CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Wednesday, October 28, 2009

DELIBERA GIUNTA COMUNALE 95 20 OTTOBRE 2009 “ADOZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL’UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO. LA GIUNTA COMUNALE

Il Sindaco dà lettura della seguente proposta di deliberazione: 

“ADOZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL’UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO. LA GIUNTA COMUNALE 

Premesso che questo Comune considera una corretta e completa informazione e comunicazione indispensabile per lo svolgimento della propria attività amministrativa, e necessaria per un’effettiva partecipazione della collettività alla vita sociale e politica; 

Visto l’art.53 del vigente regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi comunali approvato con deliberazione della Giunta Municipale n°29 del 14 febbraio 2002, e successive modifiche ed integrazioni, che istituisce l’ufficio relazioni con il pubblico; 

Rilevato che al fine di sviluppare l’attività di informazione e comunicazione, nonché l’accesso di cittadini agli atti, pur nella tutela del diritto di riservatezza dei dati sensibili, si è evidenziata la necessità che venisse redatto un apposito regolamento che regoli il funzionamento dell’ufficio Relazioni con il Pubblico; 

Visto il succitato regolamento che si compone di n°11 articoli e ritenuto di dover procedere all’adozione dello stesso; 

DELIBERA Di dare concreta esecuzione alle previsioni di cui all’art.53 del Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi comunali che istituisce l’ufficio Relazioni con il Pubblico adottando l’allegato regolamento che si compone di n°11 articoli e che costituisce parte integrante e sostanziale della presente. 

PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT. 49 COMMA 1° e 151 COMMA 4° DEL D. LGS 18 AGOSTO 2000 N.267. 

Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione. 

 IL RESPONSABILE DEL SETTORE F.to N. Pirrone LA GIUNTA MUNICIPALE Vista la sopra indicata proposta di deliberazione, corredata dai pareri prescritti, con voti unanimi espressi per alzata di mano, accertati e proclamati dal Sindaco Presidente,

 DELIBERA Di approvare, in via definitiva, facendola propria, la superiore proposta di deliberazione. 

 COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE 


Regolamento per il funzionamento dell’Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Municipale N.95 del 20.10.2009 SOMMARIO 

Art. 1 – Principi generali 
Art. 2 – Finalità e funzioni dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico 
Art. 3 – Organizzazione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico 
Art. 4 – Front Office Art. 
5 – Back Office 
Art. 6 – Modalità di collegamento per la comunicazione interna 
Art. 7 – Servizi all’utenza per l’esercizio dei diritti di accesso 
Art. 8 – Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi
 Art. 9 – Comunicazione interna 
Art. 10 - Comunicazione pubblica 
Art. 11 – Formazione del personale 

Art. 1 Principi generali Il Comune di Isola delle Femmine considera il diritto di informazione e comunicazione indispensabile per lo svolgimento dell’attività amministrativa e per l’effettiva partecipazione della collettività alla vita sociale e politica del territorio.. 
Il Comune: 

• Sostiene e sviluppa le attività di informazione e di comunicazione verso i cittadini, singoli ed associati, verso i cittadini non residenti nella provincia ma che nella stessa lavorino o studino, verso gli stranieri legittimamente residenti;
• Assicura l’esercizio del diritto di informazione ed acceso agli atti in conformità alle leggi vigenti, attenendosi contestualmente ai principi della tutela della riservatezza di cui alla normativa attuale;
 • Promuove la piena utilizzazione dei servizi offerti anche mediante l’illustrazione delle disposizioni normative e amministrative e l’informazione sulle strutture e sui compiti dell’Ente; 
• Attua la verifica della qualità dei servizi e del loro gradimento anche mediante l’ascolto degli utenti. 
In attuazione a quanto sopra disposto, nel rispetto delle leggi attuali e dello Statuto Comunale, il presente Regolamento disciplina l’organizzazione ed il funzionamento dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico, di seguito indicato con la sigla U.R.P. 

Art. 2 Finalità e funzioni dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico L’U.R.P. svolge attività di: 
a) Ascolto attivo e relazionale del cittadino; 
b) Comunicazione esterna rivolta ai cittadini, alla collettività in ordine alle modalità organizzative dei servizi comunali; 
c) Comunicazione interna rivolta alla struttura comunale; In particolare l’attività di comunicazione è finalizzata 
a: illustrare e favorire la conoscenza delle disposizioni normative al fine di facilitarne l’applicazione; 
Promuovere l’informazione sui servizi al pubblico dell’Amministrazione Comunale illustrandone funzionamento; 
Favorire l’accesso ai servizi pubblici, promuovendone la conoscenza, 
Favorire processi interni di semplificazione delle procedure e di modernizzazione degli apparati nonché la conoscenza dell’avvio e del percorso dei procedimenti amministrativi. 

b) Riceve/trasmette all’ufficio interessato le richieste di accesso agli atti dell’Amministrazione e di partecipazione ai procedimenti amministrativi di cui alla legge 241/90; 
c) Orienta l’utenza sulle modalità di erogazione dei servizi del Comune ; 
d) Informa ed orienta l’utenza sui propri diritti stabiliti dalle leggi e dai regolamenti comunali. 

Art. 3 Organizzazione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico L’U.R.P. è costituito da: • Front Office che è il luogo dove i cittadini sono ascoltati ed ottengono risposte ai loro quesiti; 
• Back Office che è il luogo dove si elaborano le informazioni ai cittadini ed i programmi delle iniziative di comunicazione 

Art. 4 Front Office Il Front Office dell’U.R.P. svolge attività di: 
a) Ascolto del cittadino attraverso il colloquio diretto, il sistema di raccolta dei suggerimenti, la rilevazione dei bisogni e del livello di soddisfazione; 
b) Informazione generale riferita all’organizzazione ed all’attività dell’Ente ; 
c) Informazione specifica riferita alle modalità di accesso ai servizi erogati; 
d) Informazioni specialistiche riferite ad atti amministrativi complessi ed ai relativi iter procedimentali con attivazione dei singoli servizi; 
e) Gestione di un eventuale disservizio. 

Art. 5 Back Office Il back office dell’U.R.P. è costituito da personale che svolge attività di: 
a) Coordinamento dei rapporti con i referenti dei Servizi della struttura comunale per la predisposizione, aggiornamento, implementazione delle schede informative da inserire nella banca dati per l’attività del front office;
  
b) Coordinamento e predisposizione delle campagne di pubblica utilità su temi di rilevanza sociale; 
c) Predisposizione, in collaborazione con i referenti, della modulistica per la fruizione dei servizi erogati dall’Ente; 
d) Monitoraggio e controllo dei flussi informativi interni ed esterni all’Ente anche attraverso il collegamento con banche dati di altre istituzioni presenti sul territorio; 
e) Analisi del grado di soddisfazione del cittadino. Al fine di dare attuazione a quanto previsto dalla lettera a), entro 15 giorni dall’entrata in vigore del presente Regolamento, i singoli Servizi dovranno comunicare al personale dell’U.R.P. i nominativi dei loro referenti. 

Art. 6 Modalità di collegamento per la comunicazione interna I referenti di cui al precedente articolo hanno il compito di: 
a) Informare il personale dell’U.R.P. sull’attività dei propri Servizi mediante la compilazione di apposite schede informative predisposte e concertate; 
b) Garantire tempestivamente l’informazione su nuove iniziative promosse dai Servizi di competenza; 
c) Collaborare con il personale U.R.P. per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione su argomenti di pubblica utilità. 

Art. 7 Servizi all’utenza per l’esercizio dei diritti di accesso L’U.R.P. ha il compito di agevolare in qualsiasi modo il rapporto tra la Pubblica Amministrazione ed i cittadini e quindi: 
a) Fornisce, a richiesta, informazioni ai soggetti interessati, sugli atti, sulle unità organizzative competenti e sui relativi responsabili, nonché sullo svolgimento dei procedimenti amministrativi; 
b) Riceve copia di atti, elenchi, graduatorie, modulistica nonché ogni altra notizia utile da parte degli uffici interni. 

Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi L’U.R.P. al fine di migliorare il rapporto tra la Pubblica Amministrazione ed i cittadini:
a) Attiva sistemi di monitoraggio della qualità ed efficienza dei servizi erogati, rilevando bisogni e preferenze mediante l’ascolto degli utenti e l’accoglimento di segnalazioni di disservizi, reclami, richieste ed istanze, proposte e suggerimenti; b) Progetta e promuove iniziative per il miglioramento dei servizi e la semplificazione delle procedure. 

Art. 9 Comunicazione interna Fondamento di una efficace attività di relazioni esterne dell’Amministrazione è la comunicazione interna intesa come l’insieme di tutti i processi comunicativi interni all’organizzazione dell’ente. A tal proposito l’U.R.P.: 

a) Contribuisce, in collaborazione con gli altri uffici, all’ organizzazione dei flussi informativi interni attraverso l’ascolto e la verifica delle esigenze del cittadino; b) Promuove e gestisce l’attivazione di un sistema informativo di comunicazione basato su sistemi informatici; 
c) Promuove all’interno dell’organizzazione dell’Ente lo sviluppo di una cultura della comunicazione attraverso proposte di attività di formazione; 

Art. 10 Comunicazione pubblica L’U.R.P. al fine di garantire la piena partecipazione alla vita delle comunità locali: 
a) Promuove e realizza iniziative di comunicazione pubblica per garantire la conoscenza di normative, strutture pubbliche e servizi erogati; 
b) Promuove forme di partecipazione dei cittadini anche attraverso sistemi di interconnessione telematica; 
c) Promuove rapporti con altre strutture di informazione e comunicazione presenti sul territorio per condividere le banche dati e progettare campagne di sensibilizzate mirate; 
d) Promuove la realizzazione di reti integrate tra gli Uffici di Relazioni con il Pubblico di altri enti presenti sul territorio. 

Art. 11 Formazione del personale L’Amministrazione Comunale provvede alla promozione di iniziative di formazione ed aggiornamento relative ai compiti dell’Ufficio Relazioni con il pubblico per assicurare una  crescita professionale del personale assegnato, privilegiando il campo delle relazioni con l’utenza, della cultura dell’ascolto, delle tecniche per l’archiviazione delle informazioni e dei sistemi informatici.

Vincenzo Guastella Sindaco di Torretta: 


“SE NON SI RISOLVE LA SITUAZIONE MI DIMETTO”


(a fondo pagina riportiamo elenco dei Comuni debitori verso l'ATO PA1 e decreto ingiuntivo al comune di Isola delle Femmine)

Paesi sommersi dai rifiuti nei comuni del Carinese. Situazione critica nei comuni di Isola delle Femmine, Capaci, Torretta e Carini. I lavoratori interinali della Temporany che lavorano presso la Servizi Comunali Integrali e gli stessi lavoratori della società Ato Palermo 1, scioperano per ottenere il pagamento degli retribuzioni mensili.

Da tre giorni presidiano l’autoparco di Capaci, dove si sono registrati momenti di tensione tra gli stessi lavoratori. Un operaio si sfoga con le lacrime agli occhi: “Mi ha chiamato mia moglie, dice che servono il latte e i pannolini per il bambino, cosa le devo rispondere?

I dipendenti chiedono il pagamento delle mensilità, denunciano carenti misure di sicurezza e scarse condizioni igieniche. L’Ato Palermo 1 non riesce a pagare i dipendenti poiché alcuni comuni non avrebbero pagato i debiti verso la società d’ambito territoriale, che di conseguenza non può pagare i suoi operai per la raccolta dei rifiuti.

Torretta – Viene accolto con un applaso il sindaco di Torretta Vincenzo Guastella, che questa mattina si è recato presso l’autoparco di Capaci per stare a fianco dei lavoratori. La responsabilità per Vincenzo Guastella è dei comuni che hanno debiti con l’Ato. “Torretta invece – afferma il sindaco – è tra i pochissimi comuni che ha le carte in regola”. Guastella si dice pronto a lasciare la carica di sindaco nel caso in cui la situazione non verrà risolta.

Il primo cittadino ha passato la notte con i dipedenti dell’Ato Palermo 1 e della Temporary per evitare che uscissero gli autocompattatori in servizio dei comuni morosi. I lavoratori in scioperano, contestano anche i colleghi in servizio nel partinicese poiché non si sono affiancati insieme a loro nella protesta.


“La situazione igienica – afferma Occhipinti – è diventata insostenibile e quindi credo che non può essere soppresso un servizio pubblico, proprio per questo abbiamo scritto due lettere di contestazione verso l’Ato Palermo 1. Abbiamo appreso – continua il vicesindaco di Capaci – che in alcuni comuni la raccolta dei rifiuti viene effettuata regolarmente, questo non aiuta i lavoratori a sostenere la protesta, e non aiuta neanche i cittadini che si vedono sommersi da montagne di rifiuti. La situazione – conclude Bernie Occhipinti – mette in evidenza una gestione schizofrenica della società d’ambito territoriale nei confronti dei cittadini”.

Ato Palermo 1 – Se comuni e Regione non ci aiutano a pagare i dipendenti, saremo costretti a cercare volontari per raccogliere i rifiuti e il primo sarò io”: a dichiararlo è il presidente dell’Ato Palermo 1 Giacomo Palazzolo che è intervenuto sull’emergenza che stanno attraversando i comuni del carinese. Per Palazzolo occorre anche “un atto di responsabilità degli operai“. Intanto questa notte a Balestrate sono state bucate le gomme di quattro automezzi dell’Ato.
DEBITI DEI COMUNI VERSO ATO RIFIUTI:

Balestrate Euro 498.277,28

Borgetto Euro 285.713,38

Capaci Euro 2.016.337,84

Carini Euro 5.944.889,25

Cinisi Euro 1.057.430,32

Giardinello Euro 99.761,18

Isola Euro 2.646.079,79

Montelepre Euro 673.158,05

Partinico Euro 6.973.734,81

Torretta Euro 171.982,85

Trappeto Euro 346.057,52

COMPLESSIVO DEI DEBITI CHE L’ATO DEVE INCASSARE DAI COMUNI ELENCATI AD OTTOBRE 2008

EURO 20.713.421,47

A Isola delle Femmine ogni famiglia oltre a pagare annualmente l'esosa tassa sui rifiuti, ha contratto un debito di EURO 1.100 (SI! la munnezza costa cara)





ATTO INGIUNTIVO DI PAGAMENTO DA PARTE DEL COMUNE DI
ISOLA DELLE FEMMINE
euro 1.936.508,70




http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/ato-rifiuti-rischio-107-licenziamenti.html


ü A.T.O. “non ci sono soldi” i debiti dei comuni


ü Corte dei Conti e conti dell'ato pa 1


ü A.T.O rifiuti gestione costi e debiti


ü A.T.O. rifiuti rischio 107 licenziamenti


ü Nasce l’ato dell’acqua del palermitano


ü Rifiuti urbani/ Solo 27 Comuni rispettano la legge, tutti gli altri sotto la soglia, il Sud sotto terra


ü Isola delle Femmine. da questa sera in azione le “ronde gioiose”


ü Rifiuti politica e servizi segreti


ü Montelepre Scuola Rifiuti Differenziata


ü Zuccarello


ü Zuccarello Portobello Sicar discarica rifiuti?


ü Zuccarello Portobello Rifiuti Rifiutamoci Raccolta differenziata


ü per non dimenticare fatti e misfatti d... (Zuccarello)

No comments: