indagine per via  traversa, con una spontanea domanda: se si voleva incriminare Maniaci, perché inserirlo dentro un’indagine che con lui non aveva nulla a che fare? L’ipotesi più facile è quella che tutta l’operazione Kelevra sia stata concepita, non, o non solo e non tanto  per inchiodare i mafiosi di Borgetto, ma per incastrare Maniaci in una “degna” cornice.

E tuttavia il rapporto fatto dai Carabinieri di Partinico su tutta l’operazione conferma le accuse di Maniaci e pone alcuni interrogativi:
DAVÌ
Sono 31 gli imputati per i quali i carabinieri chiedono misure cautelari, una delle quali è l’arresto. Tra di questi c’è l’ex sindaco Giuseppe Davì, perché, in concorso con Giuseppe Maniaci al fine di procurarsi un ingiusto profitto con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso anche in tempi diversi, nella sua qualità di sindaco pro tempore, costringeva l’assessore Polizzi Gioacchino ad acquistare una partita di magliette per un importo di euro 2.000 e pagare tre mensilità per l’affitto dell’abitazione a favore dello stesso direttore di Telejato con corrispondente danno della predetta persona offesa. Del fatto ci siamo occupati più volte. Le magliette non sono mai state fatte e Maniaci le avrebbe casomai commissionate, ma non poteva costringere Polizzi ad acquistarle. Che se ne doveva fare? Sappiamo che Polizzi ha ridimensionato le sue accuse, intercettate in una telefonata di sfogo, che è stato accusato per tale ritrattazione e che Davì non è stato neanche interrogato. Ma Davì, da tutto ciò non ha avuto niente, altro che ingiusto profitto!
DE LUCA E SPINA
Richiesta di misure cautelari anche per il sindaco Gioacchino De Luca, per Vito Spina vicesindaco, e per  Fabio Riina Vito “perchè in concorso tra loro con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso a fronte del sostegno elettorale ricevuto dall’ associazione mafiosa Cosa Nostra nelle elezioni amministrative del 9 e 10 giugno 2013 commissionavano l’appalto di lavori pubblici alla paletta targata AAJ018 di proprietà della Sicil Contractor srl e di fatto in uso a Riina Fabio e Riina Vito per procurare un ingiusto profitto agli esponenti della famiglia mafiosa di Borgetto pari all’importo di 15 euro per ogni noleggio del mezzo. In Borgetto dal 2013 e sino alla data odierna”. 15 euro. Vietato ridere.
Nel rapporto si legge: “Il rapporto tra politica e mafia è certamente uno degli aspetti più inquietanti dell’inchiesta. La famiglia mafiosa di Borgetto aveva rivolto la sua attenzione non solo alla popolazione locale coinvolta nelle varie articolazioni delle attività lecite o illecite ma agli strati più alti politici e amministratori locali legati in un modo o nell’altro ai mafiosi. I primi indizi rivelatori di questo rapporto di contiguità ed ingerenza della famiglia mafiosa nella politica trapelavano in alcune intercettazioni captate tra Russo Daniela e Giambrone Antonino nel periodo in cui quest’ultimo rivestiva la carica di reggente della famiglia mafiosa borgettana. Il 5 ottobre 2012 in una telefonata Russo Daniela rappresentava al boss la realizzazione di un lavoro che sarebbe presto andato in porto essendo arrivati i finanziamenti. La donna nel prosieguo della conversazione riferiva che per entrare nell’associazione ogni iscritto deve portare 5 voti da assegnare ad un politico per le prossime elezioni. Giambrone chiedeva all interlocutrice se fosse una cosa lecita La donna riferiva che in politica tutto fosse consentito e informava l’indagato che i posti di lavoro sarebbero stati assegnati solo dopo avere riscontrato nelle sezioni il numero dei voti pervenuti e controllato che il soggetto segnalato avesse effettivamente votato in quella sezione. La donna riferiva che in casi estremi potevano essere elargite anche somme di denaro di 30 e 50 euro per comprare i voti.
Daniela Russo sosteneva la campagna elettorale di Figuccia Vincenzo, come si rileva in una telefonata intercettata il 27 ottobre 2012, prima delle elezioni regionali in cui Figuccia ringraziava la donna per l’impegno profuso nel procacciare i voti soprattutto a Borgetto. Tale affermazione non lasciava dubbio alcuno come dimostrato dai riscontri intercettivi che il sostegno da Borgetto sarebbe arrivato dalla famiglia mafiosa. Nelle elezioni regionali del 28 ottobre 2012 Figuccia veniva eletto al consiglio regionale siciliano nelle liste del partito MPA Movimento per l’Autonomia facente capo a Gianfranco Miccichè con 7.433 voti di preferenza. Il suddetto politico è figlio di Figuccia Angelo capogruppo del partito MPA attualmente consigliere comunale di Palermo avendo riportato 1.080 voti di preferenza.
Ma torniamo a Borgetto: nel rapporto si legge: “Il 9 e 10 giugno 2013 nel comune di Borgetto De Luca Gioacchino veniva eletto sindaco con 2.176 voti. Nella lista Svolta Popolare presentata dal candidato sindaco De Luca Gioacchino i primi due consiglieri eletti in ordine di preferenze erano stati Riina Vito con 469 preferenze e Polizzi Gioacchino, con 418 preferenze, quest’ultimo marito della nipote dell’indagato Giambrone Giuseppe. Il dato non poteva che mettere in risalto una sospetta ingerenza nell’amministrazione comunale della famiglia mafiosa di Borgetto. In altra intercettazione Giambrone Giuseppe parlando del genero Polizzi Gioacchino secondo consigliere di maggioranza eletto della lista presentata dal sindaco De Luca, riferiva di avergli destinato 78 voti. L’intercettazione non lasciava dubbi sul fatto che Cosa Nostra avesse svolto un ruolo decisivo nel favorire l’elezione di taluni personaggi dell’amministrazione comunale appartenenti alla lista presentata dal sindaco De Luca. Una serie di successive intercettazioni, a partire da un mancato incasso di 1.500 euro, a quello dell’uso di una piccola motopala, confermano, secondo i carabinieri l’attenzione che Cosa Nostra aveva verso gli amministratori di Borgetto.
Per il resto le intercettazioni cercano di cucire l’esistenza di un sodalizio con “forzature” di interpretazioni delle telefonate, che a volte lasciano perplessi per la debolezza degli argomenti e delle somme elargite, che spesso sono irrisorie per giustificare l’accusa di ingiusto profitto. Come si può vedere da questa nota:
“Riina Fabio chiedeva al vice sindaco Spina Vito se avesse consegnato la somma di 50 euro per acquistare il carburante necessario per il funzionamento della paletta. Il politico riferiva che la somma era stata consegnata a un tale Giovanni Scaglione verosimilmente un suo operaio. A tali parole Riina Fabio rispondeva che il sindaco De Luca gli aveva riferito di rivolgersi a Spina per avere l’ altro denaro. Quest’ultimo avendo già consegnato la somma di 50 euro invitava l’ interlocutore a richiedere il denaro al sindaco De Luca. La telefonata dimostrava come il sindaco De Luca e il vice sindaco Spina, consapevoli che la paletta dei congiunti Riina, legata alla famiglia mafiosa dovesse necessariamente essere impiegata contribuivano personalmente alle spese logistiche per il funzionamento del mezzo meccanico”.
I 50 euro, in questo caso, sono uguali a quelli che Maniaci “estorceva” al sindaco di Partinico e non ci si può sottrarre alla domanda: “Ma è possibile che si mandino avanti indagini di questo tipo, con dispendio di mezzi, di uomini e di tempo, quando ci sarebbe, guardandosi intorno, ben altro di cui occuparsi, rispetto alla dilagante criminalità che caratterizza il territorio tra Partinico e Borgetto?”
L’altra domanda che viene spontanea è: Se esistono e sono esistiti seri motivi per dimostrare il sodalizio tra il sindaco di Borgetto, il suo vicesindaco e l’assessore Polizzi, con i mafiosi locali, che si sarebbero adoperati a cercar loro voti e avere poi il controllo delle somme disponibili per amministrare il paese, come mai queste persone, e non parliamo solo di elementi locali, ma anche dei loro referenti regionali, non sono state indagate, sono rimaste al loro posto, e come mai il comune di Borgetto non è stato sciolto per mafia? Ci si può augurare, ma senza tante speranze, che il processo, se e quando avrà luogo, possa dare una risposta a questi interrogativi, nella stessa misura in cui non è stata data risposta al lavoro della Commissione che a Borgetto ha individuato e presentato al prefetto, e da questa al ministro, una serie di elementi tali da giustificare il possibile scioglimento dell’amministrazione, ma alla fine non se n’è fatto niente.

No comments: