CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Thursday, September 22, 2016

COLLESANO. GIUNTA DI GESARO: LASCIANO GLI ASSESSORI RE E SANTACOLOMBA






Collesano. Giunta Di Gesaro: lasciano gli Assessori Re e Santacolomba

Scritto da  Mercoledì, 21 Settembre 2016 14:02
Ancora cambiamenti al palazzo municipale. La giunta Di Gesaro, la seconda dall’insediamento dopo la vittoria elettorale del maggio 2015 e dopo le dimissioni in blocco dei primi quattro assessori nel febbraio scorso, registra nuove dimissioni.

Stavolta protocollate nella giornata del 20 settembre dagli ormai ex assessori Giuseppe (Peppino) Re, vicesindaco con delega alla cultura e alla pubblica istruzione, e Carmela Santacolomba, tecnico, impiegata presso il comune di Lascari, con delega al bilancio. Il sindaco, Angelo Di Gesaro, ha dichiarato di essere «stato contento di entrambi e di quello che hanno fatto e per questo – aggiunge – mi dispiace che vadano via in quanto due elementi validi e importantissimi. Con il professore Re, poi, c’è un rapporto fantastico da parecchi anni ormai. E adesso siamo alla ricerca di due nuovi assessori». Dal contenuto delle lettere di dimissioni di entrambi gli ex assessori emergono delle difficoltà riscontrate negli ultimi mesi, tali da spingerli a lasciare il loro incarico.
Re, docente presso il liceo classico “Mandralisca” di Cefalù e già candidato nella lista dell’attuale sindaco nel 2010, ha precisato che «quando l’undici marzo scorso ho accettato di far parte della compagine di Angelo Di Gesaro in ruoli così centrali, ero perfettamente a conoscenza – continua Re – che questa giunta nasceva da una crisi molto grave, e che, in consiglio comunale, questa squadra poteva contare solo sulla fiducia di due consiglieri su quindici. La squadra era poi originale, tutta da sperimentare. La cosa non mi faceva paura perché, illuministicamente, pensavo che se si fosse fatto il meglio per Collesano e se si fosse affrontato un dibattito franco in consiglio, si sarebbero potuti ottenere risultati insperati». E aggiunge: «Naturalmente, non tutto è filato liscio, e, a poco a poco, la squadra ha preso a lavorare individualmente, con problemi così di organizzazione. Per me diventava sempre più difficile in questo modo fare da vicesindaco, e, da penalizzato, mi sono accorto che invece altri ritenevano che fossi io la penalizzazione.» E poi: «Se a questo si aggiunge la preoccupazione del Sindaco di superare il momento tecnico per trovare una base più solida a livello del consiglio comunale, non vi erano più i margini per continuare». Insomma, anche per favorire una possibile transizione a una situazione di potenziamento politico per il sindaco Di Gesaro, sul quale incombe la scure di una possibile sfiducia in consiglio comunale, così come ormai ventilata da tempo, Re ha preferito fare un passo indietro («oggi – scrive, infatti, Re rivolgendosi a Di Gesaro – in questa fase politica, per me è doveroso restituirle le deleghe affidatemi, affinché possa ricostruire una squadra di lavoro più adeguata al momento»). Una difficoltà di lavoro, dunque, anche perché «con l'ultimo bilancio approvato – precisa Re – di fatto non vi sono margini per poter approntare una qualsiasi politica a favore dell’istruzione e della valorizzazione dei beni monumentali e del patrimonio del nostro paese, e ciò, certamente per la ristrettezza delle risorse, ma anche per le priorità che si sono scelte. Pertanto – conclude Re – la politica quotidiana da svolgere nel mio ramo diventerebbe l’ordinaria amministrazione, per cui, gli sforzi sul piano personale che mi richiede una presenza continua a Collesano, nelle mie condizioni, non appaiono più giustificati e rilevanti» pur ribadendo con forza la ricercata apertura di dialogo interno e con «gli altri organi presenti e operanti nel nostro comune» al fine di «di superare le conseguenze delle spaccature e incomunicabilità da cui è nata questa giunta. E, nei limiti delle mie competenze e della presenza che il mio impegno di lavoro con la scuola mi ha permesso, ho svolto quei momenti di coordinamento che si rendevano necessari.»
La Santacolomba, dal canto suo, ha ribadito «con senso del dovere, per non recare alcun nocumento in questa fase delicata dell’attività amministrativa» di dover interrompere il suo percorso e rassegnare le dimissioni da assessore tecnico. Una «scelta per la quale avverto, sul piano personale, tutto il peso e la responsabilità» ricorda la Santacolomba poiché, aggiunge, «non posso continuare ad occupare questo delicato incarico, sapendo di non poter più profondere lo stesso impegno e la stessa dedizione di questi mesi trascorsi, senza quella serenità che fino a ieri ha accompagnato la mia attività.» Ringrazia Di Gesaro per le «parole di elogio pronunciate nei miei confronti», riconoscendo di aver fatto parte di «un’ottima squadra, a servizio della quale ho messo la mia caparbietà, la mia ostinazione nel raggiungere gli obiettivi condivisi e la mia professionalità», a cominciare dal delicato passaggio legato proprio alla redazione e alla presentazione in consiglio del bilancio. Però aggiunge: «Peccato, Signor Sindaco, che ad un certo punto del nostro percorso, questa squadra, sottoposta a diverse ed innumerevoli sollecitazioni, ha perso di vista il proprio ruolo e gli obiettivi condivisi, anteponendo alla collegialità individualismo e protagonismo, fattori questi che hanno alterato gli equilibri, dimenticando il bene comune, al quale eravamo tutti chiamati. Sono state fatte scelte – precisa Santacolomba – ed adottati comportamenti che non posso condividere e men che mai avallare, fosse anche solo con la mia presenza.»
Nelle lettere emergono, infine, i ringraziamenti anche per i colleghi di giunta, i consiglieri e i dipendenti comunali. Tirati i remi in barca, adesso si aprirà una fase delicata per la ricerca dei due nuovi assessori, di cui almeno una quota rosa. Gli scenari che si prospettano sono diversi, ma all’orizzonte rimane sempre, da parte di Di Gesaro, l’obiettivo di doversi rafforzare, direttamente e indirettamente. Una situazione, insomma, complicata e al limite tra una chiusura anticipata della legislatura, con conseguente fase di commissariamento, e una prosecuzione a oltranza per le difficoltà di trovare sponde favorevoli proprio in consiglio comunale.

http://www.esperonews.it/201609214985/categoria-a-f/collesano/giunta-di-gesaro-lasciano-re-e-santacolomba.html

Terremoto politico a Collesano, dimissioni in blocco della Giunta


Il sindaco “non sono un pupo”, gli assessori “non può amministrare da solo”

Può sembrare un fulmine a ciel sereno, ma in realtà quanto accaduto al palazzo municipale di Collesano è il frutto di una crisi politica che covava da più di 2 mesi.
I 4 assessori nominati dal sindaco Angelo Di Gesaro hanno rassegnato in blocco le dimissioni. A sbattere la porta sia i due componenti della giunta in quota PD, Maria Domenica Misita e Angelo Gargano. Sia i due assessori ritenuti più vicini al sindaco, in quanto nominati in quota “Collesano nel cuore”, Giuseppe Guttilla e Rosario Testaiuti.
Contattato il segretario del PD ed ormai ex assessore Angelo Gargano ci ha riferito che è in fase di stesura un documento nel quale i dimissionari spiegheranno i dettegli della decisione. Oggi pomeriggio ci sarà un vertice, durante il quale si valuterà anche l’opportunità di convocare un appuntamento di Piazza per incontrare la cittadinanza. “Vogliamo affrontare la crisi alla luce del sole - afferma Gargano che aggiunge – da tempo chiediamo al sindaco maggiore collegialità nelle scelte e nelle decisioni. Forse si è convinto, o è stato convinto da qualcuno, di poter fare il sindaco da solo. Abbiamo più volte accusato la delegittimazione della giunta ma evidentemente c’è chi è riuscito a convincere Di Gesaro che noi eravamo degli avversari, un lavaggio del cervello che lo ha indotto a prendere scelte importanti di nascosto.”
Dalle colonne del giornale Esperonews le prime dichiarazioni del sindaco Angelo Di Gesaro “Feci scegliere a loro le deleghe in piena libertà. Qualcuno non mi ha piegato e quindi non avendo avuto il sindaco “pupo” aspettandosi un “signorsì”, una volta che si è convinto che io ho la mia personalità, il giocattolo si è rotto, non essendo io a disposizione di nessun colore politico. Io sono stato eletto dal mio popolo e debbo rappresentare i miei elettori. Io quello che ritengo giusto, rispettoso delle funzioni di chiunque, l’osserverò»  
Una crisi che si annuncia violenta anche in Consiglio Comunale, dove il gruppo di maggioranza potrebbe spaccarsi, 8-2 gli equilibri che si annunciano a sfavore del sindaco. Una situazione che apre nuovi scenari, fra questi anche le elezioni anticipate, frutto di una eventuale mozione di sfiducia nei confronti del primo cittadino. 

http://www.madoniepress.it/mp-terremoto-politico-a-collesano-dimissioni-in-blocco-della-giunta-7411.asp 


BOLOGNA,COLLESANO.DI GESARO MISITA GARGANO,DIMISSIONI,GUTTILLA,TESTAIUTI,PD,COLLESANO NEL CUORE,SINDACO ASSESSORI, RE,  LUCIDO ANNA MARIA,  SANTACOLOMBA, PUCCIUO MARIA GRAZIA, RAPPA PIERO, 

No comments: