CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Friday, April 15, 2016

Consiglio Comunale ISOLA DELLE FEMMINE 21 APRILE 2016 PERCENTUALE raccolta differenziata Interrogazione 191 Ordinanza 60 2015 COOPERATIVE EDILIZIE TARI 2016 60.

Consiglio Comunale ISOLA DELLE FEMMINE 21 APRILE 2016 PERCENTUALE raccolta differenziata Interrogazione 191 Ordinanza 60 2015 COOPERATIVE EDILIZIE TARI 2016 60.




RIFIUTI 2014 3 DICEMBRE ordinanza 68 SINDACO STEFANO BOLOGNA 45 GIORNI 191 urgenza AFFIDATA A DITTA AGESP Proteste E INVIO NOTA DI DENUNCE DI Comitati CITTADINI E DI ISOLA PULITA




RIFIUTI 2015 16 GENNAIO  ORDINANZA 10 SINDACO STEFANO BOLOGNA  45 GIORNI 191  DIFFERENZIATA AGESP    BELLOLAMPO

RIFIUTI 2015 27 FEBBRAIO ORDINANZA 20 SINDACO STEFANO BOLOGNA  5 MARZO 2015 5 SETT 2015 191  DIFFERENZIATA AGESP   LIQUIGAS 31 12 15 FIG 5 PART 90 FIG 2 PART 1050

RIFIUTI 2015 11 GIUGNO ORDINANZA 60 SINDACO STEFANO BOLOGNA  191 AGESP SER ECO SRL SICILFERT 24 PERCENTO MARZO MAGGIO 2015

RIFIUTI 2015 28 AGOSTO  ORDINANZA 96 SINDACO STEFANO BOLOGNA 191 AGESP BELLOLAMPO ISOLA ECOLOGICA  40% MAGGIO 2015 LIQUIGAS 31 12 15 FIG 5 PART 90 FIG 2 PART 1050


URBANISTICA LIQUIGAS TOIA SOLEMAR DISCARICA PRG ZONA L RISPETTO COSTIERO DESTINAZIONE OPERE FRUIZIONE MARE

La favola di Isola: differenziata al 40%, giù la Tari

9 MARZO 2016 IL REPORTAGE
GRAZIA LA PAGLIA
Ha i sacchetti pieni la signora Caterina Di Benedetto, 74 anni. Come quasi tutti i giorni porta nell'isola ecologica i rifiuti di casa sua, già separati. Poggia le borsette di colore diverso e piene di plastica, carta e vetro sotto gli occhi attendi degli operatori e dei volontari: controllano che i materiali siano stati divisi in modo giusto. Tutto sembra essere regolare. Caterina può firmare il registro e indicare il totale dei chili consegnati. Perché anche lei, come tanti altri cittadini di Isola delle Femmine, ha scelto di essere inserita nella lista di coloro che mirano a diventare "virtuosi" per poter accedere a un consistente sconto sulla Tari. È questo il nuovo step dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Stefano Bologna che in undici mesi ha fatto salire la differenziata dallo 0,34 per cento al 40 per cento. Le strade e il litorale non sono più costeggiati da cassonetti colmi di immondizia. Gli operatori effettuano regolarmente il servizio di ritiro della differenziata porta a porta, che include anche l'umido per gli esercizi commerciali.
E adesso, per rendere il paese ancora più pulito, lo staff formato dall'architetto Enrico Minafra e da Giuseppe D'Angelo ha elaborato due nuovi regolamenti per portare almeno al 65 per cento, entro dicembre, la percentuale di rifiuti riciclabili. In questo modo il paese avrà un risparmio consistente sulla ecotassa.
I due testi arriveranno in aula giovedì. Chi consegnerà in un anno 300 chili di rifiuti avrà una riduzione sull'importo variabile della Tari del 40 percento, che salirà al 100 per cento per chi raccoglierà 700 chili. Tutto sarà monitorato con un sistema informatico. I cittadini avranno un pass e un codice a barre personalizzato, da incollare sui sacchetti. Ma da dove saranno presi i 200 mila euro stanziati per questa nuova iniziativa? «Innanzitutto, dal risparmio sulle spese per il conferimento in discarica ottenuto nel 2015 — dice il primo cittadino — Grazie a un aumento consistente della differenziata, abbiamo messo da parte 160 mila euro e speso la metà rispetto agli anni precedenti. Notando questo risparmio, abbiamo regalato a tutti una riduzione del 9 per cento sull'importo variabile della Tari e i cittadini hanno risposto facendo abbassare il numero degli evasori. Hanno visto che il servizio funziona e sono incentivati a pagare».
Infatti nel 2015 Isola ha registrato un incremento degli incassi pari a 460 mila euro, il 25 per cento in più rispetto al 2014. Utilizzando le somme risparmiate e gli incassi in aumento, giovedì Bologna potrà portare in aula una seconda proposta: la riduzione del 50 per cento sull'importo variabile della Tari per i cittadini che faranno il compostaggio domestico.
Per creare compost in casa non ci vogliono grandi somme «ma solo tanto impegno», racconta Antonella Uva mostrando il suo piccolo orto dove crescono aglio, patate e basilico. Tutto biologico alimentato con gli scarti organici della sua cucina. «Ho speso solo trenta euro per comprare l'occorrente e ho creato da sola il mio cestino. Adesso spero di coinvolgere tutta la mia famiglia».
Un terzo regolamento, infine, disciplinerà il baratto amministrativo. «Chi metterà a disposizione delle ore per attività comunali non pagherà le tasse — dice Bologna — Per compensare la mancanza di introiti da parte di queste famiglie abbiamo investito 20 mila euro. E anche questi soldi vengono dai risparmi sul conferimento in discarica».
Dietro un paese più pulito ci sono cittadini che collaborano senza sosta. Come Giuseppe Geraci che consegna da mesi, agli operatori della raccolta porta a porta, materiale già differenziato. A supportare l'attività degli operatori dell'isola ecologica ci sono i volontari della protezione civile. «Vengo tutti i giorni», racconta Ettore Nocera. Ettore si alterna con altri volontari anche per curare il verde pubblico di parco Dune e piano Ponente.

Altri volontari si occupano della pulizia della costa: l'associazione Isola del Vento pulisce il litorale una volta al mese e Isola Surf si occupa della zona del porto.


http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2016/03/09/la-favola-di-isola-differenziata-al-40-giu-la-tariPalermo04.html



Il record di Isola, riciclato il 50% dei rifiuti
2 NOV 2015    


497_16096347

“Se i cittadini constatano che la raccolta differenziata funziona, se ottengono riduzioni sulla Tari e se vedono che il loro paese è sempre pulito, sono più incentivati a collaborare. È così che abbiamo raggiunto il risultato sperato: 50 percento di rifiuti destinati al riciclo”.
Questo il commento del sindaco di Isola delle Femmine, Stefano Bologna, a proposito del materiale destinato all’isola ecologica e differenziato con parsimonia dai suoi concittadini. Da febbraio ad oggi, a piccoli passi, Isola delle Femmine è riuscita ad ottenere un risultato non da poco. “Nei primi mesi abbiamo coinvolto solamente gli esercizi commerciali e affrontato, poi, il duro colpo del periodo estivo – ricorda il primo cittadino – quando i lidi balneari producevano molta immondizia ma non sempre collaboravano. La quota della differenziata si era abbassata. Ma da settembre tutto è tornato alla normalità, grazie soprattutto ai cittadini e al servizio porta a porta entrato a regime”.
Il martedì, il giovedì e il sabato, infatti, non si raccolgono soltanto da ogni abitazione la plastica, la carta e il vetro, ma anche l’umido. Mentre l’isola ecologia è aperta tutti i giorni, ad eccezione della domenica, fino alle 18.

Il servizio porta a porta e l’apertura quotidiana dell’isola sono stati affiancati anche da una riduzione del 9 per cento della Tari sulla parte variabile. “Il Consiglio comunale ha approvato questo sconto nel mese di luglio – dice il sindaco – e come risposta i nostri cittadini stanno pagando la tassa in maniera regolare. Non registriamo ritardi. Inoltre, grazie alla differenziata, prevediamo un risparmio annuale sul costo complessivo del servizio di circa 160 mila euro”.

Adesso il Comune punta a raggiungere la soglia del 65 percento con il compostaggio domestico e di comunità. Proprio per approfondire questo tema i cittadini si sono incontrati, durante gli ultimi fine settimana, per assistere ad apposite lezioni di compostaggio nel parco giochi Madre Teresa di Calcutta.
“La ditta Sicilfert ha ricevuto da Isola quasi il 50 percento della differenziata del verde, della potatura e della frazione organica – conclude Bologna - Quasi 50 mila chili di legno sono andati alla Sidermetal di Carini e abbiamo raccolto 100 mila chili di vetro”.
In arrivo, nei prossimi giorni, la bilancia per pesare i rifiuti della raccolta differenziata e per premiare i cittadini che riciclano, mentre il Comune si sta mobilitando per rintracciare e sanzionare i morosi che da anni non pagano la Tari. 
GRAZIA LA PAGLIA 



CRITERI  PER IL CALCOLO DELLA PERCENTUALE Dl RACCOLTA DIFERENZIATA In base alla definizione, ai fini del calcolo della percentuale di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti prodotti, devono essere considerati come raccolta differenziata i quantitativi di rifiuti che rispondono contemporaneamente ai seguenti due requisiti:         
• essere classificati come rifiuti urbani in conformità al punto 1;    
• essere raccolti all’origine in modo separato rispetto agli altri rifiuti urbani e raggruppati in frazioni merceologiche omogenee.     

Ai fini del calcolo della percentuale della raccolta differenziata si utilizza la seguente formula:
                                                              RD  

% di Raccolta Differenziata = ---------------------------------   x 100   
                                                           (RI + RD)

Dove:
RD = sommatoria delle frazioni merceologiche di rifiuti urbani o assimilati raccolti all’origine in modo separato.
In particolare:
RD1. il rifiuto raccolto in modalità  monomateriale il quantitativo di rifiuti urbani idonei al riutilizzo, riciclaggio, recupero di materia deve essere conteggiato nella sua totalità ai fini della valutazione della percentuale di raccolta differenziata;
RD2. il rifiuto organico proveniente da utenze selezionate e domestiche deve essere conteggiato nella sua totalità. I rifiuti organici oggetto di compostaggio domestico non sono conteggiati né tra i rifiuti totali prodotti, né tra i rifiuti raccolti differenziatamente.
RD3. il rifiuto raccolto in modalità  multimateriale; ai rifiuti raccolti differenziatamente deve essere sottratta una percentuale imputabile a scarti e sovvalli destinati alla discarica:
·         del 3% se trattasi di raccolta congiunta vetro / alluminio,
·         del 6% per la raccolta congiunta plastica/ metallo
·         del 10% per altri rifiuti raccolti congiuntamente.

Tali percentuali sono suscettibile di variazioni da parte dell'amministrazione regionale sulla base di verifiche e controlli effettuati dall'Osservatorio Regionale Rifiuti



Attachments:

Collegandosi al seguente link  -  http://80.19.211.19:7000/servizio5dar/  -   sarà visibile un menu’ che offre diverse  opzioni:
  • Scheda inserimento dati 1° trimestre 2015;
  • Scheda inserimento dati 2° trimestre 2015;
  • Scheda inserimento dati 3° trimestre 2015;
  • Scheda inserimento dati mensili Comuni siciliani

No comments: