CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Wednesday, October 28, 2009

DELIBERA GIUNTA COMUNALE 95 20 OTTOBRE 2009 “ADOZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL’UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO. LA GIUNTA COMUNALE

Il Sindaco dà lettura della seguente proposta di deliberazione: 

“ADOZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL’UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO. LA GIUNTA COMUNALE 

Premesso che questo Comune considera una corretta e completa informazione e comunicazione indispensabile per lo svolgimento della propria attività amministrativa, e necessaria per un’effettiva partecipazione della collettività alla vita sociale e politica; 

Visto l’art.53 del vigente regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi comunali approvato con deliberazione della Giunta Municipale n°29 del 14 febbraio 2002, e successive modifiche ed integrazioni, che istituisce l’ufficio relazioni con il pubblico; 

Rilevato che al fine di sviluppare l’attività di informazione e comunicazione, nonché l’accesso di cittadini agli atti, pur nella tutela del diritto di riservatezza dei dati sensibili, si è evidenziata la necessità che venisse redatto un apposito regolamento che regoli il funzionamento dell’ufficio Relazioni con il Pubblico; 

Visto il succitato regolamento che si compone di n°11 articoli e ritenuto di dover procedere all’adozione dello stesso; 

DELIBERA Di dare concreta esecuzione alle previsioni di cui all’art.53 del Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi comunali che istituisce l’ufficio Relazioni con il Pubblico adottando l’allegato regolamento che si compone di n°11 articoli e che costituisce parte integrante e sostanziale della presente. 

PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT. 49 COMMA 1° e 151 COMMA 4° DEL D. LGS 18 AGOSTO 2000 N.267. 

Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione. 

 IL RESPONSABILE DEL SETTORE F.to N. Pirrone LA GIUNTA MUNICIPALE Vista la sopra indicata proposta di deliberazione, corredata dai pareri prescritti, con voti unanimi espressi per alzata di mano, accertati e proclamati dal Sindaco Presidente,

 DELIBERA Di approvare, in via definitiva, facendola propria, la superiore proposta di deliberazione. 

 COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE 


Regolamento per il funzionamento dell’Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Municipale N.95 del 20.10.2009 SOMMARIO 

Art. 1 – Principi generali 
Art. 2 – Finalità e funzioni dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico 
Art. 3 – Organizzazione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico 
Art. 4 – Front Office Art. 
5 – Back Office 
Art. 6 – Modalità di collegamento per la comunicazione interna 
Art. 7 – Servizi all’utenza per l’esercizio dei diritti di accesso 
Art. 8 – Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi
 Art. 9 – Comunicazione interna 
Art. 10 - Comunicazione pubblica 
Art. 11 – Formazione del personale 

Art. 1 Principi generali Il Comune di Isola delle Femmine considera il diritto di informazione e comunicazione indispensabile per lo svolgimento dell’attività amministrativa e per l’effettiva partecipazione della collettività alla vita sociale e politica del territorio.. 
Il Comune: 

• Sostiene e sviluppa le attività di informazione e di comunicazione verso i cittadini, singoli ed associati, verso i cittadini non residenti nella provincia ma che nella stessa lavorino o studino, verso gli stranieri legittimamente residenti;
• Assicura l’esercizio del diritto di informazione ed acceso agli atti in conformità alle leggi vigenti, attenendosi contestualmente ai principi della tutela della riservatezza di cui alla normativa attuale;
 • Promuove la piena utilizzazione dei servizi offerti anche mediante l’illustrazione delle disposizioni normative e amministrative e l’informazione sulle strutture e sui compiti dell’Ente; 
• Attua la verifica della qualità dei servizi e del loro gradimento anche mediante l’ascolto degli utenti. 
In attuazione a quanto sopra disposto, nel rispetto delle leggi attuali e dello Statuto Comunale, il presente Regolamento disciplina l’organizzazione ed il funzionamento dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico, di seguito indicato con la sigla U.R.P. 

Art. 2 Finalità e funzioni dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico L’U.R.P. svolge attività di: 
a) Ascolto attivo e relazionale del cittadino; 
b) Comunicazione esterna rivolta ai cittadini, alla collettività in ordine alle modalità organizzative dei servizi comunali; 
c) Comunicazione interna rivolta alla struttura comunale; In particolare l’attività di comunicazione è finalizzata 
a: illustrare e favorire la conoscenza delle disposizioni normative al fine di facilitarne l’applicazione; 
Promuovere l’informazione sui servizi al pubblico dell’Amministrazione Comunale illustrandone funzionamento; 
Favorire l’accesso ai servizi pubblici, promuovendone la conoscenza, 
Favorire processi interni di semplificazione delle procedure e di modernizzazione degli apparati nonché la conoscenza dell’avvio e del percorso dei procedimenti amministrativi. 

b) Riceve/trasmette all’ufficio interessato le richieste di accesso agli atti dell’Amministrazione e di partecipazione ai procedimenti amministrativi di cui alla legge 241/90; 
c) Orienta l’utenza sulle modalità di erogazione dei servizi del Comune ; 
d) Informa ed orienta l’utenza sui propri diritti stabiliti dalle leggi e dai regolamenti comunali. 

Art. 3 Organizzazione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico L’U.R.P. è costituito da: • Front Office che è il luogo dove i cittadini sono ascoltati ed ottengono risposte ai loro quesiti; 
• Back Office che è il luogo dove si elaborano le informazioni ai cittadini ed i programmi delle iniziative di comunicazione 

Art. 4 Front Office Il Front Office dell’U.R.P. svolge attività di: 
a) Ascolto del cittadino attraverso il colloquio diretto, il sistema di raccolta dei suggerimenti, la rilevazione dei bisogni e del livello di soddisfazione; 
b) Informazione generale riferita all’organizzazione ed all’attività dell’Ente ; 
c) Informazione specifica riferita alle modalità di accesso ai servizi erogati; 
d) Informazioni specialistiche riferite ad atti amministrativi complessi ed ai relativi iter procedimentali con attivazione dei singoli servizi; 
e) Gestione di un eventuale disservizio. 

Art. 5 Back Office Il back office dell’U.R.P. è costituito da personale che svolge attività di: 
a) Coordinamento dei rapporti con i referenti dei Servizi della struttura comunale per la predisposizione, aggiornamento, implementazione delle schede informative da inserire nella banca dati per l’attività del front office;
  
b) Coordinamento e predisposizione delle campagne di pubblica utilità su temi di rilevanza sociale; 
c) Predisposizione, in collaborazione con i referenti, della modulistica per la fruizione dei servizi erogati dall’Ente; 
d) Monitoraggio e controllo dei flussi informativi interni ed esterni all’Ente anche attraverso il collegamento con banche dati di altre istituzioni presenti sul territorio; 
e) Analisi del grado di soddisfazione del cittadino. Al fine di dare attuazione a quanto previsto dalla lettera a), entro 15 giorni dall’entrata in vigore del presente Regolamento, i singoli Servizi dovranno comunicare al personale dell’U.R.P. i nominativi dei loro referenti. 

Art. 6 Modalità di collegamento per la comunicazione interna I referenti di cui al precedente articolo hanno il compito di: 
a) Informare il personale dell’U.R.P. sull’attività dei propri Servizi mediante la compilazione di apposite schede informative predisposte e concertate; 
b) Garantire tempestivamente l’informazione su nuove iniziative promosse dai Servizi di competenza; 
c) Collaborare con il personale U.R.P. per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione su argomenti di pubblica utilità. 

Art. 7 Servizi all’utenza per l’esercizio dei diritti di accesso L’U.R.P. ha il compito di agevolare in qualsiasi modo il rapporto tra la Pubblica Amministrazione ed i cittadini e quindi: 
a) Fornisce, a richiesta, informazioni ai soggetti interessati, sugli atti, sulle unità organizzative competenti e sui relativi responsabili, nonché sullo svolgimento dei procedimenti amministrativi; 
b) Riceve copia di atti, elenchi, graduatorie, modulistica nonché ogni altra notizia utile da parte degli uffici interni. 

Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi L’U.R.P. al fine di migliorare il rapporto tra la Pubblica Amministrazione ed i cittadini:
a) Attiva sistemi di monitoraggio della qualità ed efficienza dei servizi erogati, rilevando bisogni e preferenze mediante l’ascolto degli utenti e l’accoglimento di segnalazioni di disservizi, reclami, richieste ed istanze, proposte e suggerimenti; b) Progetta e promuove iniziative per il miglioramento dei servizi e la semplificazione delle procedure. 

Art. 9 Comunicazione interna Fondamento di una efficace attività di relazioni esterne dell’Amministrazione è la comunicazione interna intesa come l’insieme di tutti i processi comunicativi interni all’organizzazione dell’ente. A tal proposito l’U.R.P.: 

a) Contribuisce, in collaborazione con gli altri uffici, all’ organizzazione dei flussi informativi interni attraverso l’ascolto e la verifica delle esigenze del cittadino; b) Promuove e gestisce l’attivazione di un sistema informativo di comunicazione basato su sistemi informatici; 
c) Promuove all’interno dell’organizzazione dell’Ente lo sviluppo di una cultura della comunicazione attraverso proposte di attività di formazione; 

Art. 10 Comunicazione pubblica L’U.R.P. al fine di garantire la piena partecipazione alla vita delle comunità locali: 
a) Promuove e realizza iniziative di comunicazione pubblica per garantire la conoscenza di normative, strutture pubbliche e servizi erogati; 
b) Promuove forme di partecipazione dei cittadini anche attraverso sistemi di interconnessione telematica; 
c) Promuove rapporti con altre strutture di informazione e comunicazione presenti sul territorio per condividere le banche dati e progettare campagne di sensibilizzate mirate; 
d) Promuove la realizzazione di reti integrate tra gli Uffici di Relazioni con il Pubblico di altri enti presenti sul territorio. 

Art. 11 Formazione del personale L’Amministrazione Comunale provvede alla promozione di iniziative di formazione ed aggiornamento relative ai compiti dell’Ufficio Relazioni con il pubblico per assicurare una  crescita professionale del personale assegnato, privilegiando il campo delle relazioni con l’utenza, della cultura dell’ascolto, delle tecniche per l’archiviazione delle informazioni e dei sistemi informatici.

Vincenzo Guastella Sindaco di Torretta: 


“SE NON SI RISOLVE LA SITUAZIONE MI DIMETTO”


(a fondo pagina riportiamo elenco dei Comuni debitori verso l'ATO PA1 e decreto ingiuntivo al comune di Isola delle Femmine)

Paesi sommersi dai rifiuti nei comuni del Carinese. Situazione critica nei comuni di Isola delle Femmine, Capaci, Torretta e Carini. I lavoratori interinali della Temporany che lavorano presso la Servizi Comunali Integrali e gli stessi lavoratori della società Ato Palermo 1, scioperano per ottenere il pagamento degli retribuzioni mensili.

Da tre giorni presidiano l’autoparco di Capaci, dove si sono registrati momenti di tensione tra gli stessi lavoratori. Un operaio si sfoga con le lacrime agli occhi: “Mi ha chiamato mia moglie, dice che servono il latte e i pannolini per il bambino, cosa le devo rispondere?

I dipendenti chiedono il pagamento delle mensilità, denunciano carenti misure di sicurezza e scarse condizioni igieniche. L’Ato Palermo 1 non riesce a pagare i dipendenti poiché alcuni comuni non avrebbero pagato i debiti verso la società d’ambito territoriale, che di conseguenza non può pagare i suoi operai per la raccolta dei rifiuti.

Torretta – Viene accolto con un applaso il sindaco di Torretta Vincenzo Guastella, che questa mattina si è recato presso l’autoparco di Capaci per stare a fianco dei lavoratori. La responsabilità per Vincenzo Guastella è dei comuni che hanno debiti con l’Ato. “Torretta invece – afferma il sindaco – è tra i pochissimi comuni che ha le carte in regola”. Guastella si dice pronto a lasciare la carica di sindaco nel caso in cui la situazione non verrà risolta.

Il primo cittadino ha passato la notte con i dipedenti dell’Ato Palermo 1 e della Temporary per evitare che uscissero gli autocompattatori in servizio dei comuni morosi. I lavoratori in scioperano, contestano anche i colleghi in servizio nel partinicese poiché non si sono affiancati insieme a loro nella protesta.


“La situazione igienica – afferma Occhipinti – è diventata insostenibile e quindi credo che non può essere soppresso un servizio pubblico, proprio per questo abbiamo scritto due lettere di contestazione verso l’Ato Palermo 1. Abbiamo appreso – continua il vicesindaco di Capaci – che in alcuni comuni la raccolta dei rifiuti viene effettuata regolarmente, questo non aiuta i lavoratori a sostenere la protesta, e non aiuta neanche i cittadini che si vedono sommersi da montagne di rifiuti. La situazione – conclude Bernie Occhipinti – mette in evidenza una gestione schizofrenica della società d’ambito territoriale nei confronti dei cittadini”.

Ato Palermo 1 – Se comuni e Regione non ci aiutano a pagare i dipendenti, saremo costretti a cercare volontari per raccogliere i rifiuti e il primo sarò io”: a dichiararlo è il presidente dell’Ato Palermo 1 Giacomo Palazzolo che è intervenuto sull’emergenza che stanno attraversando i comuni del carinese. Per Palazzolo occorre anche “un atto di responsabilità degli operai“. Intanto questa notte a Balestrate sono state bucate le gomme di quattro automezzi dell’Ato.
DEBITI DEI COMUNI VERSO ATO RIFIUTI:

Balestrate Euro 498.277,28

Borgetto Euro 285.713,38

Capaci Euro 2.016.337,84

Carini Euro 5.944.889,25

Cinisi Euro 1.057.430,32

Giardinello Euro 99.761,18

Isola Euro 2.646.079,79

Montelepre Euro 673.158,05

Partinico Euro 6.973.734,81

Torretta Euro 171.982,85

Trappeto Euro 346.057,52

COMPLESSIVO DEI DEBITI CHE L’ATO DEVE INCASSARE DAI COMUNI ELENCATI AD OTTOBRE 2008

EURO 20.713.421,47

A Isola delle Femmine ogni famiglia oltre a pagare annualmente l'esosa tassa sui rifiuti, ha contratto un debito di EURO 1.100 (SI! la munnezza costa cara)





ATTO INGIUNTIVO DI PAGAMENTO DA PARTE DEL COMUNE DI
ISOLA DELLE FEMMINE
euro 1.936.508,70




http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/ato-rifiuti-rischio-107-licenziamenti.html


ü A.T.O. “non ci sono soldi” i debiti dei comuni


ü Corte dei Conti e conti dell'ato pa 1


ü A.T.O rifiuti gestione costi e debiti


ü A.T.O. rifiuti rischio 107 licenziamenti


ü Nasce l’ato dell’acqua del palermitano


ü Rifiuti urbani/ Solo 27 Comuni rispettano la legge, tutti gli altri sotto la soglia, il Sud sotto terra


ü Isola delle Femmine. da questa sera in azione le “ronde gioiose”


ü Rifiuti politica e servizi segreti


ü Montelepre Scuola Rifiuti Differenziata


ü Zuccarello


ü Zuccarello Portobello Sicar discarica rifiuti?


ü Zuccarello Portobello Rifiuti Rifiutamoci Raccolta differenziata


ü per non dimenticare fatti e misfatti d... (Zuccarello)

Friday, October 23, 2009

2009 6 NOVEMBRE TAR RADAR WIND SHEAR ISOLA DELLE FEMMINE

Manifestazione Cittadina organizzata Coordinamento "No Radar a Isola delle Femmine"



TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE SEDE PALERMO



Num. Reg. Gen.: 1765/2009


Data Dep.: 22/10/2009



Sezione: 3



Oggetto del ricorso: AUTORIZZAZIONE IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PER LA REALIZZAZIONE DI UN RADAR



Istanza di fissazione:

Istanza di prelievo: NO



Ricorrenti:

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE



Resistenti:

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO AMBIENTE

CONSIGLIO REGIONALE DELL'URBANISTICA

DIRIGENTE GENERALE DELL'ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ENAV SPA





Avvocati

Nome: GIUSEPPE Cognome: SPINELLI

AVVOCATURA DISTRETTUALE PA

Nome: SAVERIO Cognome: LO MONACO





Atti Depositati

Deposito 05/11/2009 Parte ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO AMBIENTE

Atto Depositato ATTO > DI COSTITUZIONE




Deposito 30/10/2009 Parte ENAV SPA

Atto Depositato MEMORIA > DI COSTITUZIONE




Deposito 22/10/2009 Parte COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE

Atto Depositato DOMANDA > FISSAZIONE UDIENZA




Deposito 22/10/2009 Parte COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE

Atto Depositato RICORSO





Provvedimenti

Esito RESPINGE Tipologia ORDINANZA SOSPENSIVA

Data Provvedimento 09/11/2009 Numero 200901038

Decreti

Nessun decreto


Udienze

Data fiss. udienza: 06/11/2009

Tipologia udienza: CAMERA DI CONSIGLIO

Relatore: FEDERICA CABRINI

Tipologia del relatore: CONSIGLIERE

Tipologia componente: PRESIDENTE

Terzo componente: MARIA CAPPELLANO

Tipologia componente: REFERENDARIO






N. 01038/2009 REG.ORD.SOSP.

N. 01765/2009 REG.RIC.           


REPUBBLICA ITALIANA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

(Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 1765 del 2009, proposto dal Comune di Isola delle Femmine, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall’avv. Saverio Lo Monaco, presso il cui studio, sito in Palermo, via dei Biscottari, n. 17, è elettivamente domiciliato;

contro

- l’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente della Regione Siciliana, in persona dell’Assessore pro tempore, rappresentato e difeso ope legis dall’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo, presso i cui Uffici, siti in Palermo, via A. De Gasperi, n. 81, è domiciliato ex lege;
- il Dirigente Generale dell’Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana, non costituito in giudizio;
- il Consiglio Regionale dell’Urbanistica, in persona del legale rappresentante pro tempore, non costituito in giudizio;

nei confronti di

Enav s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avv.ti Azzurra Alimonti e Giuseppe Pinelli ed elettivamente domiciliata presso lo studio del secondo, sito in Palermo, Piazza Virgilio, n. 4;

per l'annullamento, previa sospensione dell'efficacia:

- del decreto dirigenziale n. 364/DRU del 7/5/2009 con il quale è stato autorizzato in variante allo strumento urbanistico vigente nel Comune di Isola delle Femmine, il progetto per l’istallazione di un impianto radar meteo presso il sito della Marina Militare Italiana;

- del parere del Consiglio Regionale dell’Urbanistica reso con il voto n. 144 del 18/3/2009;

- di ogni altro atto presupposto, connesso o conseguente;



VISTO il ricorso introduttivo del giudizio;

VISTA la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato;

VISTO l’atto di costituzione in giudizio dell’ENAV s.p.a. e dell’Assessorato Territorio ed Ambiente;

UDITO il Relatore, Cons. Federica Cabrini, ed uditi altresì i difensori delle parti presenti, come da verbale;

VISTO l’art. 21 l. 1034/1971;



RILEVATO che, ad un sommario esame proprio della fase cautelare, il ricorso non appare assistito da sufficiente fumus boni iuris tenuto conto:

- del disposto di cui all’art. 1 l.r. n. 5/08 laddove per “ammodernamento e potenziamento” di opere strettamente funzionali alla sicurezza dei voli possono intendersi anche “nuove opere”;

- della mancata tempestiva impugnazione del provvedimento dell’Assessorato Territorio e Ambiente 2/8/2006, prot. n. 50148, con la quale si è ritenuta la non necessità di procedere alla valutazione di incidenza ambientale;

RITENUTO peraltro che dalla documentazione in atti non emerge, allo stato, l’esistenza di un effettivo pericolo per la salute derivante dall’installazione del radar, mentre risulta notorio il pericolo per la sicurezza dei voli derivante dai fenomeni di wind shear, per cui - tenuto conto anche del bilanciamento dei contrapposti interessi - va respinta la domanda di sospensione dell’esecuzione sopra descritta.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sezione Terza, respinge la domanda di sospensione dell’esecuzione dei provvedimenti impugnati con il ricorso in epigrafe indicato.

Spese al definitivo.

La presente ordinanza sarà eseguita dall'Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Palermo nella camera di consiglio del giorno 6 novembre 2009 con l'intervento dei Magistrati:



Calogero Adamo, Presidente

Federica Cabrini, Consigliere, Estensore

Maria Cappellano, Referendario






W I N D S H E A R

*Onorevole Signor Presidente della Repubblica Isola Pulita scrive al Presidente

Thursday, October 22, 2009

2009 22 OTTOBRE ASSUNZIONI E VOTO DI SCAMBIO?

ASSUNZIONI E VOTO DI SCAMBIO?


ASSUNZIONI E VOTO DI SCAMBIO?


Alcuni giorni orsono abbiamo assistito ad uno spettacolo indecente ed avvilente per la democrazia, i diritti e i doveri.

Protagonisti amministratori e “potenziali dipendenti”.

Era prevedibile che le cambiali firmate o meno, a sostegno della campagna elettorale per le elezioni amministrative, sarebbero arrivate a scadenza ed i creditori ne avrebbero preteso l’incasso.

Non di denaro consisteva il credito “promesso” ( Il denaro da voci udite sembra sia stato offerto prima e precisamente 10.000 euro) bensì di LAVORO!

Fuori dai nostri intenti di offendere le coscienze libere e sane dei Cittadini isolani, risparmiamo di riferire: insulti grida minacce che vicendevolmente si scambiavano “Creditori e Debitori”, sotto la sede del Municipio. Il Sindaco è stato costretto a chiamare i carabinieri per farsi proteggere, sembra che abbia provveduto a denunciare qualche “aspirante dipendente”.

Uno spettacolo veramente indecente, basare la propria carriera politica-amministrativa sui BISOGNI delle PERSONE.

Assunzioni clientelari e voto di scambio?
Ecco come si possono giustificare i successi elettorali di alcuni gruppi ben individuati di “politici” locali. Gruppi e personaggi che continuano a scambiare le proprie cariche come uffici di “collocamento”.

Nelle ultime elezioni abbiamo assistito ad un mortificante via-vai della speranza di giovani e padri di famiglia che per una promessa di posto di lavoro si sono resi disponibili a riempire la nostra piazza e a sostenere la campagna elettorale amministrativa come segno di riconoscenza.

Come può un paese aprirsi al cambiamento con questi metodi coercitivi e ricattatori?

Può un cittadino “onesto” pensare che improvvisati “politici” possano avere una qualche etica nella gestione del pubblico denaro?

Quanto è accaduto nelle scorse elezioni non è altro che la prosecuzione dei vecchi metodi di sempre che riproducono la solita spartizione dei posti di lavoro.

I soliti “avvoltoi” non si lasciano sfuggire nessuna occasione per aprirsi al più avvilente clientelismo.

Da parte nostra diciamo basta alla mortificazione delle coscienze: non è più possibile anteporre:

Il denaro a tutto!

La nostra Comunità sta andando a rotoli perché non esistono più regole, se non quelle stabilite dai soliti “ignoti”.

Vedasi la vicenda degli abusi edilizi denunciati in queste settimane. Sembra siano coinvolti direttamente e/o indirettamente anche dei nostri amministratori.

Si proprio quei Signori che dovrebbero essere per i Cittadini di Isola delle Femmine modello di onestà lealtà trasparenza legalità rispetto e responsabilità per la funzione che ricoprono.

Un domani saremo tutti corresponsabili perché è questo modello di agire politico amministrativo che stiamo trasmettendo alle nuove generazioni.

Non comprendiamo il perché quando arriva nel nostro paese un’impresa o comunque una qualche attività imprenditoriale, si debba consumare questa pratica deteriore, che vede predominare la logica della spartizione tra “eletti”.

Si può chiedere al Sindaco una vigilanza politica attorno a queste situazioni, alla magistratura poi il compito di individuare ipotesi di reato.


E non solo quello relativo al voto di scambio. 


Comitato Cittadino Isola Pulita


Beghe di Paese?

Questa mattina mi sono recato presso la stazione dei Carabinieri di Isola delle Femmine e in un colloquio avuto con Il Comandante della Stazione mi è stato riferito: che non è stata presentata nessun tipo di denuncia, esposto querela o “delazione”, sulla mia persona o di un componente della mia famiglia.
L’incontro di cui ringrazio il Comandante, è stato da me caldeggiato a seguito di notizie FATTE di proposito circolare in paese, per una mia presunta violazione delle norme edilizie.

Ancora una volta i Cittadini di Isola delle Femmine si possono rendere conto che gli autori di tali “accanimenti e/o persecuzioni” contro chiunque ostacoli le “cose loro”, inficia (eufemismo), fa venir meno il significato della Responsabilità,della Legalità e del Rispetto delle Regole (la mia bussola) che dovrebbe indurre gli organi preposti ad individuare comportamenti univoci e programmati per rendere più equa e soprattutto efficace la battaglia verso questo modo di fare assai diffuso e illegale.

Pino Ciampolillo

Saturday, October 17, 2009

2009 17 OTTOBRE IL PONTE SULLO STRETTO UN CITTADINO SCRIVE A BERLUSCONI SILVIO

Ho travato la lettera che ti invio molto interessante e certamente aiuta a far riflettere su questa grande questione siciliana del “Ponte sullo Sterro”.
Vale la pena dedicare 3 minuti per leggerla.

Saverio Merlino
Via Dante Alighieri, 2
Isola di Lipari


Lettera dei siciliani della Diaspora a Silvio Berlusconi



Una tragica notte di piogge, pur torrenziali, ha messo in ginocchio le contrade piu' vicine a Messina seminando lutti e distruzione.

E' stato come se la natura si fosse improvvisamente ribellata allo scempio delle montagne, dei torrenti, dei greti dei fiumi che l'uomo continua a programmare ed abbia deciso di interrompere - per una notte - la magia dell'autunno infinito che, come succede da sempre in Sicilia, protrae caldi aneliti dell'estate isolana per affidarci un avanzo d'inverno nell'apocalisse di pietre e fango.

Poi il rincorrersi dell'attualità, i momenti di fervida attesa, le elucubrazioni delle autorità, gli anatemi delle coscienze, in un Paese, l'Italia, che continua la sua ricreazione senza sentire il dovere di tributare onore (come avevano fatto invece persino per Mike Bongiorno!) alle vittime innocenti di una tragedia annunciata nelle concessioni edilizie, nelle aree agricole diventate urbane per grazia (e voti) ricevuta, nello stravolgimento della natura e per questo una tragedia addebitata agli stessi messinesi.

Oggi il fango si è solidificato e la costruzione di case "abruzzesi"
diventa promessa e gli italici pensano di aver addormentato ancora per una volta, l'ennesima, le coscienze dei siciliani che vogliono continuare ad Autunno in Sicilia e' stagione impareggiabile, uno stato di grazia della natura che si pone tra il sole ancora caldo, il mare scintillante e i vigneti di zibbibbo e uva da venire e protrae le giornate come se cosi' ritardasse infine l'arrivo dell'inverno, lui si', negazione della vita, negazione della Sicilia.

Autunno sulle rive dello Stretto è fenomeno e magia.

La costa calabra sembra potersi toccare quando il vento insedia Fatamorgana e solleva in bolle e onde spumeggianti i vortici di Scillaecariddi, mentre luntri e feluche cercano per le ultime battute di pesca pescispada e tonnacchioli che ritardano la partenza da queste acque senza uguali.

La notte poi le due coste scintillano di luci e voli di falene e pesciluna, disturbati solo dalla scia di pochi ferryboat.

Ma Ieri, a proposito della reiterata attitudine dell'uomo a voler violentare la natura e mutare il corso delle cose, il presidente del consiglio ha annunciato "urbis et orbis" di voler regalare ai siciliani un manufatto per l'attraversamento di questo stretto di magie; un ponte per collegare Sicilia e continente, un Ponte per faci sentire italiani....

Fino a quando dovremo sentire queste scelleratezze?
Fino a quando lasceremo che altri decidano a nome nostro?
Che cosa c'entra il signore di Arcore, pianura padana, con lo Stretto degli incantesimi?

Ma che cosa ne sa lui della nostra isola, lui che il Paradiso se lo deve costruire e non lo ha trovato dietro la porta come abbiamo fatto noi?

E che cosa ne puo' sapere il suo ministro dei trasporti, uomo senza voti e che vive di listini bloccati per fondare la sua carriera di transfuga e ministro?
Ma quale Italia vuole regalare alla Sicilia il signor Berlusca?

Quella che rifiuta i funerali solenni ai suoi figli migliori? quella che ci regala Lombardo e Miccichè?
Si rende conto che sarebbe piu' consono dire che è proprio l'Isola, la Sicilia, che non vuole regalarsi all'Italia?

Una patria la si riconosce dal rispetto per tutti i suoi territori, dalla eguaglianza di trattamento per tutti i suoi cittadini, dalla cura nell'amministrazione della cosa pubblica.

Ora, quale rispetto per la Sicilia ha mai mostrato questa patria lontana se tutti i territori sono sventrati e sconvolti?
quale eguaglianza se i figli migliori dell'Isola devono trovare altrove le possibilità di lavoro e di futuro che la "Roma ladrona" di leghista memoria nega quale cura dell'amministrazione pubblica se in ogni confronto elettorale i partiti romani piombano sull'Isola come feroci saladini per Oggi Berlusconi, e troppi con lui, continuano a parlare di un Ponte Stretto.

Ma lo sa Berlusconi che in Sicilia per andare da Agrigento a Messina bisogna impiegare almeno 4 ore di strade statali per arrivare a quella bretella autostradale, quella autostrada Palermo-Messina che il Presidente aveva tanto prosaicamente inaugurato quando era operativa solo a corsia unica?

E le ferrovie, conosce Berlusconi e il signor Moretti, Amministratore delegato, lo stato delle ferrovie siciliane? la frequenza delle tratte che lavorano ancora a scartamento ridotto, la vetustà delle carrozze destinate al servizio dell'Isola?

Prima di costruire un Ponte, signor Berlusconi, la ragione ci impone un semplice doppio paradigma: cosa trasferire da una parte all'altra e come arrivare ai piedi di questo ponte.

Ora potremmo trasportare al di là del faro le nostre arance; ma perchè non pensiamo a costruire industrie di trasformazione e trasportare poi al di là le essenze e le deterpenate, costruendo prima del ponte possibilità di occupazione e un indotto che prenda dall'agricoltura linfa vitale per creare benessere?

Perchè non mettere mano finalmente alla costruzione di una rete autostradale che serva tutta la Trinacria, i tre punti da capo Passero a capo Peloro, a capo Lilibeo senza dover affrontare veri e propri peripli per dovere, ad esempio, prendere un aereo in uno dei tre aeroporti isolani Punta Raisi, Fontanarossa e Birgi?

Non sarebbe piu' utile impiegare quei fondi, altrimenti destinati, alla costruzione di aeroporti settoriali per evitare le lunghe file e le lunghe veglie?

Per non parlare poi dello scempio del territorio che verrebbe stravolto dai terminali di quest'opera, che non sono limitati come la costruzione di un raccordo autostradale, ma cambierebbero in toto la morfologia di luoghi che vanno dalla periferia sud di Messina, quindi Giampilieri, Tremestieri, Scaletta Zanclea, le zone tristemente alla ribalta della cronaca per l'alluvione, ai siti magici dei laghi di Ganzirri, di Mortelle e oltre Casa Bianca che scomparirebbero letteralmente sotto cemento e malaffare.

Isola siamo ma continuiamo sempre a prendere in considerazione solo il trasporto gommato senza invece immagginarci il potenziamento dei tanti porti isolani, vere e proprie porte per le autostrade del mare, metodo di trasporto efficace, a costi ridotti e ad impatto ambientale nullo.

Potremmo continuare con l'elencazione di altre opere pubbliche che servirebbero in maniera prioritaria alla Sicilia invece di quel manufatto per l'attraversamento dello Stretto, finora servito ad arricchire Impresit e compartecipate rigorosamente statali per gli studi di fattibilità, sempre ricominciabili da zero.

Un ponte sinonimo di futuro nella mente delle autorità (ma chi sono?) paradigma poi della tendenza di ogni governo italico che nei confronti della Sicilia ha sempre voluto apparire piu' che realmente fare, accaparrandosene, a piene mani, i tesori millenari.



Eugenio Preta
Presidente confederazione giornalisti e dei media siciliani nel mondo



Leggi anche:





Messina una tragedia annunciata


http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/10/messina-una-tragedia-annunciata.html





La pietà non è uguale per tutti


http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/10/licenza-edilizia-in-sanatoria-di.html



Le notizie che non leggerete altrove


http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/10/messina-una-tragedia-annunciata.html









inoltre: