CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Sunday, April 17, 2016

CONSIGLIO COMUNALE ISOLA DELLE FEMMINE 21 APRILE 2016 4° PUNTO LOTTIZZAZIONI COOPERATIVE EDILIZIE PROGETTI PRESENTATI ALL'UFFICIO TECNICO COMUNALE

CONSIGLIO COMUNALE ISOLA DELLE FEMMINE 21 APRILE 2016 4° PUNTO LOTTIZZAZIONI COOPERATIVE EDILIZIE PROGETTI PRESENTATI ALL'UFFICIO TECNICO COMUNALE 



P.R.G. 1999 25 FEBBRAIO SINDACO STEFANO BOLOGNA PRG ISOLA DELLE FEMMINE PROTOCOLLO 2667





LEGGE REGIONALE 71 27 DICEMBRE 1978  ARTICOLO 4 COMMA 6

Art. 4 Approvazione del piano regolatore generale. Il piano regolatore generale è approvato con decreto dell'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente. L'Assessore adotta le proprie determinazioni entro centottanta giorni (11) dalla presentazione del piano all'Assessorato.

Con il decreto di approvazione possono essere apportate al piano le modifiche di cui all'art. 3 della legge 6 agosto 1967, n. 765, quelle necessarie per assicurare l'osservanza delle vigenti disposizioni statali e regionali, ivi comprese quelle della presente legge (12). (13).

Nel caso previsto dal quinto comma del precedente art. 3, sulle opposizioni e osservazioni l'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente adotta proprie determinazioni. A tal fine l'Assessore porta a conoscenza del comune interessato le proprie determinazioni in ordine al piano, alle osservazioni ed opposizioni.

Il comune è tenuto, entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di comunicazione di cui al precedente comma, ad adottare le proprie controdeduzioni. L'Assessore, entro i successivi trenta giorni (14), emana il decreto di approvazione introducendo di ufficio le modifiche indicate nel presente articolo. L'Assessore, in caso di inerzia del comune, provvede alla emanazione del decreto di approvazione, intendendo accettate tutte le modifiche proposte.

Nel caso di restituzione del piano per la rielaborazione parziale, il comune è tenuto ad effettuarla entro novanta giorni. Entro i successivi novanta giorni (15) l'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente adotta le proprie determinazioni. Nelle more della rielaborazione parziale, nei comuni sprovvisti di strumenti urbanistici l'edificazione è disciplinata dalla legge regionale 26 maggio 1973, n. 21 e dalla presente legge, con eccezione per le zone del territorio comunale soggette alla rielaborazione, nelle quali nessuna concessione può essere rilasciata. Il termine per la rielaborazione totale del piano regolatore generale è fissato in centottanta giorni dalla data di restituzione al comune. Nelle more della rielaborazione totale l'edificazione resta disciplinata dalla normativa preesistente. Ove il comune, tenuto alla rielaborazione totale del piano regolatore generale, risulti dotato della sola perimetrazione dell'abitato definita ai sensi dell'art. 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765, l'edificazione al di fuori del centro abitato si svolgerà nel rispetto dell'indice di densità edilizia fondiaria dello 0,03 mc/mq. (16).  (11)

Ai sensi dell'art. 6, commi 1 e 2, della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 9, "
1. I termini assegnati all'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente per adottare i provvedimenti di sua competenza in materia urbanistica, ivi compresi quelli relativi all'esame ed all'approvazione degli strumenti urbanistici generali e di attuazione, ed all'autorizzazione di opere da realizzare in difformità delle previsioni urbanistiche, sono prolungati di novanta giorni.

2. I termini di cui al comma 1 scaduti successivamente al 12 luglio 1992 sono prorogati fino al novantesimo giorno successivo all'entrata in vigore della presente legge." (12) Si omette la parte finale del presente comma, non promulgata in quanto impugnata - ai sensi dell'art. 28 dello Statuto - dal Commissario dello Stato per la Regione siciliana e dichiarata costituzionalmente illegittima dalla Corte Costituzionale con sentenza 15 febbraio 1980, n. 13. (13) Si omette il terzo comma, non promulgato in quanto impugnato - ai sensi dell'art. 28 dello Statuto - dal Commissario dello Stato per la Regione siciliana e dichiarato costituzionalmente illegittimo dalla Corte Costituzionale con sentenza 15 febbraio 1980, n. 13. (14) 

Ai sensi dell'art. 6, commi 1 e 2, della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 9, "
1. I termini assegnati all'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente per adottare i provvedimenti di sua competenza in materia urbanistica, ivi compresi quelli relativi all'esame ed all'approvazione degli strumenti urbanistici generali e di attuazione, ed all'autorizzazione di opere da realizzare in difformità delle previsioni urbanistiche, sono prolungati di novanta giorni.

2. I termini di cui al comma 1 scaduti successivamente al 12 luglio 1992 sono prorogati fino al novantesimo giorno successivo all'entrata in vigore della presente legge." (15) Ai sensi dell'art. 6, commi 1 e 2, della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 9. "

1. I termini assegnati all'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente per adottare i provvedimenti di sua competenza in materia urbanistica, ivi compresi quelli relativi all'esame ed all'approvazione degli strumenti urbanistici generali e di attuazione, ed all'autorizzazione di opere da realizzare in difformità delle previsioni urbanistiche, sono prolungati di novanta giorni.

2. I termini di cui al comma 1 scaduti successivamente al 12 luglio 1992 sono prorogati fino al novantesimo giorno successivo all'entrata in vigore della presente legge." (16) Comma abrogato dall'art. 7 della legge regionale 21 agosto 1984, n. 66.




PRG  ISOLA DELLE FEMMINE INGEGNERE CATANIA 2° PIANO PRG VIGENTE (APRILE 2016) D.A. 121 24 MARZO 1983




LO STATO DELL'ARTE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE DI ISOLA DELLE FEMMINE:

  • PRG 2011 4 OTTOBRE 2 SERVIZO VAS 67459 RICHIEDE VAS PER LA RIADOZIONE PRG ISOLA DELLE FEMMINE NOTA 35623 26 05 11 D.A.  30 MARZO 2007
  • PRG  ISOLA DELLE FEMMINE INGEGNERE CATANIA 2° PIANO PRG VIGENTE (APRILE 2016) D.A. 121 24 MARZO 1983
  • VINCOLI SCADUTI 1988
  • PRG ADOTTATO CC DELIBERA 33 1 08 2007
  • RESTITUITO PER INTEGRAZIONE NOTA PROT 8571 9 11 2009
  • SOLLECITO ADEMPIMENTI NOTA PROTOCOLLO 28683 26 APRILE 2010
  • INTEGRAZIONE ALLA LUCE DI INCIDENZA AMBIENTALE NOTA 10 MARZO 2011
  • INTEGRAZIONI PARZIALI NOTA 13872 10 OTTOBRE 2014
  • 2 SERVIZIO VAS NOTA 67549 4 OTTOBRE 2011 SOLLECITO ATTIVAZIONE  PROCEDURA VAS  PREGIUDIZIEVOLE ALL'EMISSIONE DEL PROVVEDIMENTO PRG




URBANISTICA 2015    LO BIANCO  DESTINAZIONE URBANISTICA  FIG 1 PART 1583  ZTO C2 VIA  MARTIN  LUTHER KING ENEA  LOTTO INTERCLUSO  PART 2400 2401 2013 STRADA URBANIZZATA PARCO GIOCHI ALIQUO' 1999 DENSITA' AMMESSA MC MQ 0,94




URBANISTICA LIQUIGAS TOIA SOLEMAR  PRG ZONA L RISPETTO COSTIERO DESTINAZIONE OPERE FRUIZIONE MARE FOGLIO 5 PARTICELLA 90 SUB 48 FOGLIO 2 PARTICELLA 1050 


No comments: