CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Wednesday, March 23, 2016

ZTL a Palermo: la farsa delle centraline e la città che cerca di difendersi dai nuovi ‘pubblicani’








ZTL a Palermo: la farsa delle centraline e la città che cerca di difendersi dai nuovi ‘pubblicani’


In attesa del pronunciamento del TAR Sicilia su questo nuovo balzello, vengono fuori i dati farseschi delle centraline sulla qualità dell’aria. Che dimostrano che il Comune non sta installando la ZTL sulla base di rilievi sull’inquinamento dell’aria, ma solo su esigenze di ‘cassa’. Il tutto in un quadro di illegittimità. Intanto, stamattina i rappresentanti di tutte le associazioni economiche e commerciali e degli ordini professionali si riuniscono presso la Camera di Commercio di Palermo. Obiettivo: una strategia comune per combattere chi cerca solo di fare ‘cassa’ sulla pelle dei cittadini
In attesa del 6 Aprile, quando il giudici del TAR Sicilia (Tribunale Amministrativo Regionale) si pronunceranno sulla mega ZTL istituita a Palermo (per inciso, la più estesa d’Europa!), infuria il dibattito tra i cittadini su come difendersi da un’Amministrazione comunale inefficiente e ‘zaffigna’ che sembra muoversi lungo due direttrici: la gestione di montagne di denaro pubblico che arriva da Roma (incredibile l’erogazione di altri 400 milioni di Euro al Comune di Palermo, mentre una Regione siciliana ormai in default aspetta dal Governo Renzi 500 milioni di Euro circa!, come potete leggere qui) e la ricerca di metodi sempre più fantasiosi per svuotare le tasche dei cittadini con nuovi balzelli.
A questa seconda direttrice di azione appartiene la ZTL, sigla che sta per Zona a Traffico Limitato. 
Che si tratti di un modo per scippare soldi ai cittadini, slegato da qualunque programmazione di interventi a tutela del territorio la pressoché totale assenza di studi. Tutto è stato fatto alla carlona, ignorando quanto di scientifico esiste in materia di tutela della qualità dell’aria di una grande città. Sotto questo profilo, quanto denunciato in queste ore dalla vice presidente vicaria del Consiglio comunale di Palermo, Nadia Spallitta, è semplicemente incredibile.
Nadia Spallitta parla di “incongruenza degli atti”, là dove “le centraline indicate nella delibera della Giunta del febbraio 2016 sono praticamente tutte esterne alle ZTL (Boccadifalco, Cep, Di Blasi, Belgio, Torrelunga, Unità d’Italia), mentre l’unica interna (piazza Castelnuovo) registra solo quattro sforamenti l’anno per le emissioni nocive (il limite consentito è di 35), mentre inverosimilmente rimane fuori l’area Di Blasi (ben 69 sforamenti l’anno)”.
In pratica, le centraline che monitorano la qualità dell’aria, i cui risultati dovrebbero giustificare l’istituzione della ZTL, si trovano quasi tutte fuori dal perimetro cittadino nel quale il Comune ha già istituito la mega ZTL! La certificazione che le analisi effettuate dal Comune per giustificare la grande Zona a Traffico Limitato sono solo una presa in giro.
In questa mega presa per i fondelli – forse più ‘estesa’ della stessa mega ZTL – emerge un paradosso: la centralina di Piazza Politeama registra appena 4 sforamenti all’anno di emissioni nocive (e quindi non giustifica l’istituzione di una ZTL, alla quale si ricorre non per fare ‘cassa’, ma per tutelare la salute dei cittadini), mentre l’area di via Di Blasi, traversa della Circonvallazione della città, registra 69 sforamenti, tali da giustificare la ZTL: ma lì la ZTL non ci sarà!
In questo scenario burlesco non si può certo dare torto alla vice presidente vicaria del Consiglio comunale di Palermo quando afferma che i dati sulla qualità dell’aria “non giustificano l’inserimento di piazza Castelnuovo” nella ZTL. Anche se, in verità, è “l’intera area delle ZTL” a suscitare perplessità.
La presa in giro su dati della qualità dell’aria apre il capitolo delle tariffe, che dovrebbero essere la diretta conseguenza dell’inquinamento che, nell’istituzione di una ZTL, si dovrebbe risparmiare ai cittadini: “Sotto questo aspetto – sottolinea sempre Nadia Spallitta – sono da considerarsi illegittime le stesse tariffe perché non si comprende a quali indici di inquinamento siano rapportate e parametrate. Del resto, la circostanza che nel corso degli ultimi due mesi le tariffe siano state rimodulate più volte dimostra chiaramente che le stesse siano state imposte senza i criteri tecnici e scientifici che, invece, la legge impone”.
Anche su questo – e su altro ancora – si dovranno pronunciare i giudici del TAR Sicilia.
Nadia Spallitta – che nei giorni scorsi i consiglieri comunali orlandiani hanno cercato di disarcionare dalla vice presidenza del Consiglio comunale, rea di avergli mandato all’aria un’operazione ‘appaltista’ poi fallita lo stesso (così com’è fallito il maldestro tentativo di togliere alla stessa Spallitta la vice presidenza vicaria dell’assemblea di Sala delle Lapidi) – torna all’attacco contestando tutto l’impianto di una ZTL che, in verità, sembra costruito sull’argilla:
“Ritengo – dice – che le delibere votate dalla Giunta nel mese di Febbraio di integrazione e di modifica della regolamentazione delle ZTL, introdotte con il contratto di servizio stipulato con AMAT, siano illegittime. In primo luogo non è ben chiaro come possa la Giunta disciplinare delle tariffe che non siano previste in nessuno degli atti contabili del Comune, con grave violazioni delle norme contabili che impongono unicità, completezza e veridicità del Bilancio. Sotto questo profilo, non si comprende come possano l’Amministrazione, o l’AMAT – su incarico della stessa Amministrazione comunale – riscuotere somme che rappresentano comunque entrate comunali (tant’è che a deliberarle sono organi comunali) senza che queste voci di entrata e di spesa siano iscritte nel Bilancio dell’ente. Ugualmente è del tutto illogico l’eccesso di potere in cui incorre l’Amministrazione, che prima istituisce le due Zone a Traffico Limitato e ne introduce la tariffazione col contratto di servizio del 24 dicembre 2015, e solo successivamente, nel Febbraio 2016, si preoccupa di acquisire i dati relativi ad eventuali sforamenti di gas nocivi per giustificare il provvedimento”.
Insomma, violazioni su violazioni su violazioni.
“Infine appare contraddittorio e contrario ai principi di libera circolazione e libertà individuale – aggiunge ancora Nadia Spallitta – imporre il pass ai residenti, costretti ad acquistarlo per potere posteggiare sotto casa. Da ultimo, essendo entrata in vigore la legge regionale che impone la preventiva adozione di un regolamento (di competenza del Consiglio) ai fini dell’istituzione delle ZTL, a mio avviso rischia l’Amministrazione che decide non sospendere i provvedimenti in attesa del regolamento della disciplina consiliare”.
Quindi la stilettata finale: “Trasmetterò i provvedimenti della Giunta e dei dirigenti alla Corte dei Conti al fine di accertare e prevenire l’eventuale violazione delle norme di contabilità degli enti locali ed eventuali profili didanno erariale che, a mio avviso, l’esecuzione di questi provvedimenti potrebbe determinare”.
Intanto stamattina, presso la Camera di Commercio della città, la Confartigianato ha convocato una riunione. Tema: “Decidere le linee di intervento contro il provvedimento della ZTL”.
Saranno presenti i rappresentanti degli Ordini degli avvocati, dei medici, dei commercialisti, i sindacalisti di CGIL, CISL, UIL, Asia (Alternativa Sindacale Autonoma), i rappresentanti del Csa (Coordinamento Sindacale Autonomo), Cna, Casartigiani, Confesercenti, Confindustria, Confcommercio, Federconsumatori, Federpesca, Adiconsum, Adoc, Lega coop, Liberimpresa, Vivo Civile, Siciliae Mundi, Salviamo il cuore di Palermo. E naturalmente i dirigenti della stesa Confartigianato. Tutte cose che vi abbiamo raccontato qui. 
Foto tratta da reteregione.it







Palermo: “Tutto il mondo” contro la ZTL del sindaco Orlando e dell’assessore Catania


Mercoledì, a Palermo, presso la Camera di Commercio della città, la Confartigianato ha convocato una riunione. Motivo: “decidere le linee di intervento contro il provvedimento della ZTL”. Saranno presenti gli Ordini degli avvocati, dei medici, dei commercialisti, CGIL, CISL, UIL, Asia – (Alternativa Sindacale Autonoma), Csa – (Coordinamento Sindacale Autonomo), Cna, Casartigiani, Confesercenti, Confindustria, Confcommercio, Federconsumatori, Federpesca, Adiconsum, Adoc, Legacoop, Liberimpresa, Vivo Civile, Siciliae Mundi, Salviamo il cuore di Palermo
Palermo: tutto il mondo contro le ZTL di Leoluca orlando e Giusto Catania. Il sindaco e l’assessore alla Mobilità hanno tirato dritto, ignorando una legge regionale, snobbando il TAR Sicilia (Tribunale Amministrativo Regionale) e, soprattutto, andando contro una città che non sembra affatto contenta di questo nuovo balzello.
Arando ha già annunciato che si ricandiderà a sindaco di Palermo. Evidentemente è sicuro, alla fine, di mettere d’accordo tutti sul suo nome: anche, la Confartigianato Palermo, che, come si legge in un comunicato, “si fa promotrice di un incontro tra associazioni, sindacati ed ordini professionali. Un tavolo per decidere le linee di intervento contro il provvedimento della ZTL”.
L’appuntamento è per Mercoledì 23 Marzo, alle ore 10,00 presso la Camera di Commercio, secondo piano.
A questo punto arrivano le sorprese che, forse, non faranno molto piacere al sindaco. Nel comunicato della Confartigianato c’è scritto che parteciperanno:
Ordine degli Avvocati
Ordine dei Commercialisti
Ordine dei Medici
Cgil
Cisl
Uil
Asia – (Alternativa Sindacale Autonoma)
Csa – (Coordinamento Sindacale Autonomo)
Cna
Casartigiani
Confesercenti
Confindustria
Confartigianato
Confcommercio
Federconsumatori
Federpesca
Adiconsum
Adoc
Legacoop
Liberimpresa
Vivo Civile
Siciliae Mundi
Salviamo il cuore di Palermo
“L’incontro è aperto a tutte le associazioni – dice il presidente di Confartigianato Palermo, Nunzio Reina -. E’ necessario un confronto tra tutti coloro che non condividono le modalità con cui verrà attuato il provvedimento e che vorranno eventualmente manifestare, in modo democratico e pacifico, insieme a noi. Cittadini, lavoratori ed imprese non possono rimanere inascoltati”.
Non c’è da stupirsi se a promuovere tale incontro siano gli imprenditori: perché sono le imprese che saranno chiamate a pagare il prezzo più altro di queste ZTL (in proporzione, pagheranno molto di più dei 100 Euro all’anno chiesto ai cittadini).
Insomma, se parteciperanno i rappresentanti di tutte queste sigle, Orlando e l’assessore Catania potranno dire di essere riusciti a realizzare un’impresa ‘epica’: aver promosso l’unione di ordini professionali, sindacati e imprenditori: tutti uniti contro la ZTL.
Nella riunione di Mercoledì prossimo si parlerà anche del perché il Comune di Palermo insiste con la mega ZTL, alla luce dei 400 milioni di Euro che il Governo Renzi ha stanziato per il Comune di Palermo (come vi abbiamo raccontato qui). Questa è, forse, la parte più misteriosa di questa ZTL: che debbono fare Orlando e compagni con ‘sti soldi che intendono, costi quel che costi, scippare ai cittadini di Palermo?
(Fino a qualche giorno fa le ZTL erano due: ora sembra che l’Amministrazione comunale – senza passare dal Consiglio comunale – ne proporrà un sola: una mega Zona a Traffico Limitato che sarà la più grande d’Europa. Finalmente Palermo potrà essere, in Europa, ‘Capitale’ di qualcosa: ‘Capitale’ delle ZTL, visto che la ZTL di Orlando & Catania sarà la più estesa d’Europa: un record da pubblicani di evangelica memoria, ma pur sempre un record (come vi abbiamo raccontato qui).
Intanto, stamattina, i cittadini palermitani hanno capito che acquistare il pass negli uffici dell’AMAT non sarà una passeggiata. Gli sportelli degli uffici di via Borrelli 14, via Giusti 7/B e dei due depositi del tram di Roccella e via Leonardo Da Vinci, almeno oggi, non sono stati in grado di dare risposte veloci ai cittadini costretti a pagare il nuovo balzello.
E’ noto che tanti palermitani non pagheranno la ZTL. Ma ci sono quelli che non potranno esimersi, perché il Comune ha deciso di ‘incaprettare’ i cittadini che risiedono dentro il perimetro della mega ZTL. Questi sono costretti a pagare il balzello, pena la contravvenzione. E costretti a pagare saranno anche i cittadini che, per lavoro, saranno costretti a pagare il pass.
Stamattina l’AMAT – l’Azienda che gestisce il trasporto pubblico delle persone, autobus e adesso, anche le tre linea di Tram e che dovrebbe incassare il balzello (anche su questo punto non sono mancate le contestazioni) – ha dato ancora una volta prova di quelo che è: e cioè un’Azienda disorganizzata, che non agevola certo la vita ai cittadini palermitani.
Insomma, non solo i cittadini palermitani sono costretti a pagare quella che, alla fine, non è altro che una tassa di circolazione contrabbandata come ZTL, ma debbono pagare restando in fila per ore e ore.
A quanto raccontano le cronache, non è che si arriva in questi uffici e si prende il pass: ma quando mai! Bisogna esibire i documenti, foto copie del libretto delle automobili, codice fiscale. Un operatore – oggi almeno le cose sono andate così – non riesce a rilasciare più di otto dieci pass al giorno. Risultato: tanta gente, dopo aver aspettato il proprio turno, dovrà tornare domani.
Intanto la Polizia municipale fa sapere che non sarà facile fare rispettare le regole nella mega ZTL. Questo perché in molte aree della città mancano le telecamere. Se ne deve dedurre che i vigili urbani, piuttosto che occuparsi del traffico, potrebbero essere dirottati nell’area della ZTL.
Potrebbe, poi, materializzarsi un esposto del parlamentare regionale e consigliere comunale, Giuseppe Milazzo. E’ il deputato di Sala d’Ercole che ha fatto inserire il seguente articolo di legge nella manovra economica e finanziaria 2016 approvata dall’Assemblea regionale siciliana che noi riportiamo per intero per fornire quest’ulteriore informazione ai nostri lettori: :
Art. 12
Principi di regolamentazione delle Zone a traffico limitato
  1. I comuni che hanno istituito o che istituiscono zone a traffico limitato (ZTL) approvano, entro novanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge, un regolamento che preveda:
  1. a) le tariffe per ottenere il permesso di accesso alle ZTL;
  1. b) le riduzioni per i veicoli meno inquinanti;
  1. c) l’accesso gratuito alle ZTL per le persone disabili, le cui autovetture siano dotate di contrassegno speciale, e per le vetture a trazione elettrica;
  1. d) le agevolazioni per i residenti all’interno del perimetro ZTL e l’applicazione agli stessi di tariffe differenziate rispetto a quelle applicate ai non residenti;
  1. e) le misure necessarie volte ad incentivare il trasporto pubblico e la lotta all’inquinamento;
  1. f) il regime delle sanzioni da applicare in base al Codice della strada, nonché appositi strumenti di monitoraggio sull’inquinamento.
http://isolapulita.blogspot.it/2016/03/sorpresa-il-comune-di-palermo-che-sta.html
















No comments: