CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Wednesday, March 02, 2016

INTERROGAZIONE DEL GRUPPO CONSILIARE DEL PDR DI ISOLA DELLE FEMMINE




Al
Sindaco
Stefano Bologna
Al
Presidente del Consiglio
Dott. Pietro Rappa
e p.c. Al
Al Direttore Generale del Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti
Ing. Domenico Armenio


Oggetto: Interrogazione sulle percentuali di raccolta differenziata di cui all’ordinanza sindacale n. 60 del 11/06/2015 – Proroga dell’affidamento ai sensi dell’art. 191 del D.Lgs. 152/2006 della raccolta differenziata nel territorio comunale.
           
           
            I sottoscritti Consiglieri Comunali del Comune di Isola delle Femmine,

premesso che:
»   con ordinanza sindacale n. 68 del 03/12/2014 ai sensi dell’art. 191 del D.Lgs. 152/2006 si è proceduto all’affidamento in via sostitutiva del servizio di raccolta dei rifiuti alla ditta Agesp S.p.A. per il periodo dal 05/12/2014 al 18/01/2015;
»   con ordinanza sindacale n. 10 del 17/01/2015, il servizio è stato prorogato di ulteriori 45 giorni fino al 04/03/2015 ed è stato ordinato all’Ufficio Tecnico Comunale (UTC) di avviare la raccolta differenziata;
»   con ordinanza sindacale n. 20 del 27/02/2015, il servizio è stato ulteriormente prorogato fino al 04/09/2015;
»   con ordinanza n. 60 del 11/06/2015 il Sindaco, ai sensi dell’art. 191 del D.Lgs. 152/2006, ha ulteriormente derogato alle vigenti norme in materia di gestione dei rifiuti che attribuiscono la competenza della gestione dell’intero ciclo dei rr.ss.uu. alle Autorità d’Ambito sovra comunali, istituite con legge regionale, nonché alle previsioni del D.Lgs. n. 163/2006, prorogando l’affidamento straordinario del servizio di raccolta dei rifiuti con efficacia fino alla individuazione del nuovo soggetto gestore del servizio a seguito dell’espletamento della gara.



Considerato che:
»   l’ordinanza in oggetto elenca fra le motivazioni della deroga alle vigenti norme il mantenimento della raccolta differenziata dei rr.ss.uu. quale procedura efficiente e sostenibile per la riduzione dell’impatto ambientale;
»   l’allegato 2, dell’ordinanza in oggetto, è stato redatto dall’UTC e riporta le percentuali di raccolta differenziata nei mesi di marzo, aprile e maggio 2015 rispettivamente attestate al 13%, 18% e 40%, con media trimestrale pari al 24%;
»   che dette percentuali sembrerebbero essere ottenuto dalla seguente formula di calcolo:


                                      RD  
% di Raccolta Differenziata = ---------------------------------   x 100   
                                   RI
RD = quantità rifiuti differenziati

RI = quantità rifiuti indifferenziati



Preso atto che:
» con nota n. 7560/S5 del 19/02/2016, il Servizio V – Osservatorio sui rifiuti – Ispettorato del Dip.to regionale dell’acqua e dei rifiuti, ha risposto ad una nostra richiesta di chiarimenti inoltrata in data 01/07/2015 e che il Sindaco è fra i destinatari di detta nota;
» nella suddetta nota si precisa che la Regione Siciliana fa riferimento, per il calcolo in oggetto, a quanto previsto dalla circolare congiunta dell’Ass.to regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità e dell’Ass.to regionale dell’economia n. 49794 del 17/12/2010.
» dalla predetta circolare si evince che la formula per il calcolo della percentuale della raccolta differenziata è la seguente:

                                             RD       
% di Raccolta Differenziata = ---------------------------------   x 100   
                                     (RI + RD)
RD = quantità rifiuti differenziati
RI = quantità rifiuti indifferenziati

Considerato che:
»   Applicando la suddetta formula prevista dalle norme si ottengono i seguenti risultati:



MARZO [Kg]
APRILE [Kg]
MAGGIO [Kg]
Totali [Kg]
RIF. BIODEGRADABILI DI CUCINE E MENSE
11.180
17.460
18.860
47.500
RIF. DIFFERENZIATI VARIE TIPOLOGIE
17.650
26.940
81.790
126.380
Totale
28.830
44.400
100.650
173.880





RIF. URBANI NON DIFFERENZIATI
225.360
248.505
253.731
727.596
RIF. TOTALI (RI+RD)
254.190
292.905
354.381
901.476
% differenziata ricalcolata
11,34
15,16
28,40
19,29
»   che detti risultati si presentano molto inferiori rispetto a quelli dichiarati nell’ordinanza n. n. 60 del 11/06/2015 con la quale il Sindaco, ai sensi dell’art. 191 del D.Lgs. 152/2006 ha derogato alle vigenti norme in materia di gestione dei rifiuti che attribuiscono la competenza della gestione dell’intero ciclo dei rr.ss.uu. alle Autorità d’Ambito sovra comunali, istituite con legge regionale, nonché alle previsioni del D.Lgs. n. 163/2006;
»   che la conclamata soglia del 40% sembrerebbe non essere mai stata raggiunta nei fatti stante il massimo valore raggiunto sarebbe 28,4%, un valore ben 12 punti percentuali al di sotto rispetto a quello documentato;
»   che la media trimestrale non raggiungerebbe nemmeno il 20% anziché il 24% così come attestato;
»   i dati sulla percentuale della raccolta differenziata, oltre ad essere stati allegati all’ordinanza sindacale n. 60 del 11/06/2015 e pubblicati nel sito internet istituzionale del Comune di Isola delle Femmine, sono stati ampiamente diffusi attraverso gli organi di informazione locali (TG3 e ), nazionali (SKY) e organi di stampa;
»   considerando che la percentuale di raccolta differenziata influisce nella determinazione del costo variabile del servizio di raccolta rifiuti e quindi direttamente nella TARI, un valore erroneamente calcolato per eccesso potrebbe creare nei cittadini legittime aspettative di riduzione della tariffa non sostenibili in termini di bilancio;
»   la richiesta di chiarimenti assume, in questi giorni, una connotazione ancora più rilevante se contestualizzata alla recentissima introduzione, nella legge finanziaria regionale, di una maggiorazione del tributo regionale per il conferimento in discarica per i comuni che non raggiungeranno la soglia del 65% di raccolta differenziata;

con l’intento di fare chiarezza sulle reali percentuali di raccolta differenziata raggiunte a partire dal mese di marzo 2015 fino a gennaio 2016 e sulla legittimità dell’ordinanza in oggetto,




INTERROGANO
            Il Sindaco e/o Assessore competente per conoscere

»  in maniera analitica, distinte per mese, a partire dal mese di marzo 2015 fino a gennaio 2016, le percentuali di raccolta differenziata raggiunte dall’Ente.

A norma di regolamento si chiede la risposta scritta e orale.

I Consiglieri Comunali





Distinti saluti
Isola delle Femmine,  15  marzo 2016

http://www.ilcarrettinodelleidee.com/sito/cronaca/item/2076-trapani-batte-un-colpo.html


INTERROGAZIONE  DEL GRUPPO CONSILIARE DEL PDR  DI ISOLA DELLE FEMMINE


AGESP, ARMENIO, ARO, ART 191 D LGS 152 2006, BOLOGNA,ORD SIND 10 17 01 15, ORD SIND 20 27 02 15, ORD SIND 60 11 06  15, ORD SIND 68 3 12 14, BONGIORNO VINCENZO,ANCONA GIROLAMA,BONGIORNO GREGORIO,TRAPANI,1971,

AGESP, ARMENIO, ARO, ART 191 D LGS 152 2006, BOLOGNA, Caltanisetta, D'Angelo, MINAFRA, nevoloso, ORD SIND 10 17 01 15, ORD SIND 20 27 02 15, ORD SIND 60 11 06  15, ORD SIND 68 3 12 14, RACCOLTA DIFFERENZIATA,


1971,1984, 1989, ASARO, BONGIORNO GREGORIO, BONGIORNO VINCENZO, BUCCELLATO, CALABRO', CASTELLAMARE DEL GOLFO, DURANTE, BONGIORNO GIROLAMA ANCONA, MAFIA AGESP, MAGADDINO, MERCADANTE, PENNOLINO, PLAIA, rifiuti, TRAPANI,


No comments: