CONTRO L'ARROGANZA DEL POTERE:

PER LA LEGALITA', PER LA PARTECIPAZIONE, PER LA TRASPARENZA. PER IL CONFRONTO,PER LA CONDIVISIONE, PER L'INCLUSIONE, PER LA SOLIDARIETA', PER LA PROGETTUALITA', PER LA REALIZZAZIONE, PER L'ACCOGLIENZA, PER IL RISPETTO








Thursday, October 30, 2008













Giornale di Sicilia pag 24 giovedì 30 ottobre 2008


Ambiente Ordinanza del sindaco contro i mezzi della ltalcementi

“Provoca il cancro” stop ai camion carichi di pet-coke


Stop al trasporto di pet-coke Per le strade della città. A meno che non venga caricato su speciali mezzi a tenuta ermetica, evitando così il rischio di versarlo più o meno accidentalmente per strada.

L'ordinanza è firmata dal sindaco Diego Cammarata e ha di fatto un destinatario ben preciso: I'azienda ltalcementi di Isola delle Femmine, che è tornata recentemente

a utilizzare il Pet-coke come combustibile dei propri impianti.

Cosa che peraltro nelle scorse settimane ha anche suscitato non poche polemiche, con tanto di blocchi stradali degli operai, intervento del prefetto e nulla

osta osta prima negato o poi concesso dall'assessorato regionale al Territorio.

Alla base del problema c'è proprio I'alto tasso di pericolosità di questo tipo di materiale.

Un prodotto di scarto che si ottiene dal processo di condensazione di residui

petroliferi pesanti e oleosi e che è costituito - si legge nella relazione che accompagna il provvedimento del sindaco -da idrocarburi aromatici policiclici ad alto peso molecolare ed elevata tossicità'”

Questo tipo di combustibile comprende inoltre anche sostanze che, se inalate - scrive il dirigente del servizio ambiente del Comune, Attilio Carioti - Possono causare il cancro alle vie respiratorie.

A sollecitare il blocco dei camion col pet-coke era stata I'Ottava circoscrizione,con un apposito documento inviato al Comune, con cui si chiedeva il blocco dei camion della Italcementi.

E nello stesso provvedimento di blocco del trasporto si legge in effetti che “tali carichi venivano trasportati attraverso I' agglomerato urbano a mezzo di camion muniti di semplici teloni e che tali carichi rappresentano un grave rischio per la salute dei cittadini, in quanto tale modalità di trasporto non impedisce il rilascio di materiale in ambiente, sia sotto forma di deposito che sotto forma di Polveri sottili in atmosfera, on grave pregiudizio della salute dei cittadini.

D'ora in poi dunque stop ai normali camion carichi di Pet-coke.

E la ltalcementi? “stiamo esaminando Il contenuto del provvedimento -dicono dalla cementeria di Isola della Femmine - e solo successivamente valuteremo se pronunciarci , e, se del l caso, prendere gli adeguati provvedimenti.

Ci domandiamo tuttavia perché la questione pet-coke,combustibile il cui utilizzo è consentito e regolato dalla legger, rappresenti un problema solo per Isola delle Fernmine, visto che viene utilizzato in altri impianti - non soltanto cementifici - presenti in Sicilia e nel resto d'Italia

M. R.






















Effetti del cromo esavalente sulla cellularità polmonare
Il cromo metallico ed i composti del cromo trivalente ed esavalente sono largamente impiegati in ambito industriale. L’esposizione professionale a cromo (Cr), anche a basse concentrazioni, può causare flogosi delle vie aeree e asma bronchiale. Evidenze sperimentali suggeriscono che l’espettorato indotto è una metodica valida per analizzare gli indici cellulari e biochimici di infiammazione polmonare. Allo scopo di ottenere informazioni sull’infiammazione polmonare causata dall’esposizione professionale a Cr sono stati valutati gli effetti su 11 lavoratori maschi addetti alla cromatura galvanica ed i risultati confrontati con quelli ottenuti in un gruppo di 9 soggetti non esposti. Tutti i partecipanti, non fumatori e non affetti da patologie polmonari in atto, sono stati sottoposti a spirometria e a valutazione dell’espettorato indotto. I parametri spirometrici sono risultati normali. Nei campioni di espettorato la concentrazione leucocitaria totale (82,98 ± 49,00 x104 cell/ml vs 68,89 ± 22,71 x104cell/ml) e la concentrazione assoluta dei neutrofili (53,08 ± 34,79 x104cell/ml vs 40,45 ± 12,52 x104 cell/ml) sono risultate maggiori negli esposti rispetto ai non esposti. I risultati ottenuti, anche se non statisticamente significativi, anche a causa del modesto numero di partecipanti allo studio, potrebbero indicare la presenza di iniziali alterazioni flogistiche.
Parole chiave: cromo esavalente, cellularità polmonare, flogosi delle vie aeree .

Il cromo metallico è largamente impiegato nell’industria. I principali bersagli del Cr sono cute e mucose.
L’esposizione a Cr, a concentrazioni anche inferiori agli attuali TLV, può provocare infiammazione delle mucose bronchiali e asma nei lavoratori esposti (1). Studi citologici di campioni ottenuti mediante BAL e biopsia bronchiale hanno evidenziato che i composti del Cr possono essere rilevati nei tessuti polmonari degli esposti e indurre modificazioni degli indici cellulari di flogosi (2). Numerosi studi hanno evidenziato che l’espettorato indotto è una metodica valida, già utilizzata per analizzare gli indici cellulari e biochimici di flogosi polmonare nello studio dell’asma bronchiale, della bronchite cronica, delle esposizioni a tossici ambientali e professionali e dell’effetto di alcuni farmaci sull’infiammazione delle vie aere.

Valutazione dell’esposizione professionale ad IPA in lavoratori

Valutazione dell’esposizione professionale ad idrocarburi policiclici aromatici (IPA) in lavoratori di cokeria mediante un programma di monitoraggio biologico che prevede la misurazione dei livelli urinari dell’1-idrossipirene (1-IP) quale indicatore di dose interna, verificando l’affidabilità di tale biomarcatore nel discriminare differenti situazioni operative comportanti diverse condizioni di esposizione (1). Si è proceduto inoltre alla valutazione dell’eventuale influenza di selezionati polimorfismi metabolici del citocromo P450 1A1, e della glutatione S-transferasi ì (GSTM1) e è (GSTT1) sui livelli del biomarcatore, in quanto la variabilità inter-individuale nella suscettibilità alle sostanze cancerogene sembra dipendere in larga misura da fattori che intervengono nella sequenza di metabolizzazione di tali composti (2, 8, 9, 10).
Gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono una famiglia di composti organici ad alto peso molecolare, la cui struttura contiene due o più anelli benzenici condensati. Gli IPA si formano durante processi di pirolisi o di combustione incompleta di materiali organici e sono perciò presenti nell’ambiente in modo ubiquitario, sia in fase vapore che adsorbiti sul particolato atmosferico. Nelle aree urbane la fonte principale di questi composti è rappresentata dagli scarichi autoveicolari, mentre altre fonti di esposizione a IPA, oltre quelle professionali, sono il fumo di tabacco e il consumo di cibi affumicati o cotti alla griglia (1). La IARC classifica alcuni IPA come probabili o possibili cancerogeni per l’uomo (2A o 2B) (2). Per il monitoraggio biologico dell’esposizione a IPA viene storicamente usato l’1-idrossipirene, il principale metabolica urinario del pirene, un composto sempre presente nelle miscele aerodisperse di IPA. La composizione delle diverse miscele di IPA varia però in funzione dei differenti processi di combustione, e l’1-idrossipirene può quindi fornire solo una stima indiretta della esposizione complessiva a IPA (3,4). Scopo di questo lavoro è stato indagare il possibile utilizzo dell’escrezione urinaria di IPA tal quali come indicatori specifici di esposizione a IPA.

Considerazioni sul ruolo dei coniugati mercuro-tiolici nella tossicità cardiovascolare del metallo
Il mercurio è un metallo la cui tossicità per l’uomo coinvolge organi bersaglio quali il sistema nervoso centrale e il rene.
Sono state inoltre espresse preoccupazioni nei confronti dell’eventuale coinvolgimento del mercurio quale agente tossico corresponsabile della comparsa di alterazioni patologiche a carico del sistema nervoso centrale e del sistema neuro-immunitario in soggetti portatori di otturazioni dentarie in amalgama di mercurio e in bambini sottoposti a vaccinazione con vaccini contenenti composti
Organo mercuriali quali agenti conservanti antibatterici. Recentemente inoltre è stato rivalutato il suo possibile ruolo nell’eziopatogenesi di alcune malattie cardiache. Lo studio delle forme chimiche attraverso le quali il mercurio è distribuito nell’organismo ed esercita le azioni tossiche selettive su recettori cellulari specifici degli organi bersaglio rappresenta un attivo campo di ricerca (1,2). In particolare, le forme coniugate del mercurio con i composti appartenenti alla griglia metabolica del glutatione, costituiscono i metaboliti di trasporto epatobiliare sia della specie metilmercurio (MeHg+) che dello ione mercurico (Hg2+) e sono responsabili dell’accumulo irreversibile del metallo all’interno delle cellule del tubulo renale prossimale, causa prossima della nefrotossicità del mercurio.

http://www.fsm.it/gimle/26/4s/01.pdf
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com

Sunday, October 19, 2008


















La proposta di legge regionale, sui costi della politica, ha chiaramente messo in crisi TUTTI i “politicanti” locali affaccendati nella preparazione delle candidature per le prossime elezioni amministrative.
Tutti sappiamo a Isola delle Femmine, che la disponibilità a cariche da ricoprire e stipendi da percepire, condiziona la candidatura in una Qualsiasi lista elettorale.

Se per un attimo ci soffermiamo sulla proposta di legge approvata dalla giunta Lombardo scorgiamo che:
-La riduzione del numero degli assessori da 7 a 4;
-Il taglio alle indennità aggiuntive per sindaco e presidente del Consiglio;
-Il Gettone presenza così come i consiglieri comunali, per il VICE PRESIDENTE del Consiglio;
-L’addio all'aspettativa retribuita per gli eletti nei consigli;
-Lo stop ai permessi per i consiglieri-dipendenti che non potranno più andare in aspettativa con contributi a carico dell'ente.


Sicuramente creerà una situazione di SCOMPIGLIO in un ravvicinato futuro della vita politica amministrativa di Isola delle Femmine.

La politica è la vita della comunità sociale ed economica, e chi la gestisce e la usa esclusivamente per un proprio interesse personale e di potere dovrebbe essere buttato fuori da chi lo ha eletto.
Difficile pensarlo sapendo che chi lo ha eletto aspetta o il "favore personale" o.......
Bisognerebbe soltanto che ci accorgessimo quanto fondamentale in questo momento è il sacrificio di tutti perchè del finto benessere che alcuni si arrogano di dovere vivere, se ne può fare a meno.


http://siciliaannouno.blogspot.com
http://isolapulita.vox.com/

Saturday, October 18, 2008











La proposta di legge regionale, sui costi della politica, ha chiaramente messo in crisi TUTTI i “politicanti” locali affaccendati nella preparazione delle candidature per le prossime elezioni amministrative.
Tutti sappiamo a Isola delle Femmine, che la disponibilità a cariche da ricoprire e stipendi da percepire, condiziona la candidatura in una Qualsiasi lista elettorale.

Se per un attimo ci soffermiamo sulla proposta di legge approvata dalla giunta Lombardo scorgiamo che:
-La riduzione del numero degli assessori da 7 a 4;
-Il taglio alle indennità aggiuntive per sindaco e presidente del Consiglio;
-Il Gettone presenza così come i consiglieri comunali, per il VICE PRESIDENTE del Consiglio;
-L’addio all'aspettativa retribuita per gli eletti nei consigli;
-Lo stop ai permessi per i consiglieri-dipendenti che non potranno più andare in aspettativa con contributi a carico dell'ente.


Sicuramente creerà una situazione di SCOMPIGLIO in un ravvicinato futuro della vita politica amministrativa di Isola delle Femmine.

La politica è la vita della comunità sociale ed economica, e chi la gestisce e la usa esclusivamente per un proprio interesse personale e di potere dovrebbe essere buttato fuori da chi lo ha eletto.
Difficile pensarlo sapendo che chi lo ha eletto aspetta o il "favore personale" o.......
Bisognerebbe soltanto che ci accorgessimo quanto fondamentale in questo momento è il sacrificio di tutti perchè del finto benessere che alcuni si arrogano di dovere vivere, se ne può fare a meno.


http://siciliaannouno.blogspot.com
http://isolapulita.vox.com/

Friday, October 10, 2008

Capaci, dietrofront sul patrimonio del padrino


Capaci, dietrofront sul patrimonio del padrino

Era il rappresentante del boss Salvatore Lo Piccolo a Capaci, ma una condanna per associazione mafiosa non è bastata per confiscargli i beni. La sezione misure di prevenzione del Tribunale ha restituito un patrimonio da cinque milioni di euro all' imprenditore Giuseppe Vassallo, condannato, ormai in via definitiva, a quattro anni di carcere. Era finito in manette nel 1999, nell' ambito dell' operazione della polizia "San Lorenzo 2": ha ormai scontato il suo debito con la giustizia. E si è difeso con una montagna di documenti davanti ai giudici che dovevano decidere sul suo patrimonio, una settantina di beni, fra terreni, società e conti correnti sequestrati nel 2005. Obiettivo, dimostrare che era un patrimonio acquisito legittimamente. La ricostruzione proposta dal legale di Vassallo, l' avvocato Giuseppe Scozzola, ha convinto il collegio presieduto da Cesare Vincenti. Ed è arrivato il provvedimento di restituzione. Che è ormai diventato definitivo. Solo un libretto di deposito, con 100 mila euro, è rimasto sequestrato. Adesso, la difesa di Vassallo chiede alla corte d' appello di acquisire tutta la documentazione in banca. E punta alla restituzione anche di quest' ultima fetta di patrimonio. Diceva di Vassallo il pentito Giovanbattista Ferrante rispondendo alle domande dei pm Vittorio Teresi, Domenico Gozzo e Gaetano Paci: «è uomo d' onore di Capaci. Diverse volte, sono stato io stesso a consegnargli dei soldi che dovevano andare direttamente alla famiglia. Vassallo mi diceva che stava cominciando a muoversi. Voglio dire, muoversi per il solito problema dei soldi. Stava cominciando a muoversi per fare dei danneggiamenti, per le estorsioni chiaramente». Nella sentenza che ha portato alla condanna dell' imprenditore di Capaci hanno pesato anche le dichiarazioni di altri collaboratori di giustizia. Isidoro Cracolici, ad esempio, raccontò che era stato lui a portare a Vassallo l' ambasciata di Salvatore Lo Piccolo: «Gli facevo sapere dell' investitura al vertice della famiglia di Capaci». Così, il padrino di Tommaso Natale si assicurava un altro uomo fidato nello scacchiare della provincia: a metà degli anni Novanta, Lo Piccolo costruiva con pazienza la base del suo potere. Il caso Vassallo riapre il dibattito sulle misure di prevenzione per i boss. Seguono un percorso diverso (a volte parallelo, a volte no) rispetto a quello del processo penale. Le cronache dei mesi scorsi hanno registrato anche assoluzioni dal reato di associazione mafiosa e, al contempo, corposi sequestri o confische. I magistrati chiedono da tempo una riforma del sistema, soprattutto per assicurare strumenti d' indagine più incisivi per i pm che si trovano a sostenere in tribunale una richiesta di sequestro di beni. Le dichiarazioni dei pentiti possono essere sufficienti per una condanna, ma non per un sequestro. Perché, generalmente, poco o nulla sanno sui patrimoni di mafia. Così è accaduto per Giuseppe Vassallo: troppo generiche le indicazioni di Ferrante sui soldi che l' imprenditore avrebbe «fatto» con il sistema delle estorsioni mafiose imposte ai commercianti e agli imprenditori di Capaci. Alla difesa è bastata una memoria ben fatta, con tutti gli allegati necessari, per dimostrare che redditi e proprietà erano frutto del sudato lavoro di un imprenditore edile. Che poi era il boss del paese. Ma alle attuali norme sulle misure di prevenzione non importa: anche i boss possono lavorare e guadagnare onestamente. Chissà che presto Giuseppe Vassallo possa pure chiedere la riabilitazione al tribunale di sorveglianza, per la buona condotta dimostrata in carcere e nella società, dopo i quattro anni in carcere. L' avvocato Scozzola assicura che Vassallo fa vita ritirata, in famiglia.
SALVO PALAZZOLO

Thursday, October 02, 2008




SCUSATE L’INTERRUZIONE!

Nostra è la convinzione che “Il Silenzio Uccide”.
I gravi fatti succedutosi in questi ultimi mesi,nel nostro Paese, culminati con la circolazione di equivoci manifesti (pro o contro la Mafia?) non ci permette tentennamenti, silenzi o minimizzazione dei gravi fatti.

Ad una settimana di distanza Isola delle Femmine ancora una volta tappezzata dei soliti manifesti ANONIMI.

Forse la risposta può essere cercata nella “motivazione”, nel PERCHE’? del FOLLE gesto.

Esprimiamo la nostra solidarietà ai Cittadini di Isola delle Femmine oltre che al Sindaco e all’intero Consiglio Comunale, ed in sintonia con quanto dichiarato dal Questore di Caserta “ mi aspetto che la parte buona della popolazione, e penso che c’è ne siano tanti di Cittadini sani, si rivolti”, denunciamo che nel Nostro paese non c'e' solo un'emergenza legalita'.

Spesso il terribile problema della mafia e' utilizzato, con un sapiente lavoro di informazione deviata, per distrarre l'attenzione dell'opinione pubblica dal losco intreccio politico-affaristico che ha dissanguato e continua a dissanguare non solo il nostro paese di Isola delle Femmine.

C’è un'emergenza morale che riguarda tutti noi cittadini, se non ci ribelliamo - con atti concreti di ribellione - diventiamo automaticamente collusi, le persone che vedono tutto questo scempio e non fanno nulla non meritano la dignita' di dirsi "persona onesta".

La menzogna ha cento volte più presa sull'uomo della verità e la sua potenza non va sottovalutata.

Cominciamo a gridare la nostra indignazione denunciando i fatti di immoralita' come questo ovunque siamo, in fila alla posta o dal medico, mentre facciamo la spesa e dal giornalaio, dalla parrucchiera o dal barbiere, facendo senza timore i nomi ed i cognomi dei protagonisti, affinche’ rimangano bene impressi nelle menti di tutti quando andremo a fare delle scelte, siano esse nella cabina elettorale dall’edicolante.

Tutti devono sapere come funziona e per chi funziona la macchina amministrativa, come vengono deturpate le nostre bellezze naturali, come viene aggredito selvaggiamente il nostro territorio con l’ormai consolidata pratica dell’abusivismo edilizio, come vengono sperperate “trafugate” le pubbliche risorse economiche, tutto questo, mentre sprofondiamo nella crisi economica piu' profonda, mentre gli onesti padri di famiglia non riescono piu' a mantenere i propri figli all'universita', mentre la nostra migliore gioventu' e' costretta ad emigrare per poter lavorare e mentre la CASTA si ingozza ed ingrassa sempre di piu'vergognosamente e senza pudore.




http://siciliaannouno.blogspot.com