CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Friday, December 25, 2015

Antonella De Miro nuovo Prefetto di Palermo venerdì, 25 dicembre 2015

Antonella De Miro nuovo Prefetto di Palermo  


venerdì, 25 dicembre 2015

E’ Antonella De Miro il nuovo prefetto di Palermo. La nomina è stata varata dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che ha anche destinato Annunziato Vardè da Ragusa a Brindisi, nominando Maria Carmela Librizzi al suo posto, e ha disposto che Fernando Guida da Enna sia trasferito a Isernia. Catanese, 60 anni, Antonella De Miro è stata prefetto di Reggio Emilia dal 2009 al 2014, e poi è stata nominata prefetto a Perugia. Durante la carriera si è distinta per l’azione di prevenzione e lotta contro le infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici e negli enti locali.
Antonella De Miro è nata a Catania l’11 aprile 1955. E’ coniugata e ha due figlie. Si è laureata in Giurisprudenza a Catania nel 1978, ed è stata successivamente cancelliere del Tribunale di Agrigento, fino al 1981. Dopo aver vinto il concorso nell’amministrazione dell’Interno è stata trasferita alla prefettura di Agrigento dove è stata assegnata all’Ufficio di Gabinetto, che ha iniziato a dirigere nel 1993. Promossa vice prefetto nel 1999, si è occupata in particolare delle questioni legate all’ordine e sicurezza pubblica nonché di problematiche emergenziali (fenomeno immigratorio, carenza degli approvvigionamenti idrici, soccorsi umanitari, interruzione dei collegamenti con le isole Pelagie, vertenze occupazionali), e dei controlli di prevenzione delle infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti e negli enti locali. Ha coordinato la Commissione di accesso ispettivo antimafia presso i comuni di Santa Margherita Belice, Ribera e Favara ed il Gruppo Ispettivo presso l’Ente Acquedotto del Voltano.
Nel marzo 2000 assume l’incarico di vicario della prefettura di Enna, e nel gennaio 2001 quello di vice prefetto vicario di Messina. Ha anche presieduto i Nuclei di Valutazione per le autorizzazioni prefettizie al conferimento in discarica dei rifiuti e le Commissioni per la individuazione dei siti dove allocare nuove discariche e per l’approvazione dei relativi progetti esecutivi della Regione. Nel 2003 assume le funzioni di vice prefetto vicario di Palermo, dove collabora il prefetto nelle problematiche riguardanti l’ordine e la sicurezza pubblica, occupandosi tra l’altro della effettiva destinazione a finalità sociali o di sicurezza dei beni confiscati alla mafia, individuando anche le risorse pubbliche per i necessari interventi di ristrutturazione e adeguamento.

No comments: