CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Thursday, December 22, 2016

PROFESSORE LEOLUCA ORLANDO SINDACO DI PALERMO TAR CITTA METROLITANA

Pubblicato il 21/12/2016





N. 01478/2016 REG.PROV.CAU  N. 03114/2016 REG.RIC.






 logo

REPUBBLICA ITALIANA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia
(Sezione Prima)
ha pronunciato la presente
ORDINANZA
sul ricorso numero di registro generale 3114 del 2016, proposto da Leoluca Orlando, in proprio e quale sindaco della Città Metropolitana di Palermo, rappresentato e difeso dall'avvocato Giovanni Immordino C.F. MMRGNN62A23B429H, con domicilio eletto presso il suo studio in Palermo, viale Libertà N. 171;

contro
Assessorato Regionale dell'Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso per legge dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato, domiciliata in Palermo, via A. De Gasperi 81; 
per l'annullamento
previa sospensione dell'efficacia,
- del provvedimento contenuto nella nota prot. n. 41193 del 29.9.2016 dell'Assessorato Regionale dell'Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità - Dipartimento Regionale dell'Acqua e dei Rifiuti - Unità di Staff 4 - Regolazione delle Acque-Rifiuti e Bonifiche;
- del provvedimento contenuto nella nota prot. n. 43665 del 17.10.2016 dell'Assessorato Regionale dell'Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità - Dipartimento Regionale dell'Acqua e dei Rifiuti - Unità di Staff 4 - Regolazione delle Acque-Rifiuti e Bonifiche;
- nonché degli atti tutti presupposti, connessi e consequenziali.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visto l'atto di costituzione in giudizio di Assessorato Regionale dell'Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità;
Vista la domanda di sospensione dell'esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;
Visto l'art. 55 cod. proc. amm.;
Visti tutti gli atti della causa;
Ritenuta la propria giurisdizione e competenza;
Relatore nella camera di consiglio del giorno 20 dicembre 2016 il dott. Luca Lamberti e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Considerato che la l.r. 2/2013 si limitava ad assegnare al presidente delle contestualmente disciolte A.T.O. la qualità di commissario straordinario e di liquidatore delle medesime e che, in precedenza, l’assegnazione all’allora presidente della Provincia Regionale della qualità di presidente dell’A.T.O. era stata disposta da una fonte non legislativa, il D.P.R.S. 7 agosto 2001;
Rilevato che la successiva l.r. 19/2015, recante nuova organica “disciplina in materia di risorse idriche”, ha, nell’ambito del “regime transitorio”, disposto la proroga delle funzioni dei commissari straordinari e liquidatori delle A.T.O., incidentalmente identificati nei commissari straordinari delle già disciolte Province Regionali;
Osservato che alla Provincia Regionale di Palermo è nelle more subentrata la Città Metropolitana di Palermo, retta dal relativo Sindaco, organo politico;
Considerato che il d.lgs. 39/2013, espressivo di valori e principi costituzionali, vieta espressamente, all’art. 7, il conferimento di incarichi stricto sensu manageriali, quale è certo quello di specie, ad organi politici;
Ritenuto pertanto, allo stato sommario della cognizione, che non si possa sostenere, ai fini per cui è causa, che il Sindaco della città metropolitana succeda al commissario straordinario della disciolta Provincia Regionale nell’espletamento di compiti non di generale indirizzo politico, ma, come nella specie, di puntuale gestione amministrativo-burocratica;
Ritenuto di poter compensare le spese di lite, alla luce della peculiarità della controversia;
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Prima)
Accoglie l’istanza cautelare e per l'effetto:
a) sospende l’efficacia degli atti impugnati;
b) fissa per la trattazione di merito del ricorso l'udienza pubblica del 4 luglio 2017, ore di rito.
Spese della fase compensate.
La presente ordinanza sarà eseguita dall'Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.
Così deciso in Palermo nella camera di consiglio del giorno 20 dicembre 2016 con l'intervento dei magistrati:
Calogero Ferlisi, Presidente
Caterina Criscenti, Consigliere
Luca Lamberti, Referendario, Estensore
 
 
L'ESTENSOREIL PRESIDENTE
Luca LambertiCalogero Ferlisi
 
 
 
IL SEGRETARIO

No comments: